FC Barcellona | 1×1 Bara contro la Juventus

Recitazione alle 05:54

Est


Ousmane Dembele ha segnato una doppietta diventando il miglior giocatore del Barça nel pareggio contro la squadra italiana (2-2)

Lewandowski non ha molti contatti con i compagni, ma ha avuto due buone occasioni per esordire con il Barça in una partita in cui Xavi ha dato occasioni a quasi tutti i convocati.

Esso FC Barcelona non sono riusciti a battere la Juventus nella partita meno perfetta del tour delle Americhe (2-2). Ousmane Dembele ha segnato due gol ed è stato il miglior giocatore di culé nel pareggio contro la squadra italiana. Robert Lewandowski Non ha molto a che fare con i compagni, ma ha due buone occasioni per esordire con la maglia del Bara.

Andrea Christensen ha convinto ancora e Frank Kessi hanno confermato che Bara perde un profilo come lui a centrocampo. Sergio Busquet È stato il migliore a centrocampo dove Kessie e Nico hanno giocato meno.

Nella ripresa Xavi ha colto l’occasione per dare una chance a tutti gli outfield convocati per il tour tranne che pedi voi Ronald Araujo, che era stato escluso prima dell’amichevole a causa di una pausa. Particolarmente degna di nota è la performance di a rapinha che in appena mezz’ora si ricordava ancora una volta che voleva essere importante al Camp Nou.


6

Ter Stegen, portiere

Frullati

La Juventus ha avuto notevoli momenti di possesso palla e molta ispirazione da Di María e non è riuscita a mantenere la porta inviolata. Fino ad oggi non ha subito un gol nel tour degli Stati Uniti. Ha parato un tiro di ‘Fideo’ ben prima del quarto d’ora di gioco ed è stato ottimo su cross laterale, ma non ha potuto fare nulla nel primo gol di Kean.


5

Sergio Roberto, difensore

Sfortunato

Non sale molto in attacco e, in difesa, non trasmette eccessiva compostezza. ‘Vecchia signora’ lo cercò e focalizzò il suo attacco sulla sua banda.


7

Andreas Christensen, difensore

Attento

Una nuova convincente performance del danese. L’ex giocatore del Chelsea ha continuato a chiarire i dubbi che lo hanno accompagnato al suo arrivo al Barcellona. Abile nel tirare fuori palla, attento all’anticipo e solido nel duello, si è trovato ancora una volta d’accordo con Eric Garcia e ha individuato momenti in cui doveva commettere un fallo per sventare alcuni attacchi dei bianconeri.


6

Eric Garcia, difensore

Cartello

Ha compiuto la sua missione. Senza clamore, si è dedicato a difendere con fermezza e ad iniziare la partita dalle retrovie. Può fare un po’ di più in porta, ma in generale sa tenere a bada l’attaccante italiano.


6

Jordi Alba, difensore

Calma

Meno partecipativo del solito. È un titolare di sinistra, ma sembra che la strategia offensiva del Barça in questa stagione non dipenda molto dal suo contributo. La pluralità è sempre stata un buon affare nel calcio.


7

Sergio Busquets, centrocampista

guaritore

Quando la squadra esercita una pressione forte ed efficace, il capitano sorride. Uno di Badia ha iniziato la partita con due spettacolari recuperi e ha dato un senso a tutta l’azione attraverso le sue scarpe. La parte di base per lo schema Xavi.


6

Nico Gonzalez, centrocampista

trasferito

Dopo tre partite consecutive da pivot, è tornato alla demarcazione interna. Sta bene sotto pressione. Si sente a suo agio in una posizione più avanzata e senza molto impegno difensivo, anche se ha sofferto quando la Juventus si è fatta avanti. È andato abbastanza lontano nella zona di Szczesny.


6

Kessi, centrocampista

Veloce

Bara manca il suo profilo a centrocampo. La Costa d’Avorio copre molto territorio ed è una minaccia costante per la difesa bianconera. Ha ‘attaccato’ lo spazio con determinazione e ha prodotto, con le sue mosse, diverse occasioni pericolose.


8

Dembele, attaccante

inaspettato

Sta iniziando per la prima volta in questa preseason. Ha cercato di fare la differenza e ha avanzato un argomento nella lotta per una posizione con Raphina. E non avrebbe potuto farlo più forte. Non è iniziato bene, ma a poco a poco è migliorato. Non ha recitato in una prestazione spettacolare, ma ha segnato due bei gol dopo due azioni individuali. Nella ripresa ha avuto un po’ di fortuna.


6

Robert Lewandowski, attaccante

Minacciare

Continua ad adattarsi all ‘”Universo Xavi”. Ha provato ad esordire con l’elastico di Bara con un tiro da fuori area e con un bel colpo di testa. La sua sola presenza intimidiva, anche se non aveva molti contatti con i compagni.


5

Aubameyang, andiamo

Nascosto

Abbastanza perso, Gabon. Nonostante ciò, ha dimostrato di dover essere un po’ “bagnato” in azione dove, dopo aver recuperato sul campo avversario, ha realizzato un tiro potente che ha sfiorato il palo.


6

Sergio Dest, difensore

Sostituzione

È entrato in campo prima del previsto a causa dell’infortunio di Sergi Roberto. Inizia il gioco del primo gol di Dembele. Avrebbe potuto fare di più nel secondo gol della Juventus.


6

Inaki Pena, portiere

Difficile

Gli mancano 45 minuti per continuare a prendere fiducia. Non ha potuto evitare il gol di Kean dopo una bella manovra della Juventus in cui la difesa del Barça non era forte, ma ha fatto delle parate preziose. La partenza di Neto è sempre più vicina e, salvo sorpresa, sarà il secondo portiere della squadra di culé nella stagione 2022/23.


6

Frenkie de Jong, centrocampista

Centro

Era di nuovo un sostituto. È tornato a giocare nel secondo tempo. E lo ha fatto di nuovo da centrale. Il messaggio di Xavi Hernández non potrebbe essere più chiaro. Fino a quando il suo futuro non sarà determinato, l’olandese non avrà posto a centrocampo. Sull’asta difensiva non è stato male, anche se non è stato categorico nella respinta prima del secondo gol di Kean.


7

Miralem Pjanic, centrocampista

Retroattivo

Disconnesso, ma non dal gioco ma dai rumors sul suo futuro. Il giocatore bosniaco gioca come centrocampista difensivo ed è molto bravo. La versione migliore è l’intuizione. Snellisce la circolazione della palla, aiuta ad affrontare la linea e prendere la linea. È stato audace con un calcio di punizione in avanti che è andato di poco a lato.


7

Gavi, centrocampista

guerriero

Non ci sono amichevoli per Los Palacios e Villafranca. Ha dato il massimo indipendentemente dai rivali e dalla situazione. Con lui, Bara gioca un gioco più diretto. Ha avuto una chiara possibilità di sigillare la vittoria per culé all’86 ° minuto.


7

Rafinha, vai avanti

Strega

Ha dei goblin. E oro per mancini. Non è stato marcato per la prima volta, ma ha dimostrato ancora una volta in mezz’ora di essere un giocatore differenziale. Ha speronato un calcio di punizione nel palo e ha portato verticalità alla squadra. Un calciatore speciale.


6

Ansu Fati, vai avanti

predatore

Non ci pensa due volte quando ha la possibilità di segnare. Crosshead ha impedito il suo gol nel gioco subito dopo un fallo di Raphina.


6

Gerard Pique, difensore

Rilassare

È un po’ impegnativo. Fa il suo lavoro senza pressioni o problemi. È stato licenziato prima della classica Las Vegas e, a poco a poco, ha guadagnato forza.


6

Alejandro Balde, difensore

Imbarazzato

Non è migliorato molto nonostante il Barça fosse in vantaggio sulla Juventus quando era sul ‘verde’. In difesa, ha detto.


6

Memphis Depay, andiamo

Persistente

Il suo atteggiamento è davvero lodevole. Nessuno è da biasimare. Fa sempre del suo meglio. L’insistenza, in questo caso, è inutile. Anche se lo farà nel tratto finale del gioco.


6

Pablo Torre, centrocampista

Promettente

Ha approfittato del quarto d’ora di gioco che Xavi gli ha concesso per continuare a offrire dettagli del suo incredibile potenziale. Ha fatto un grande passaggio a Gavi. Molto attivo nei giochi di abbinamento.


6

Alex Collado, centrocampista

Impulsivo

Si vede molto in pochissimo tempo. Ed è sempre positivo. Ha ricevuto un cartellino giallo dopo essere entrato nel campo di gioco.


6

Marc Casado, centrocampista

Regalo

Più occasioni dalla fascia destra per i giovani. Xavi gli credette.


6

Abde Ezzalzouli, fatti avanti

dopo

È difficile per lui entrare in gioco, ma quando lo fa, le cose accadono. L’esterno marocchino è uno di questi calciatori che è diventato il nemico dell’indifferenza.

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.