Felix, McLaughlin, Duplantis, “mostrano” il colpo a Eugene

Una sola medaglia per i Blues

Una sola medaglia. Salvati da zero da Kevin Mayer come alle Olimpiadi di Tokyo, i Blues hanno confermato agli Eugene Worlds di essere diventati una piccola nazione nell’atletica leggera internazionale, a due anni dai Giochi di Parigi.

Alcuni motivi di speranza esistono, ma la febbre regna ancora dietro le quinte. Dopo una mattina grigia, il sole sorge sempre sulle verdi foreste dell’Oregon. Per la squadra francese la luce sarà ancora in attesa.

Nonostante l’oro dell’oste Kevin Mayer, i Blues hanno riportato dagli Stati Uniti il ​​loro peggior record ai Mondiali di atletica leggera da zero punti a Stoccarda nel 1993, e nel complesso meno bene che a Doha nel 2019 (due medaglie, ma nessun titolo).

Nessuno sfruttamento

In linea con Tokyo, la Francia non è riuscita a conquistare un podio sorprendente, quasi nessuno dei quali era in cima al bilancio mondiale.

Kevin Mayer, Quentin Bigot (4° nel martello), Renaud Lavillenie (5° nel salto con l’asta) o anche Gabriel Tual (6° negli 800m) mantengono le loro posizioni. La staffetta 4x400m e 4x100m maschile è arrivata alla finale e diversi volti nuovi a questo livello sono riusciti a passare, come la specialista di corse di cavalli di 3000 m Alice Finot (10) o l’ostacolista Just Kwaou-Mathey (record personale nei 110 m mezzo ostacoli).

L’impresa quasi tricolore è arrivata dai 400 ostacoli con Wilfried Happio, un inaspettato 4 a pochi respiri dal podio dopo una magnifica finale, record personale schiacciato.

“A giudicare un po’ troppo presto”

Il direttore delle prestazioni della Federazione francese di atletica leggera (FFA) Romain Barras ha continuato ad apprezzare “l’evoluzione della mentalità e la convivenza”, all’interno della squadra, accolta dagli atleti.

“Questo Campionato del Mondo è un’esperienza molto, molto buona per costruire un nucleo di alte prestazioni per questa squadra francese alla luce dei Campionati Europei di Monaco (15-21 agosto), con una squadra allargata che avrà bisogno di questo slancio qui. Eugene “, disse Barras. .

“Per Parigi-2024 abbiamo due anni, questo è l’inizio di un’avventura. Monaco è il primo passo, Budapest Worlds (2023) sarà il secondo. Trarre conclusioni da Eugene per il 2024 è un po’ prematuro”.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.