Fiducia. Pullman e ultratrailer, aprirà una scuola di trail in città

quello importante
Antoine Biard, preparatore atletico, allenatore sportivo ed emerito di ultrarimorchio, aprirà all’inizio dell’anno scolastico, a Foix, la prima associazione etichettata trail school in Ariège. Una nuova attività per i bambini dai 6 ai 18 anni.

All’inizio dell’anno scolastico, la città distrettuale ospiterà la prima scuola di corsa certificata del dipartimento. Dietro questo progetto senza precedenti, un famoso sportivo nel paese degli Olmes: Antoine Biard. Originario di Léran, preparatore atletico e allenatore sportivo, anche lui esperto ultra-trailer, si è recentemente trasferito a Foix. Ed è qui che ha deciso di iniziare questa nuova avventura.

Laureato alla licenza Staps, conseguita a Font-Romeu, e istruttore di sci alpino, l’atleta non smette mai di voler trasmettere la sua passione, che ora è diventata la sua professione. Già coinvolto in Foix con l’associazione di corsa, Philippides, fornisce anche supporto “sport/salute” a casa per diversi pubblici nel dipartimento. “Questo può essere per gli atleti che sono più o meno di alto livello così come per i genitori che hanno perso la loro autonomia”, ha spiegato.

Sperimenta quanto vuole oggi per servire questa nuova sezione, che si unirà alla rete esistente di scuole di trail. Creato per la prima volta nel 2018 a Millau, ora conta altre 16 sezioni in tutta la Francia. Per aderire a questa rete, Antoine Biard, accompagnato da guide alpine e altro personale formato, ha formato un’associazione di sostegno. Per essere etichettato, deve seguire le specifiche stabilite.

Sport, ma anche scoperta e soprattutto divertimento

Lungi da un preconcetto di disciplinato, vero sport di resistenza, la vocazione primaria delle scuole di trail è quella di accogliere i giovani tra i 6 ei 18 anni per introdurli alla pratica di questo sport in un ambiente naturale in modo divertente. . “La nozione di divertimento è molto importante, l’idea è proprio quella di introdurre questa disciplina attraverso giochi e laboratori vari”, ha proseguito Antoine Biard. Oltre all’aspetto fisico, l’obiettivo è anche quello di essere più consapevoli dell’ambiente che ci circonda, di conoscere meglio la fauna e la flora di montagna. Ad esempio, ogni tanto ci saranno delle uscite con guide alpine o altri esperti”.

Una o due volte alla settimana, al di fuori delle vacanze scolastiche, i bambini incontreranno educatori qualificati in base alla loro fascia di età. La tecnica di corsa, l’imparare a mettere piede in salita e in discesa, l’impostazione della velocità e dello sforzo, la consapevolezza dell’idratazione e una buona alimentazione… saranno tutti trattati.

Per fare ciò, Antoine Biard ha individuato i siti che potrebbero ospitare queste sessioni: giardini Bouychères, terrazze Pech, Montgailhard, Prayols, ecc. “Costruire una scuola a Foix ti permette di essere al centro del dipartimento e allo stesso tempo vicino a questa zona montuosa, oa un interessante ambiente naturale.”

L’ultra trailer, forte della sua rete, ha trovato persone interessate. Sono aperte le pre-iscrizioni per bambini e ragazzi che vogliono lasciarsi tentare.

Info e preiscrizione: ecoledetrailfoix@gmail.com.

Si sta preparando per il Tor des Géants, una corsa di 330 km su quattro montagne

Al di là della sua passione per la trasmissione, Antoine Biard è anche un instancabile ultra-trailer. L’uomo che ha concluso, nel 2019, l’UTMB (Ultra Trail du Mont-Blanc) e la Diagonale des fous a Reunion, a poche settimane di distanza, ha deciso quest’anno di lanciarsi in una nuova sfida. Che partecipa, “e finendo”, al Tor des Géants. Questa gara, che si svolge in Italia l’11 settembre, è caratterizzata da una pista… 330 km e un dislivello di 24.000 metri. Solo quello! “Due volte, in termini di chilometri, le gare che ho corso finora”, ammette il trail runner. In piena preparazione per quella che fu una vera impresa sportiva, Antoine Biard fece molte escursioni in montagna e in bicicletta. “C’è un aspetto fisico, ma anche e soprattutto mentale. Questo è ciò che farà la differenza in questa gara”. Quello, ma anche la fatica e la gestione del sonno. Perché se la competizione viene vinta in 68 ore, il tempo massimo è di 150 ore. Sono circa sei giorni.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.