Formula 1: Vittoria orribile per Hamilton e primo con Ferstappen – Si valuterà tutto ad Abu Dhabi

In uno dei Gran Premi più episodici degli ultimi anni, Lewis Hamilton ha vinto in Arabia Saudita e ora il titolo di Formula 1 di quest’anno sarà giudicato nell’ultima gara dell’anno, la prossima settimana ad Abu Dhabi.

La Mercedes del britannico, che ha fatto registrare il giro più veloce, ha coperto gli otto punti di distacco che lo separavano dall’olandese Max Ferstappen della Red Bull, arrivato secondo, e così il campione del mondo diventerà campione del mondo quale dei due “piloti” arriverà più in alto . Domenica prossima (12/12).

In una partita dai nervi in… rosso, dopo che il titolo era stato giudicato a metà, sono successe cose straordinarie. Hamilton è partito in modo impressionante dalla pole position e ha preso il comando, con il “compagno di squadra” Valteri Botas che tiene Ferstappen dietro di lui. Tuttavia, le due Mercedes si sono precipitate per cambiare le gomme, in seguito alla caduta di Mick Schumacher, e quando al 13° giro gli organizzatori hanno deciso di mettere in pausa la gara, per liberare la pista, l’olandese era davanti, avendo la possibilità di cambiare le gomme. durante i tempi di inattività.

Quando l’auto si fermò, Hamilton fu “buttato” in avanti e Ferstappen guidò… dritto alla prima curva per stare davanti, infrangendo le regole. Poi c’è stata una collisione di tre auto (Peres, Mazepin, Russell), quindi si è fermata di nuovo. Per evitare una sanzione più severa, la Red Bull ha accettato un’offerta di partita per far partire Ferstappen dietro il britannico alla terza partenza di fila della gara, con Sebastian Okon in primo luogo, che in preda al panico aveva superato Hamilton.

Al terzo avvio, la scena si è capovolta. L’olandese è stato quello che è andato più veloce di tutti ed è uscito davanti, con Hamilton dietro ad Okon. Da qualche parte lì, tuttavia, è iniziato il recital di guida del sette volte campione del mondo. Dopo aver superato Okon, iniziò a premere Ferstappen. Dopo due pause nell’iconica safety car (la prima a causa dell’incidente di Chudonta, la seconda dopo il contatto di Vettel con Raikkonen), i due gladiatori hanno iniziato la parte finale della lotta (18 giri) senza rientrare ai box. Il britannico ha fatto il suo attacco, Ferstappen ha cercato di stare davanti portandolo fuori rotta e poco dopo ha frenato – presumibilmente per far passare Hamilton – i due si sono toccati! L’arbitro ha stabilito che era colpa del pilota della Red Bull, lo ha penalizzato con una penalità di cinque secondi e Hamilton è andato avanti e ha raggiunto il traguardo, assicurandosi gli ultimi punti e extra per il giro più veloce, poiché la vecchia gomma dell’olandese non era ora in grado di guidare al suo limite.

Va notato che il terzo posto è stato davvero segnato nell’ultima gara consecutiva, dove Valteri Botas ha superato Sebastian Ocon (Alpino) della Francia, aumentando significativamente il “vantaggio produttivo” della Mercedes contro la Red Bull, che ha visto Sergio Perez lasciare dopo il suo conflitto all’inizio il secondo. .

Top ten al Gran Premio dell’Arabia Saudita:
1. Lewis Hamilton (Regno Unito / Mercedes) 2h.06:15.118
2. Max Ferstappen (Paesi Bassi / Red Bull-Honda) +11,825
3. Valteri Botas (Finlandia / Mercedes) +27.531
4. Esteban Ocon (Francia / Alpine-Renault) +27.633
5. Daniel Ricciardo (Australia / McLaren-Mercedes) +40.121
6. Pierre Gasli (Francia / AlphaTauri-Honda) +41.613
7. Charles Leclerc (Monaco / Ferrari) +44.475
8. Carlos Saint J. (Spagna / Ferrari) +46.606
9. Antonio Giovannizi (Italia / Alfa Romeo-Ferrari) +58,505
10. Lando Norris (Regno Unito / McLaren-Mercedes) +1: 01.358

Classifica nella classifica corridori:
1. Max Ferstappen (Paesi Bassi) 369,5 punti
2. Lewis Hamilton (Regno Unito) 369,5
3. Valteri Botas (Finlandia) 218
4. Sergio Perez (Messico) 190
5. Charles Leclerc (Monaco) 158
6. Lando Norris (Inghilterra) 154
7. Carlos Saint J. (Spagna) 149,5
8. Daniel Ricciardo (Australia) 115
9. Pierre Gusly (Francia) 100
10. Fernando Alonso (Spagna) 77
11. Esteban Ocon (Francia) 72
12. Sebastian Vettel (Germania) 43
13. Lance Stroll (Regno Unito) 34
14. Yuki Chunoda (Giappone) 20
15. George Russell (Inghilterra) 16
16. Kimi Raikkonen (Finlandia) 10
17. Nicholas Latifi (Canada) 7
18. Antonio Giovannisi (Italia) 3

Valutazione del produttore:
1. Mercedes 587.5 punti
2. Red Bull-Honda 559,5
3. Ferrari 307.5
4. McLaren-Mercedes 269
5. Alpine-Renault 149
6. Alfa Tauri-Honda 120
7. Aston Martin-Mercedes 77
8. Williams-Mercedes 23
9. Alfa Romeo Racing-Ferrari 13
10. Haas-Ferrari 0

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.