Fortuna, vittoria e prove…

E non si tratta solo di vincere, come ieri ad Alkazar che ha battuto 2-1 l’Almopos Arideas (gol di testa: Kousta 9′, Th. Papageorgiou 14′ per AEL e ridotto di Triantaphyllakis al 74′ degli ospiti).
Il “viola” resta al secondo posto e la cosa bella è che vengono utilizzati alcuni giovani, come: Tsela, Miltiadis, Tsoumanis, Grigoropoulos, mentre Souloukos sembra essere diventato fisso nella formazione titolare.
Tuttavia, non solo i giocatori, ma anche la squadra è stata messa alla prova dall’allenatore Panagiotis Goutsidis, che ha giocato 4-4-2, giocando a centrocampo a quadri, rievocando la seconda Coppa AEL contro George Donis.
Nella tattica del rombo, Colombino è alla base, sul fianco: in cima Ramires, K. Papageorgiou e Nino.
Tuttavia, AEL si sta preparando per il nuovo anno da ora, con l’obiettivo di raggiungere un rialzo fallito quest’anno, il prossimo anno.
La forma della partita è stata Stefanos Souloukos che è stato finalmente in grado di evitare il pareggio, poiché la squadra di Almopos Arideas ha creato diverse occasioni.

CORSA
Panagiotis Goutsidis all’inizio della partita ha visto Iliadis fuori per infortunio e ha iniziato con una ricetta difensiva dell’ultima partita con un sistema 4-4-2. Cioè, sotto la trave c’è Souloukos, in difesa: Th. Papageorgiou (a destra), Bertos, Maximenko (difensore centrale), Maidanos (a sinistra), a centrocampo alla base romboidale di Colombino, sulle fasce: in testa Ramirez, K. Papageorgiou e Nino, mentre in attacco Mavrias e Kousta.
I “viola” passano in vantaggio al 15′ con il punteggio di 2-0. Costa ha segnato 1-0 da distanza ravvicinata con un colpo di testa su fallo di Kostas Papageorgiou, mentre il 2-0 è stato realizzato ancora con un colpo di testa di Thanasis Papageorgiou su corner di Kostas Papageorgiou.
Poi l’AEL potrebbe portare il punteggio sul 3-0 quando Mavrias al 32′ spara e salva Pateris, mentre all’inizio della ripresa Miltiadis tira e la palla finisce proprio così.
Dal 60′ in poi gli ospiti migliorano le loro prestazioni. Inizialmente hanno chiesto un rigore al 73′, ma al 75′ Triantaphyllakis ha tirato attraverso l’area e ha segnato il 2-1.
All’ultimo minuto, Souloukos ha rubato la scena uscendo vittorioso in entrambi i quarti. Il primo quando ha battuto Rova all’83’ e il secondo quando ha battuto Gioukoudis.
La verità è che i giovani di AEL questa volta non hanno fatto bene, a differenza dei giocatori esperti. A volte un’esagerazione per alcuni giocatori, basata esclusivamente sull’età, si rivela sbagliata.
L’arbitro Vangelis Manouchos ha fatto abbastanza bene in una partita a reti inviolate, nonostante alcune proteste per alcune decisioni, ma è vicino e ha una sua percezione.

COMPOSIZIONE
AEL (Goutsidis): Souloukos, Th. Papageorgiou, Bertos, Maximenko, Maidanos (78′ Tsela), K. Papageorgiou (67′ Giakos), Kolombino, Ramirez, Nino (46′ Miltiadis), Mavrias (78′ Grigoropoulos 71′ Tsoumanis).
ALMOPOS ARDAIA (Tyriakidis): Paiteris, Prikas (46′ Gialamoudis), Patsiavoras (46′ Pettas), Roussakis, Kollaras, Souliotis, Aslampaloglou (75′ Bakoutsis), Kerthi, Rivas (46′ Paraskevas), Rovas, Triantaflakis) .

PANAGIOTE GKOUTSIDIS:
Quando metti il ​​mosto…

Dopo la partita, l’allenatore del PAE AEL Panagiotis Goutsidis ha dichiarato quanto segue: “Purtroppo alcuni giocatori sembrano stanchi. La prima squadra è diversa e il K19 è diverso. Ci sono differenze. Soprattutto se sei chiamato a giocare due partite in una settimana.
Quando metti le cose giuste su alcuni giocatori, allora capisci che la responsabilità è grande e la personalità si vede.
Questa è un’occasione d’oro per alcune persone per mettersi alla prova in una squadra che sta giocando il campionato e dovrebbero imparare da essa, perché AEL ha sempre avuto aspirazioni”.
Riguardo alle speranze di promozione, ha risposto: “Vogliamo vincere tutte le partite, ma visto che ha vinto anche Veria, penso che la speranza sia solo matematica. Coglieremo ogni occasione”.

Theodoropoulos a Goutsidis: Souloukos è meglio giocare…

Posto in gioventù … per ottenere giocattoli. Questo è il messaggio che il portiere del PAE AEL Costas Theodoropoulos ha inviato all’allenatore Panagiotis Goutsidis motivandolo a giocare con il giovane Stefanos Souloukos fino alla fine del campionato.
Theodoropoulos, che ha rinnovato il suo contratto per altri due anni, sta dimostrando amore per i giovani talenti, mentre ieri il principale azionista di PAE AEL, Alexis Kougias, ci ha rivelato che Theodoropoulos e Thanasis Papageorgiou, quando riattaccheranno, assumeranno la gestione . .
La nuova generazione di amministratori Larissa…

Il ritorno di Parafesta-Argyrouli…

Una piacevole sorpresa è stato il ritorno all’Alcazar dei calciatori veterani Dimitris Parafestas e Nikos Argyroulis, che all’inizio del campionato erano membri della squadra tecnica della squadra Larissa.

Ritorno di Soulioti-Paiteri

Il principale azionista di PAE AEL, Alexis Kougias, ha tenuto una discussione speciale dopo la fine della partita con l’ex giocatore di AEL e Tyrnavos Dimitris Souliotis, che ha giocato per l’Almopos Arideas Un altro ex giocatore di PAE AEL, Panagiotis Paiteris, ha giocato nella stessa squadra.

Non una sola carta…

La partita di AEL con l’Almopos Arideas si è conclusa in “viola” senza ricevere un solo cartellino giallo. Ricordiamo infine che ci sono cinque giocatori AEL al limite delle carte, Iraklis Garoufalias ne ha sei e se riceve un altro cartellino giallo perderà due partite, mentre Alexandros Nikolias, Thanasis Papageorgiou, Costas Papageorgiou e Gabriel Ramirez sono i prossimi in linea con 3. ricevuto un cartellino giallo, perderanno in una delle prossime partite di Super League 2.
Dettagli cartellini gialli AEL: Iraqilis Garoufalias 6, Nikos Gotzamanidis, Adrian Colombino, Manolis Bertos, Aboud Omar 5, Haris Iliadis, Marios Ogboe 4, Alexandros Nikolias, Thanasis Papageorgiogos Theogos, Kos Spyros Glynos, Maxim Maximenko, Mairipides 1 , George Euripides 1.

UEFA: 176.644 euro per AEL…

Quanti soldi ricevono i club greci dal “Programma Benefit” per la partecipazione di giocatori in Nazionale?

La UEFA ha assegnato un totale di 1.766.624,92 euro ai club greci del “Programma di partecipazione ai club 2018-2020″ annunciato ieri dalla federazione europea, per l'”utilizzo” dei propri giocatori in nazionale, con la maggior parte di loro (530.368,70) ad entrare il fondo PAOK.
Questo è… il compenso che le squadre di calcio ricevono dalla UEFA per aver consentito ai loro giocatori di rispondere alle chiamate delle loro squadre nazionali.
Un documento pubblicato dalla UEFA mostra che tra il 2018 e il 2020 le società partecipanti al “Programma Club Partecipation Benefit” hanno raccolto un totale di 200,45 milioni di euro.
La classifica della divisione dell’importo di 1.766.624,92 euro dalla UEFA ai club greci:
PAOK 530.368,70 euro
Olimpiadi 393.747,98
AEK 229.436,17
AEL 176.644,34
Mar 115,938,19
Panathinaikos 112.499,59
Senza paura 67.416,27
PAS Giannina 47,458,30
Panionio 44.782,66
Asteras Tripolis 28.504,40
Panaitolikos 19,828,31
Il Regno Unito è stato il più raccolto, 47.010.899,79 euro.
Al secondo posto c’è un club tedesco, mentre al terzo posto sul podio c’è l’Italia.
I primi cinque paesi in classifica:
Regno Unito 47.010.899,79 euro
Germania 27.787.100,02
Italia 27.520.218,27
Spagna 14.626.276,61
Francia 9.133.144,01
Per quanto riguarda il club, il Chelsea ha il reddito più alto, arrivando a 5.099.795,04 euro.
Classifica dei primi 10:
Chelsea 5.099.795,04 euro
Manchester City 4.547.254,96
Juventus 3.836.596,10
Bayern 3.746.812,32
Dortmund 3.265.240,14
Manchester United 3.103.590,21
Atalanta 2.933.614,03
Barcellona 2.850.056,77
Gladbach 2.849.576,57
Liverpool 2.741.484,71

REDATTORE: SOT. .

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.