Frankfurt Nachrichten Journal – Nel posto giusto

Franziska Nori guida il Frankfurter Kunstverein dal 2014. Lei chiede di prendersi cura degli altri e non solo di considerare il beneficio umano come una priorità. Una conversazione.

Frankfurt Journal: Nori Nori, tu gestisci il Frankfurter Kunstverein. Puoi descrivere brevemente le priorità che ti poni nel tuo lavoro?
Franziska Nori
: Per sette anni il nostro programma si è concentrato sull’arte molto contemporanea. Vogliamo essere soprattutto la piattaforma, il primo palcoscenico istituzionale per gli artisti che qui vivono e lavorano. Vorrei anche stabilire un argomento con rivendicazioni internazionali e concentrarmi su argomenti all’interfaccia tra arte e scienza che giocheranno un ruolo nella nostra società non solo ora, ma anche nel prossimo futuro. Quindi, affrontiamo argomenti che non sono solo rilevanti nel sistema artistico, ma riflettono anche le sfide della nostra società.

Non sei lontano da Schirn e MMK e nelle vicinanze si trovano anche molte gallerie. Qual è il ruolo delle associazioni artistiche nel panorama culturale di Francoforte?
Quello che trovo unico di Francoforte è che abbiamo un’altissima densità di attori e istituzioni culturali, ma anche una scena indipendente. È una grande qualità e vantaggio che moltiplichiamo gli uni con gli altri e quindi ci rendiamo visibili a livello nazionale. Il Frankfurter Kunstverein, insieme alla Fondazione Städel e alla Senckenberg Society, è una delle istituzioni più antiche fondate dai residenti di Francoforte. È una delle più grandi associazioni artistiche in Germania. Mi sento obbligato a restituire alla comunità che ha reso possibile tale istituzione in primo luogo e continuare a sostenerla fino ad oggi.

Studi a Francoforte e poi lavori all’estero per molti anni. Cosa ti ha riportato qui?
All’inizio degli anni ’90 sono venuto a Francoforte da Roma per studiare e diventare un assistente curatore freelance per Thomas Messer alla Schirn Kunsthalle. Poi ho lavorato a Barcellona per alcuni anni, tornando all’inizio del 2000 e dirigendo il dipartimento di arte digitale al Museo di Arti Applicate. Poi sono andato a Firenze per sette anni come direttore della galleria d’arte contemporanea di Palazzo Strozzi, e sono tornato qui per diversi anni. Come puoi vedere, il mio percorso è più simile al movimento di un pendolo. Nel frattempo, Francoforte mi ha dato la sensazione di essere nel posto giusto in molti modi.

READ  La Turchia sarà espulsa dal Consiglio d'Europa?

Cosa significa per te Francoforte?
Ho sempre vissuto Francoforte come una città in cui tutti, compresi i nuovi, sono i benvenuti se vengono coinvolti. Questo è particolarmente riconosciuto quando ti impegni pubblicamente. Ciò che è fantastico a Francoforte è l’abbondanza di istituzioni scientifiche e la presenza di fondazioni private nazionali superiori alla media che promuovono l’innovazione e la cultura.

Sei nato e cresciuto a Roma e hai lavorato a Firenze per sette anni. In cosa differiscono le politiche culturali tedesca e italiana?
Ciò che rende unico la Germania è la struttura intrecciata di accademie, associazioni d’arte, musei e istituzioni promotrici. Purtroppo in Italia non è così. Allo stesso tempo, osservo con preoccupazione che la pandemia ha determinato un cambiamento nella politica che ha gradualmente equiparato l’importanza della cultura allo sport e al tempo libero.

La pandemia di coronavirus ha portato a una maggiore attenzione alla natura. L’attuale mostra “L’intelligenza delle piante” è una reazione a questo?
Non. Fa parte della struttura generale del nostro programma in cui discutiamo ripetutamente di come il rapporto tra l’uomo e la natura sia cambiato radicalmente. Nuove intuizioni ci permettono di cambiare la nostra visione antropocentrica del mondo. Ciò ha la conseguenza che dobbiamo ripensare a noi stessi e alle nostre azioni nel trattare con gli altri esseri. Non ci sono quasi più ecosistemi sul pianeta con cui non interferiamo. Dobbiamo anche prenderci cura dei nostri simili e non considerare solo il beneficio umano come una priorità.

Cosa possiamo fare noi come individui per fornire tale attenzione?
Una quantità enorme. Per me ci sono due livelli per avvicinarsi a qualcosa. Da un lato, devi acquisire conoscenze attraverso le quali puoi capire le cose. Poi c’è il secondo livello, cioè l’esperienza e l’osservazione. Entrambi gli aspetti sono importanti per stabilire relazioni, anche con altri esseri viventi. L’empatia e la comprensione reciproca per somiglianze e non per differenze è un approccio interessante che gioca un ruolo anche in questa mostra.

READ  Il Presidente Mattarella saluta il Papa | DOMRADIO.DE

Avevano trasformato un pezzo di terra fertile dietro Niederursel. Come è successo?
Nove anni fa, insieme ai colleghi di NABU e BUND, ho sottratto l’area all’agricoltura convenzionale e ho avviato il processo di rinaturazione. Il terreno è troppo fertile e manca di organismi del suolo. La vita torna lentamente alla terra. Anche il numero di insetti è aumentato notevolmente. Gli uccelli nidificano sugli alberi e di tanto in tanto si possono vedere i cervi. È sempre stata mia preoccupazione avviare il cambiamento all’interno della mia sfera di possibilità, in cui le persone vedono che le proprie azioni possono portare a un cambiamento positivo.

________________________________________________________________

Franziska Nori: nato a Roma e cresciuto lì. Da novembre 2014 è a capo del Frankfurter Kunstverein, fondato nel 1829. Qui ha curato mostre con Thomas Feuerstein, Trevor Paglen, Regina Jose Galindo e Melanie Bonajo. Dal 2007 al 2014 è stato direttore del Centro di Cultura Contemporanea Strozzina a Palazzo Strozzi a Firenze. Dal 2011 Nori è Professore di Museologia e Pratica Curatoriale dell’Arte Contemporanea per il Marist College New York di Firenze.

Questo testo è apparso per la prima volta nel numero di dicembre (21/12) del FRANKFURT JOURNAL.

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.