Free State eredita centinaia di patrimoni: leggermente ridotti nel 2021 | libertà mediatica

Se un parente rifiuta di ereditare o non è possibile trovare un beneficiario, l’eredità spetta allo Stato per legge. Ha più lavoro che divertimento e si aspetta più stress.

Dresda.

Appartamenti sparsi, vecchie automobili, rovine: il Libero Stato di Sassonia produce ben 1.000 eredità ogni anno, l’anno scorso erano leggermente inferiori rispetto agli anni precedenti. Raramente sono redditizie, anzi, secondo la legge, l’eredità è indebitata eccessivamente o l’eredità cade allo stato che è sufficiente solo per saldare il credito del creditore. Il Free State sta cercando di “mantenere uno zero nero” nella lavorazione delle piantagioni, come afferma Martin Oberacher, capo della divisione di gestione dell’area centrale (ZFM) presso l’azienda statale. “È importante garantire i migliori ritorni economici con tutto il know-how e le routine speciali.

Tuttavia, il più delle volte, si tratta di debiti su case e conti, vecchie auto, rottami o appartamenti sparsi e oggetti senza valore. “Questa tendenza continua”. Le autorità prevedono che l’importo dell’eredità fiscale aumenterà a causa della pandemia di coronavirus e dell’attuale inflazione.

Secondo le statistiche, i tribunali di successione hanno identificato le autorità fiscali come eredi in 1.119 casi nel 2021, 38 in meno rispetto all’anno precedente. Il portafoglio è sceso di 381 a 3.867 eredità forzate, 1500 eredità fiscali saldate – 500 in meglio rispetto al 2020. Circa un quinto dei casi riguarda immobili, con case, garage, orti o addirittura alloggi spesso fortemente indebitati. “I costi per la manutenzione o lo smaltimento sono generalmente superiori a quelli che si possono ottenere vendendoli”, ha affermato Oberacher.

È ancora più difficile quando lo Stato Libero eredita immobili in un paese straniero come l’Italia, la Grecia o l’Ungheria, perché i fornitori di servizi locali come gli avvocati devono essere pagati e i guadagni stanno diminuendo. Gli obblighi di manutenzione sulla proprietà, nonché i costi del personale e dei materiali riducono i “profitti” o talvolta li consumano.

Dopo il 2007 lo Stato ha sempre dovuto pagare un extra, ma dal 2018 le entrate hanno superato le spese. Per il 2019 le statistiche mostrano un aumento da due milioni di euro a 5,99 milioni di euro. Nel 2020 lo Stato Libero ha prelevato dall’eredità quasi 4,8 milioni di euro, ma ha anche speso ben quattro milioni per il completamento delle proprietà. Anche nel 2021 i ricavi superano le spese di quasi 5,9 milioni di euro, quasi 1,3 milioni di euro.

Per legge, lo stato si impossessava di tutto, dagli articoli per la casa agli edifici, solo una piccola parte dei quali guadagnava effettivamente. Nel migliore dei casi, automobili, gioielli, televisori e altri oggetti vengono “argentati” tramite case d’asta e agenti immobiliari. In passato, i funzionari delle tasse trovavano occasionalmente “tesori”, come una villa conservata nello stile degli anni ’40, completa di inventario, una collezione di piatti di gommalacca, libri antichi, porcellane e auto d’epoca.

Se un parente rifiuta di ereditare o non viene trovato un erede, l’eredità spetta allo Stato per legge. Se l’erede si registra entro 30 anni dalla morte del testatore, lo Stato si sbarazza della proprietà e del ricavato. (Dpa)

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.