G. Gerapetritis: Reti d’azione per il lavoro e la casa

In merito ai passi che il governo farà nel campo del lavoro, così come nella questione dei tetti in fiamme, ha suggerito il ministro di Stato Giorgos Gerapetritis, nella sua intervista alla radio “Sky”.

A seguito delle sue prime constatazioni (riduzione della disoccupazione – miglioramento della qualità del lavoro reso – contrasto, per lo più, al lavoro nero), il Ministro di Stato ha proposto una serie di misure tripartite:

“-Dobbiamo sovvenzionare i posti di lavoro e non la disoccupazione. I sussidi di disoccupazione relativamente elevati creano un disincentivo per i posti di lavoro reali.

– Le condizioni di lavoro devono essere migliorate, ha chiarito il presidente del Consiglio: un’economia surriscaldata significa inevitabilmente aumento dei salari. Non basta alzare legalmente il salario minimo, bisogna alzare i salari a tutti i livelli. I dividendi del crescente surriscaldamento dell’economia greca devono alla fine passare ai lavoratori, ci sono strumenti per questo e vi assicuro che lo faremo.

– Il tetto, dieci anni fa, era una paronichia che nessuno voleva toccare. Il problema abitativo nei prossimi decenni sarà uno dei più scottanti. Uno su tre dei nostri cittadini spende più del 40% del proprio reddito per l’alloggio, una percentuale molto alta. Inoltre, uno su tre ha debiti, derivanti da proprietà individuali, principalmente attraverso prestiti”.

Per altri aspetti, illustra il desiderio del governo di uno Stato professionale, che serva i cittadini, senza le inerzie del passato – e lo Stato cliente è solo uno di questi, ha aggiunto. Uno stato professionale significa procedura standard e la Grecia ha sofferto molto perché non esiste una procedura standard, ha affermato. Pur ponendo l’obiettivo della transizione verso uno Stato spersonalizzato, che non sarà direttamente connesso, ovvero ai volti di ciascun primo ministro, G. Gerapetritis sottolinea che decenni di inattività, se non due secoli, come tipicamente sostiene. , ora “rottura”.

Nessun governo negli anni postcoloniali ha mostrato un tale rispetto per la pubblica amministrazione come lo è oggi, ha inoltre affermato, osservando che il 90% delle responsabilità di leadership politica di un ministero sono state ora trasferite all’amministrazione. . Un governo eletto attraverso un processo meritocratico, per il quale il Paese ha ricevuto elogi dall’Unione Europea. Ora sono fissati obiettivi specifici nella pubblica amministrazione, funzionari pubblici che meritano di essere premiati.

Nel tempo, invece, in Grecia si sono sviluppati anticorpi contro la valutazione, che è considerata più una malattia. Oggi, tuttavia, vengono valutati insegnanti, dipendenti pubblici, dirigenti del settore pubblico in generale, ad esempio amministratori ospedalieri. Il punto non è dare per scontata la posizione di qualcuno, ha sottolineato.

Un’altra questione sollevata è la pianificazione dell’attività legislativa e attraverso questa l’assunzione di responsabilità da parte del governo. Come è noto, ogni dicembre viene selezionato un piano d’azione governativo integrato, con obiettivi e tempi misurabili, per ministero. Il piano è stato pubblicato sul sito web del governo presidenziale, quindi potrebbe essere controllato, ha affermato. Ha chiesto ciò che il presidente del Consiglio ha detto venerdì ad Amfilochia, che chiede che il suo governo sia assicurato alla giustizia, non per le sue parole ma per il suo lavoro.

G. Mastogeorgiou: scenari alternativi per futuri alternativi

Tuttavia, la discussione riguarda anche come sarà il nostro Paese tra dieci anni. Alla cabina radiofonica “Sky” era presente, oltre a G. Gerapetritis, anche il Segretario Speciale per la Pianificazione a Lungo Termine Yannis Mastrogeorgiou. L’equazione ha molte variabili, secondo le osservazioni del ministro degli Affari esteri.

Intanto Yannis Mastogeorgiou descrive un modello di gestione che cerca di ascoltare, di prepararsi al meglio per ciò che verrà. Una modella in un mondo in continua evoluzione, come nota di solito.

“Non stiamo lavorando su scenari alternativi per il futuro, ma scenari alternativi per futuri alternativi”, ha sottolineato G. Mastogeorgiou, aggiungendo, “il nostro compito è plasmare il futuro desiderato”.

Intervento, G. Gerapetritis informa che a partire dal 29 agosto, data di inizio dei lavori del DPR, tutte le leggi che entreranno in Plenaria, in precedenza subiranno le sofferenze della Segreteria Speciale della Programmazione di Lungo Termine, per cui sono studiate in relazione alle loro conseguenze a lungo termine.

La demografia è la questione più importante, ha osservato il segretario speciale in un altro punto dell’intervista, e entro il 2050 la Grecia sarà al 4° posto nel mondo con la più grande riduzione della popolazione in età lavorativa. “Avremo poi il più grande calo dell’indice di produttività nell’Unione europea”, sottolinea – con qualsiasi effetto che avrà sugli altri settori (occupazione, produzione, sostenibilità delle finanze pubbliche, assicurazioni, ecc.), prevede .

In occasione dell’aumento delle popolazioni in Oriente e in Africa, fa riferimento allo “squilibrio demografico in tutto il pianeta”. Per le questioni relative alla popolazione, è necessaria una politica di anticipazione per l’occupazione, l’immigrazione e altro, ha infine riconosciuto il ministro.

Fonte: AMPE

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.