Germania: perché il fallimento elettorale di Macron è una buona notizia per Democracy – Financial Post

“Grande caos, grande situazione”, ha detto Mao Zedong. Ma gli analisti della stampa tedesca non avevano certo in mente il “grande timoniere” quando hanno deciso la perdita della maggioranza assoluta dalla sua formazione politica. Emanuele Macron all’Assemblea nazionale francese era “una buona notizia per la Repubblica”. Bene, perché promuoverà uno spirito di cooperazione tra i partiti, ridurrà le cosiddette barriere politico-ideologiche impenetrabili e i cosiddetti deadlock che di solito servono a interessi micropolitici, a cominciare dal radicamento di clienti elettorali che garantiscono solo la rielezione professionale. .

Gli analisti una volta si riferivano all'”italianizzazione” della vita politica, riferendosi alla proverbiale instabilità del governo italiano, quando la durata media della vita del governo del dopoguerra era di oltre quattro decenni, poco più di 12 mesi. Tuttavia, grazie al sistema di governo decentralizzato e al forte governo locale dell’Italia, il paese ha prosperato.

Ma ancora una volta, gli analisti tedeschi non hanno avuto nulla a che fare con l’Italia nel decidere che “italianizzare” la vita politica francese sarebbe stato un bene per la Repubblica francese. Hanno una cultura di cooperazione politica interna in Germania, che nei primi decenni del dopoguerra ha trasformato i Liberi Democratici (FDP) affiliati alla Germania in un “carattere jolly” per formare un governo.

È il terzo organizzatore di partito più influente, che lavora senza sforzo come i democristiani e i socialdemocratici per formare un governo forte e vitale, che di solito termina il loro mandato di quattro anni. Tradizionalmente, un funzionario dell’FDP ha sistematicamente assunto personale del ministero degli Esteri tedesco o del ministero dell’Interno, e non del ministero delle Finanze! Il ministro degli Esteri simbolo nel governo Cole è Hans Dindrich Genscher.

Punizione dell’arrogante

Imbarazzata, lunedì la stampa francese ha riferito che “la stampa tedesca vede la perdita della maggioranza assoluta del partito di Emanuel Macron come punizione per un presidente troppo personalizzato con lo stile della politica imperiale”. Ha osservato che la Germania crede che “se l’instabilità politica persiste, la Francia dovrebbe vedere lo sviluppo come un’opportunità per adottare una nuova cultura di cooperazione tra partiti e governo”.

Il giornalista di Les Echos Nino Reno riporta nei media tedeschi. “La festa è finita”, era il titolo della rivista Spiegel, “Uno schiaffo in faccia a Macron”, secondo il popolare quotidiano Bild. è una valutazione dei risultati elettorali per il quotidiano conservatore “Frankfurter Allgemeine Zeitung” (FAZ) .

“In Tedesco“Laddove il consenso è una condizione incondizionata per il governo di un partito, la stampa vede i risultati delle elezioni francesi come una costrizione per Emanuel Macron a tornare alla logica”, ha riferito Le Echos. Secondo il quotidiano di Francoforte, “Macron ha promesso un nuovo metodo di governo politico, ma non ha mantenuto le sue promesse”.

“Questa ‘grande battuta d’arresto’ dell’alleanza del presidente avrebbe gravi conseguenze per il presidente stesso, in quanto ‘lo costringerebbe a cercare un equilibrio favorevole in Parlamento'”, ha scritto Spiegel. Quanto a “Handelsblatt”, propone la minaccia di una crisi finanziaria in corso.

“L’alleanza politica calpestata in Germania non è chiara e imprevedibile in un sistema politico come la Francia”, osserva il quotidiano finanziario. Handelblatt ha sottolineato che vi è “una minima volontà da parte dei partiti politici e ancor meno da parte del presidente francese”.

Minaccia piena di opportunità

Il rischio che la seconda economia europea entri in un periodo di instabilità politica e diventi un “fattore di incertezza e instabilità all’interno dell’UE” è reale, conclude “Handelsblatt”. Il quotidiano stima che il futuro della riforma pensionistica promessa da Macron non sia più garantito. E che l’alto debito della Francia potrebbe trasformarsi in una minaccia.

“In effetti, è incerto che Emanuel Macron sarà in grado di approvare le rigide misure fiscali in Parlamento, soprattutto se dovrà avvicinarsi alla sinistra per assicurarsi la maggioranza”, ha affermato Handelsblatt.

La stampa tedesca, tuttavia, non sembra suonare il campanello d’allarme su quanto sta accadendo nella vicina Francia. Anche il tabloid “Bild”, tradizionalmente molto critico e scettico nei confronti della Francia, ha osservato che “nonostante la maggioranza relativa assicurata da Macron, la Germania e l’UE continueranno a considerare la Francia un partner affidabile ea fare affidamento su di essa”. .

“La sconfitta del presidente francese è una vera opportunità per la Francia”, ha detto Tagesspiegel. Come “FAZ”, i giornali berlinesi celebrano l’aggiornamento dell’Assemblea nazionale francese, che sicuramente porterà i risultati delle elezioni di domenica.

Migliora il Parlamento

“Il rafforzamento Lepen “e Melanson fa presagire intense polemiche parlamentari, ma anche un rinnovamento tanto atteso e cercato dalla tradizione parlamentare francese”, stima “FAZ”. “Gli elettori francesi hanno deciso che la scena politica francese deve essere più parlamentare e quindi più democratica. “Questo è un buon sviluppo”, ha concluso Tagesspiegel.

In tutto il mondo, i politici dei maggiori partiti di governo sostengono costantemente (non registrati e ovviamente sensatamente) che i governi cooperativi sono pericolosi perché i partner di governo più piccoli sono chiaramente, per dimensione, più vulnerabili a interferenze e influenze extraterritoriali (anche e in materia di redenzione ) e quindi qualsiasi governo cooperativo è in ritardo rispetto ai governi autonomi sia in termini di stabilità che di potere di riforma.

In diverse occasioni, tuttavia, le formazioni dei principali partiti, governi e importanti funzionari elettorali sono state scosse da scandali economici e politici che hanno rovesciato governi populisti e offuscato le avvincenti carriere politiche. Più volte i principali partner del partito si sono rivelati un anello debole in un governo.

La cosiddetta grande integrità

L’affascinante Betino Craxi è stato catturato con una “capra sulla spalla” condannando i socialisti italiani per mancanza di rispetto. Ma il primo ministro italiano più longevo del dopoguerra, Julio Andreotti, è stato l’uomo che ha chiuso la porta alla Democrazia Cristiana quando la famigerata indagine “Mani Pulite” di Antonio Di Pietro ha rivelato una diffusa corruzione mafiosa nel più grande partito di governo del paese.

In Francia, recentemente, Nicolas Sarkozy e il suo primo ministro, François Fillon, hanno rovinato le loro carriere politiche così come la destra golica, la principale forza di governo della Quinta Repubblica francese che ha ottenuto solo il 7% dei voti nelle recenti elezioni parlamentari. 4,78% dei candidati presidenziali del partito Valeri Pekres).

Quanto alla Germania, è stato il leader emblematico della Democrazia Cristiana, Helmut Kohl, e il suo partito, ad accettare la sponsorizzazione del trafficante d’armi Karlhein Schreiber attraverso conti bancari segreti nel 1995 – uno scandalo scoppiato nel 1999 che ha costretto Kohl stesso a dimettersi. il numero di anni di denaro non è per il suo conto ovviamente, ma per il partito.

Questo può essere fastidioso, ma alla fine si è scoperto che non erano i politici neoliberisti pro-datori di lavoro finanziati da uomini d’affari tedeschi e estranei in generale. Si attengono ai principi della moralità protestanti, democristiani.

In questo caso, Cole ha offuscato la sua arretratezza, ma il suo partito no. Fortunatamente o sfortunatamente, il tempo della pandemia ha offuscato i ricordi del passato e alla fine li ha cancellati. E alcuni politici o partiti nel loro insieme riescono a immergersi nell’assemblea di Siloam e ad emergerne intatti, genuini e puliti, pronti a ottenere vittorie politiche e nuove elezioni.

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.