“Giocattoli pericolosi” – NOTIZIE

Attraversarono montagne e foreste innevate, camminarono su campi minati, attraversarono il filo spinato e affrontarono spietate guardie di frontiera. Il viaggio dei bambini e dei giovani non accompagnati verso nuove vite al sicuro, dalla Grecia alla Serbia e da e per la Bosnia ed Erzegovina all’Italia, ai Paesi Bassi, alla Francia e all’Inghilterra è stato filmato per il terzo anno consecutivo da Eefje Blankevoort ed Els van Driel.

Questa storia selvaggia dell’età adulta è catturata nel loro pluripremiato documentario “Shadow Game”, che sarà presentato in anteprima domani alle 11:00. al Museo Benaki. Els van Driel ha rivelato un’immagine che non conosceva, descrivendo un “gioco” che minacciava “bambini con trafficanti e guardie di frontiera”.

Quali esigenze ti hanno spinto a realizzare questo documentario?

Sappiamo che dopo l’accordo UE-Turchia le frontiere saranno chiuse e sempre più bambini viaggeranno da soli. I viaggi divennero più pericolosi e costosi e le famiglie non potevano andare insieme. Così la maggior parte dei ragazzi se ne andò, o perché erano i protettori della famiglia o perché erano in età militare. Al porto di Mitilene abbiamo incontrato un giovane, registrato come maggiorenne (all’età di 15 anni) e residente nel campo di Moria. Non ha accesso ad alcuna istruzione, comunicazione o assistenza sanitaria e si sente privata. Ci siamo resi conto che questo stava accadendo a migliaia di bambini non accompagnati e abbiamo deciso di viaggiare in luoghi in cui sarebbero rimasti “bloccati” al confine e imparare a gestire tutto.

Quale immagine ti ha colpito durante le riprese?

Ricordo bene quando stavamo girando al confine con l’Ungheria. C’è un recinto dove dice in 5 lingue che devi fermarti. Le immagini sono davvero impressionanti e spaventose. Era come se fossimo in una zona di guerra, con le auto della polizia che pattugliavano e si avvicinavano a noi in modo molto inquietante. Abbiamo pensato, qual è il prossimo passo? Possono iniziare a sparare alle persone qui dentro?

Adolescenti e bambini sulla strada per una vita migliore: qual è la sfida più grande che affronti in questo film?

La sfida più grande è se potremo incontrare di nuovo i bambini, perché devono continuare il “gioco” – come chiamano il loro viaggio rischioso – verso la prossima frontiera. Sopravviveranno? È possibile tenersi in contatto con loro online? Inoltre, la produzione è una grande sfida perché dobbiamo essere flessibili ogni minuto. Tutto poteva succedere, i ragazzi potevano improvvisamente chiamare il loro mercante e andarsene.

Qual è stata la più grande difficoltà che hai incontrato nel realizzare questo film?

Realizzare questo film è stata un’esperienza che ha cambiato la vita. Incontrare questi fantastici giovani e far parte del loro viaggio di 4 anni è stato qualcosa di molto speciale. Ci sentiamo come una famiglia adesso. Ho anche appreso che ciò che abbiamo visto al nostro confine – a poche ore da casa nostra – è stata una palese violazione del diritto internazionale e dei diritti umani e dei bambini. Le persone sono fuggite in Europa per difendere i valori umani, ma hanno finito per essere trattate con violenza e discriminazione. Ma la cosa più importante è quanto possiamo essere ispirati dai giovani. La gioventù è ottimista e piena di ispirazione, umorismo e determinazione.

Hai imparato per te da questa nuova esperienza?

Realizzare questo film è stata un’esperienza che ha cambiato la vita. Incontrare questi fantastici giovani e far parte del loro viaggio di 4 anni è stato qualcosa di molto speciale. Ci sentiamo come una famiglia adesso. Ho anche appreso che ciò che abbiamo visto al nostro confine – a poche ore da casa nostra – è stata una palese violazione del diritto internazionale e dei diritti umani e dei bambini. Le persone sono fuggite in Europa per difendere i valori umani, ma hanno finito per essere trattate con violenza e discriminazione. Ma la cosa più importante è quanto possiamo essere ispirati dai giovani. La gioventù è ottimista e piena di ispirazione, umorismo e determinazione.

C’è qualcosa che non riesci a catturare nella tua immagine?

Attraversare il confine con i ragazzi è illegale, quindi dovevamo trovare una soluzione. Fortunatamente abbiamo incontrato Jano, che ci ha mostrato il suo video, che ha registrato mentre tornava dalla Turchia. Così è iniziata la nostra collaborazione con i ragazzi stessi e abbiamo avuto l’idea di includere materiali di progetto come i loro video su TikTok e sui social media.

Se dovessi inserire un altro titolo adesso, quale sarebbe?

Penso che il titolo Shadow Game copra ancora molto bene l’argomento, quindi non lo cambierò. I bambini si spostano al riparo della notte e fuori dalla vista e devono fare questo “gioco” minaccioso con i contrabbandieri e le guardie di frontiera. È sorprendente che i rifugiati adolescenti ucraini siano trattati in modo così diverso. Questo pericoloso “gioco” non deve continuare ei bambini devono affrontare la deportazione violenta. Quindi possiamo cambiare la narrazione: sarebbe fantastico rimuovere le parole “ombra” e “gioco” dal titolo e sostituirle con “Solo bambini” o qualcosa del genere.

INFORMAZIONE

Proiezione, “The Game of Shadows”, domenica 10 aprile 2022 alle 11.00 Museo Benaki / Pireo 138. Parteciperai a una Master Class con il regista Els van Driel: From Syria to Ukraine and Beyond: Children Move

L’evento si è svolto in collaborazione: MPS “World Health – Disaster Medicine”, Medical School EKPA, Headquarters Jean Monnet Humanitarian medicine and response in action (2020-2023), Center of Excellence for Asylum and Immigration, EKPA

Ucraina: ‘Macellazione di civili’ con 39 morti a Kramatorsk, dice Zelensky

Seguire in Google News ed essere il primo a conoscere tutte le novità

Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.