“Giochi del Mediterraneo di successo, grande sfida per l’Algeria”

“Giochi del Mediterraneo di successo, grande sfida per l’Algeria”

Abderrahmane Hammad (COA)

Il presidente del Comitato Olimpico e Sportivo algerino, Abderrahmane Hammad, ha sottolineato che “l’Algeria ha fatto grandi sforzi per realizzare i XIX Giochi del Mediterraneo ad Orano (25 giugno-6 luglio), sottolineando che “la sfida è così grande che tutti dovrebbero lavorare di più per raggiungere questo obiettivo.” rispettare l’immagine del nostro Paese”. “Stiamo lavorando a stretto contatto e continuamente con il Comitato Organizzatore della 19a edizione e con le federazioni nazionali competenti che partecipano a questo JM per riunire condizioni ottimali. per prenderci più cura dei nostri atleti”, ha detto Hammad in un’intervista ad APS.
Per il presidente del COA, “la missione del Comitato Olimpico e Sportivo Algerino consiste nel riunire i mezzi logistici per la delegazione algerina, comprese le attrezzature sportive della delegazione, ma anche il sostegno degli atleti attraverso l’assegnazione di borse di studio olimpiche”.
“Cinque atleti hanno ricevuto la prima rata dell’Olympic Solidarity Grant, nell’ordine di $ 1.500 al mese, assegnato dal Comitato Olimpico Internazionale – atletica (2 atleti), nuoto (1), sollevamento pesi (1) e lotte correlate (1) –, e questo fino alle Olimpiadi di Parigi del 2024. Anche altri atleti beneficiano dell’assistenza del COA nell’assistere gli sportivi algerini per il JM-2022 Oran”. le federazioni sono responsabili della preparazione dei propri atleti attraverso la partecipazione a vari corsi, tornei internazionali e competizioni continentali e internazionali”, sottolineando “che il COA ha risposto bene a tutte le richieste delle federazioni in difficoltà finanziarie”.

Lo stato ha messo in atto tutti i mezzi necessari per il successo
edizione 19
Il presidente dell’organismo olimpico ha evidenziato le ingenti risorse umane e materiali mobilitate dallo Stato algerino per il completamento di un progetto sportivo nella città di Orano.
“Il Presidente dell’International JM Committee è molto soddisfatto dello sviluppo delle infrastrutture sportive, oltre a padroneggiare vari aspetti dell’organizzazione, il che conferma il successo di questo piano di eventi sportivi”, ha affermato Hammad, che è anche membro del Comitato Esecutivo dell’organismo internazionale.
Riguardo al tutoraggio degli atleti algerini coinvolti in questa competizione mediterranea, il presidente del COA ha sottolineato che “sono stati attuati tutti i mezzi, sia attraverso il Ministero della Gioventù e dello Sport, sia dal COA per consentire agli atleti di beneficiare di corsi di formazione all’estero”. “Sono in costante contatto con il Ministero della Gioventù e dello Sport e con tutte le Federazioni Sportive Nazionali e nessuno ha sollevato il minimo problema”, ha detto Hammad rassicurando su questo che “COA sarà sempre pronto ad aiutare gli atleti che accompagnerà e supporto per battere i colori nazionali al Meeting di Orano.

Possibilità di medaglia negli sport individuali, difficili da raggiungere
disciplina collettiva
Per il presidente del Comitato algerino olimpico e sportivo, discipline come la boxe, l’atletica leggera, il nuoto o persino il wrestling possono conquistare il podio durante questa 19a edizione del JM.
“Penso che la boxe possa ottenere una medaglia algerina, in particolare i pugili che hanno appena confermato il loro livello ai Mondiali di Istanbul dove hanno vinto due medaglie storiche grazie a Imane Khelif, la medaglia d’argento e Ichrak Chaib, il detentore di bronzo”, ha detto.
Nell’atletica leggera, medaglia di bronzo nel salto in alto alle Olimpiadi di Sydney 2000, ha innalzato l’altissimo livello tecnico dei concorrenti del bacino del Mediterraneo, in particolare di quelli che rappresentano paesi come Italia, Francia e Marocco. .
“Abbiamo giovani atleti nell’atletica i cui talenti dovrebbero essere confermati durante queste partite del Mediterraneo, ma il loro compito non sarà facile contro atleti di alto livello”, ha detto Hammad.
Anche atleti come Amine Bouanani (110 m/arto), Abdelmalek Lahoulou (400 m/arto), Yasser Mohamed Tahar Triki (salto triplo), Djamel Sedjati e Yacine Hathat (800 m), possono rivendicare il podio, secondo lui. Il presidente del COA non ha dimenticato di citare i traguardi raggiunti dal nuoto algerino e dal relativo wrestling, due discipline che continuano a ottenere ottimi risultati in varie competizioni e, ha detto, “assicurano medaglie all’Algeria”.
A differenza degli sport individuali, il presidente dell’organo di governo olimpico rimane evasivo nei confronti della disciplina collettiva che “attraversa un periodo molto difficile come le federazioni di pallamano”.
“Nello sport collettivo il livello sarà molto alto, soprattutto con la partecipazione elettorale in rappresentanza di Francia, Spagna e Italia. L’instabilità a livello della Federazione di pallamano ha davvero rallentato l’andamento delle elezioni maschili e femminili ed è un vero peccato per l’Algeria della pallamano che sta attraversando un periodo molto difficile”, ha aggiunto.
Quarantasette anni dopo aver ospitato i Giochi del Mediterraneo in Algeria nel 1975, l’Algeria si è rinnovata con i Giochi del Mediterraneo, ospitando la 19a edizione ad Orano dove 3434 atleti provenienti da 26 paesi hanno dovuto gareggiare in 24 sport.
RS

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.