Giornalista televisivo italiano molestato da un fan davanti alla telecamera

Aggiornato il 30/11/2021 alle 12:50

  • Un moderatore è stato molestato sessualmente davanti alla telecamera.
  • Dopo la partita dell’Empoli contro l’AC Fiorentina, un uomo ha afferrato il culo della conduttrice mentre stava facendo una segnalazione.
  • Da allora il tifoso è stato identificato.

Altri argomenti sportivi possono essere trovati qui

Le molestie sessuali davanti alle telecamere in diretta tv hanno suscitato indignazione in Italia. Dopo una partita di calcio di serie A, la giornalista Greta Beccaglia viene palpata da un uomo in fondo mentre va in diretta davanti all’Empoli.

L’incidente ha messo in luce il trattamento riservato alle donne – solo nei fine settimana quando giocatori, allenatori e arbitri vogliono attirare l’attenzione sulla violenza contro le donne sui campi di calcio italiani e sui social media con la faccia rossa.

Beccaglia ha sporto denuncia contro l’uomo lunedì scorso, che è stato identificato grazie a riprese televisive e telecamere di sorveglianza. Secondo l’agenzia di stampa italiana Ansa, il colpevole era un tifoso fiorentino di 45 anni.

“Purtroppo sappiamo che le donne subiscono tali attacchi ripetutamente e non vengono riprese dalle telecamere”, ha detto Beccaglia all’agenzia di stampa Ansa. “Non può succedere.”

I fan di Firenze hanno sminuito la scena nell’intervista

Il filmato mostra l’uomo che si avvicina al giornalista da dietro mentre esce dallo stadio, sputandogli sulla mano – o almeno accennando -, poi afferra il culo della donna e cammina. “Non puoi farlo!” esclamò il giornalista dopo un momento di sorpresa.

L’emittente Beccaglia Toscana TV ha detto che non è stato l’unico incidente. Il giornalista è stato avvicinato da un altro uomo pochi istanti dopo.

Quando una stazione radiofonica ha contattato e intervistato il presunto colpevole lunedì sera, ha detto di aver commesso un errore, che gli dispiaceva e che in realtà era inteso come uno scherzo. Era frustrato dalla sconfitta per 2-1 contro la Fiorentina, non voleva parlare con nessuno e voleva solo andare alla sua macchina.

“Descrivere gravi abusi come uno scherzo significa che non capisce cosa sta succedendo qui”, ha detto Beccaglia. “Questo è un commento impossibile e peggiora le cose”.

I tifosi sono banditi dagli stadi per tre anni

Il capo della polizia di Firenze, intanto, ha imposto ai tifosi della Fiorentina una squalifica di tre anni allo stadio. Da allora, i fan si sono scusati per il suo comportamento.

Beccaglia ha detto di aver ricevuto innumerevoli messaggi e di aver sentito molta solidarietà nelle ore e nei giorni successivi all’incidente. Partiti politici, associazioni di giornalisti e club hanno condannato fermamente il caso.

Anche il moderatore dello spettacolo di calcio in studio è stato pesantemente criticato: inizialmente ha respinto l’atto in uno spettacolo dal vivo con il commento “Non eccitarti”.

Ha detto all’agenzia di stampa Adnkronos di voler sostenere il suo collega perché non venga coinvolto nella provocazione e ciò che potrebbe peggiorare. “Non voglio sottovalutare l’incidente”. Tuttavia, l’emittente ha annunciato che i moderatori saranno temporaneamente ritirati. Dopo i commenti, l’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha scritto su Twitter: “Dobbiamo chiarire che ‘dobbiamo essere tutti arrabbiati'”.

Il giornalista ha spiegato che non si sarebbe accontentato delle scuse. Voleva che fosse intentata una causa contro l’uomo. “La giustizia deve fare il suo corso e stabilire che questo comportamento vergognoso era sbagliato”, ha affermato il 27enne. (wa/ank/dpa/afp)

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.