Gli incendi nella Germania orientale si stanno diffondendo rapidamente




CTK

Aggiornato 4 ore fa

Gli estesi incendi nello stato tedesco del Brandeburgo si sono diffusi da dieci a circa 850 ettari in un giorno. La situazione rimane estremamente critica anche in Sassonia, dove gli incendi si stanno diffondendo nel Parco nazionale sassone della Svizzera, vicino al confine con la Repubblica ceca. L’incendio era incontrollabile anche nel pomeriggio. Sette vigili del fuoco sono rimasti feriti durante l’intervento nel Brandeburgo, quattro dei quali sono stati ricoverati in ospedale per inalazione di fumo.

L’incendio ha iniziato a diffondersi nel Brandeburgo lunedì, lo stesso giorno circa 600 abitanti del distretto di Elbe-Halštrov (Elbe-Elster) hanno dovuto lasciare le loro case. Secondo i vigili del fuoco, l’evacuazione di altre città alla fine non è stata necessaria, ma in alcuni luoghi le persone hanno potuto tornare alle proprie case. Nessun civile è rimasto ferito.

L’incendio ha colpito l’allevamento di suini. Gli animali non potevano essere portati via in tempo e molti di loro sono morti sul colpo. Nella notte l’incendio ha raggiunto anche l’ex aeroporto, dove si trovano diversi padiglioni.

Circa 450 vigili del fuoco stanno combattendo l’incendio, assistiti da due elicotteri militari antincendio da cinquemila litri, che raccolgono l’acqua dal lago Kiebitz. Le autorità hanno dichiarato il divieto di balneazione nel lago. Sono attesi altri tre elicotteri e sul posto è presente anche un elicottero della polizia per valutare la situazione.

Secondo le stime dei vigili del fuoco, la lotta al fuoco durerà ancora qualche giorno. Martedì sono state segnalate piogge leggere nella zona, ma non è chiaro se sarebbero cadute direttamente sul fuoco. Secondo i meteorologi, si possono prevedere raffiche di vento fino a 60 chilometri orari, che potrebbero aumentare l’incendio.

La causa del 90 per cento di tutti gli incendi boschivi è l’attività umana, secondo il Ministero dell’Ambiente di Brandeburgo. Le foreste nel Brandeburgo coprono un’area di circa 1,1 milioni di ettari e praticamente l’intero stato ora ha il quinto tasso di rischio di incendio più alto.

Dal parco nazionale di eské výcarsko, dove gli incendi continuano a bruciare, lunedì si sono diffusi anche nella Svizzera sassone, sul lato tedesco del confine. La situazione è peggiorata in modo significativo martedì, ha riferito l’agenzia DPA. Le autorità hanno fortemente esortato i turisti ad evitare questa località, altrimenti rischiano la loro salute e la loro vita.

Fino a martedì mattina, 254 vigili del fuoco e unità di polizia federale e statale erano sul posto e hanno dovuto essere inviati in cinque località. Il giorno prima erano le tre, scrisse DPA. Di notte nessuno interviene nemmeno per la propria incolumità. Due cannoni ad acqua, ciascuno con una capacità di 10.000 litri, e due elicotteri si sono uniti alla lotta contro il fuoco. Attingono acqua dai fiumi Elba e Křinice (Kirnitzsch).

Grecia, Francia e Italia stanno spegnendo il fuoco

Da diversi giorni anche Grecia, Francia e Italia stanno combattendo gli incendi. Nel nord della Grecia, il Parco Nazionale di Dadia, che è uno dei più importanti del paese, è bruciato per un sesto giorno. Vi sono intervenuti 320 vigili del fuoco e militari, oltre a decine di volontari. L’incendio sull’isola di Lesbo viene lentamente messo sotto controllo, scrive il server Ekathimerini.

Lunedì gli incendi su larga scala in Francia sono stati tenuti sotto controllo, ma i vigili del fuoco stanno ancora combattendo focolai più piccoli. La gente del posto e i media ora si concentrano principalmente sull’animale ferito. Un cucciolo di scoiattolo ferito è diventato la mascotte di uno dei villaggi colpiti. L’associazione di caccia di Biscarrosse è andata nella foresta e ha importato cibo e acqua perché gli animali sopravvivessero nel paesaggio devastato, ha scritto il server Sud Ouest.

Firenze ha dovuto sospendere temporaneamente le operazioni nel suo aeroporto internazionale a causa di un incendio boschivo che imperversava a ovest della città. Lo riferisce l’agenzia ANSA. Secondo le autorità italiane, l’incendio ha iniziato a diffondersi in un vivaio forestale nei paesi di Lastra e Signa e ha rapidamente inghiottito la vegetazione circostante, gli uliveti, i campi e il bosco. Sul posto sono intervenuti due elicotteri e dieci unità di vigili del fuoco volontari. Altri sono in arrivo.

“L’incendio ha minacciato diverse case e per precauzione stiamo continuando l’evacuazione”, hanno detto al Firenze Post il sindaco di Lastra e Signa, Angela Bagni.

L’amministrazione dell’Aeroporto Internazionale di Peretola, situato alla periferia nord-ovest di Firenze, ha deciso di sospendere temporaneamente partenze e arrivi a causa del fumo. Il vento trasportava il fumo degli incendi boschivi durante la discesa e l’imbarco dell’aereo.

Anche il Centro Italia è alle prese con il fuoco. Un incendio vicino al paese di Saccovescio, in Umbria, ha finora bruciato oltre 200 ettari di foresta e vegetazione ed è ancora attivo, secondo l’ANSA.

VIDEO: In fuga dall’inferno. Il video con lo spagnolo in fiamme è diventato virale in tutto il mondo, ha perso la battaglia a fuoco

Lo spagnolo è andato con la sua scavatrice in un enorme incendio per salvare la sua città dall’incendio. | Video: Reuters

Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.