Gli infermieri riceveranno più di due milioni di risarcimenti dallo stato – eXtra.cz

Fonte: Petr Horník / Právo / Profimedia

Klára Melíšková nella miniserie del sospetto. Denisa Barešová interpreta la figlia di Klára Melíšková in Suspicion.

crimine

L’infermiera Věra Marešová riceverà un risarcimento totale di 2,27 milioni di corone dallo stato, più gli interessi per il procedimento penale in cui è accusata di aver ucciso sei pazienti all’ospedale di Rumbark. La corte d’appello ha preso la sua decisione finale oggi, ha detto a TK. Il risarcimento supera di gran lunga l’importo normalmente concesso. La donna rilasciata, soprannominata “Sister Death” da alcuni media, chiede un totale di cinque milioni.

Dipartimento di Giustizia Marešová ha pagato volontariamente un milione di corone per procedimenti illegali. Oggi, il tribunale della città di Praga ha gestito l’appello dello Stato, che non ha accettato di pagare alla donna altri 1,57 milioni, secondo una decisione del tribunale distrettuale. Il Consiglio d’Appello ha rispettato solo in parte lo stato, riducendo il risarcimento di 300.000 corone. Tuttavia, il ministero dovrà anche pagare le spese legali di Marešová, oltre agli interessi, che, secondo la stima del suo avvocato Iva Jónová, sono circa mezzo milione di CZK.

Il tribunale ha assegnato alla donna circa 850.000 corone per danni alla salute, il resto per danni morali causati da procedimenti penali. È chiaro che ciò che il ricorrente ha vissuto non può essere annullato in alcun modo». Pavel Freibert, membro del Consiglio d’Appello, ha osservato. Tuttavia, secondo lui, il numero su cui fanno affidamento i tribunali distrettuali è troppo alto.

caso mediato

Il tribunale civile ha convenuto che il procedimento penale ha influito in modo sproporzionato sul lavoro e sulla vita familiare di Marešová. Ha danneggiato la sua reputazione e gli ha reso difficile lavorare nel suo campo per tutta la vita. Anche la considerevole copertura mediatica del caso ha contribuito a questo.

L’accusa sostiene che Marešová abbia somministrato forti dosi di potassio ai pazienti dell’ospedale Ruburk tra il 2010 e il 2014dopo di che i loro cuori vengono meno. Avrebbe voluto semplificare il suo lavoro. Le indagini sono iniziate con la morte di uno dei pazienti. Nell’estate del 2014, la polizia ha prima accusato Marešová di questo omicidio, sulla base dell’opinione di esperti poi dagli altri cinque omicidi. I pubblici ministeri hanno chiesto la vita della donna. Tuttavia, il tribunale lo ha assolto perché le sue azioni non sono state provate.

Marešová ha anche criticato il ruolo svolto dai media nel suo caso. Lo ha mostrato i giornalisti non rispettano la presunzione di innocenza. Ha intentato causa contro diverse società di media e ha chiesto milioni di dollari di risarcimento. Ha richiesto 1,2 milioni di corone da TV Nova, 900.000 corone dall’editore Blesk o Aha – media house CNC, 700.000 corone dall’editore Mafra e 250.000 da Vltava Labe Media. Ha concluso un accordo stragiudiziale con l’editore Economia, le parti non ne hanno divulgato la forma. Il tribunale proseguirà la controversia con Prima TV a maggio.

Serie sospetta

Il caso di Věra Marešová ha anche ispirato una nuova serie in tre parti chiamata Suspicion, trasmessa dalla televisione ceca questa primavera. I ruoli principali sono interpretati dagli attori Klára Melíšková, Miroslav Hanu, Ivan Trojan o Dana Barešová.

Nella serie, un’infermiera di nome Hana Kučerová (perfettamente interpretata da Klára Melíšková) è severa non solo con se stessa, ma anche con il suo ambiente, quindi non è molto popolare tra i suoi colleghi. Quando si verificano discrepanze riguardo alla morte del paziente, il sospetto cade su di lui. Gli spettatori sono entusiasti delle notizie TV.

“Denisa è fantastica, per via del ruolo di Teresa è nata. Ne sentiremo parlare di più”. ha scritto un visualizzatore su Facebook CT. “Klára Melíšková recita benissimo, non la conoscevo affatto in quella posizione”, disse un altro fan.

Klára Melíšková nella miniserie del sospetto. Denisa Barešová interpreta la figlia di Klára Melíšková in Suspicion.

Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.