Gli italiani prendono d’assalto i supermercati a causa della guerra in Ucraina – Südtirol News

Preoccupati per l’aumento dei prezzi dei generi alimentari e la scarsità di prodotti a base di cereali, negli ultimi giorni gli italiani hanno preso d’assalto i supermercati di diverse città. A Napoli, nell’Appennino abruzzese e sardo, alcuni scaffali dei supermercati erano vuoti dopo che le persone avevano accumulato pasta, farina, conserve e altri prodotti non deperibili.

La corsa ai supermercati è stata provocata da segnalazioni di carenza di grano da Russia e Ucraina. Anche le segnalazioni di un possibile sciopero dei mercantili contro i prezzi elevati del carburante e i relativi blocchi delle spedizioni hanno portato ad acquisti presi dal panico.

Gli scaffali del principale supermercato del capoluogo sardo, Cagliari, sono vuoti, mentre molti distributori di benzina stanno finendo il carburante, soprattutto il gasolio.

Lunedì è stato annunciato lo sciopero di un mercantile sardo: 450 camionisti vogliono parcheggiare i loro camion davanti al porto e alla zona industriale dell’isola per protestare contro i prezzi elevati del diesel. Un blocco completo delle consegne di due settimane è stato annunciato tramite Whatsapp, che ha causato il panico a molte persone. Anche se si trattava di disinformazione, ha suscitato preoccupazione tra i residenti. Per il 19 marzo è previsto uno sciopero dei mercantili di tutta Italia contro i prezzi elevati del carburante.

L’associazione agricola Coldiretti ha sottolineato che non c’era motivo di acquistare forniture. Correre al supermercato comporta il rischio di inutili sprechi alimentari. Il pericolo è che la speculazione sul cibo venga alimentata e i prezzi continuino a salire.

Il ministro dell’Agricoltura italiano Stefano Patuanelli domenica ha avvertito di inutili preoccupazioni per la carenza di cibo. “Non c’è motivo di prendere d’assalto gli scaffali dei supermercati”, ha detto il ministro ai media italiani.

Di cosa

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.