Glossario: i ministri non parlano più inglese. Peggio per Fiala

Il dibattito sulle competenze linguistiche dei ministri è diventato folklore politico ceco. Poco dopo la convocazione del nuovo governo, abbiamo scoperto che alcuni politici non parlavano fluentemente l’inglese o altre lingue del mondo, e tutti sono stati offesi collettivamente.

Negli anni ’90, pensavamo che sarebbe passato, perché il colpevole era un russo obbligatorio a scuola. Oggi vediamo che le sue radici sono più profonde e in qualche modo risiedono nel cosiddetto carattere nazionale o nelle tradizioni culturali. In poche parole, la maggior parte della popolazione ha meno bisogno di guardare oltre i confini nazionali rispetto ai residenti di altri paesi comparabili.

E sì, confronto (principalmente) paesi europei che vorrei chiamare “il nostro spazio”. Secondo l’EF English Proficiency Index (2021), solo Francia, Italia e Spagna sono dietro a questi paesi. Anche slovacchi, rumeni e bulgari, che di solito sono dietro di noi nei criteri “occidentali”, hanno superato i cechi nella conoscenza dell’inglese.

Immagino che dobbiamo darlo per scontato. Andrà meglio, ma ci vorrà molto tempo. Paradossalmente, la tecnologia potrebbe alla fine risolvere questo problema per noi. La qualità della traduzione automatica, vedi ad esempio il famoso DeepL tedesco, sta migliorando di anno in anno. Questo è fondamentalmente sufficiente per leggere o scrivere.

Possiamo ipotizzare se la nostra riluttanza o la nostra incapacità di imparare una lingua straniera, che anche le élite (che altri ministri del governo?), non dicono molto sulla nostra natura. Ad esempio, una riluttanza a guardare oltre i confini, a imparare dagli altri e a non esagerare il tuo esaltato buon senso, ma a non essere toccato da informazioni esterne.

Tuttavia, la delusione del governo Fial nei confronti del ministro per le persone con disabilità linguistiche mostra un’altra cosa. E i politici lotteranno sempre con questo. Le due coalizioni che compongono l’attuale governo hanno fatto una campagna per elettori più intelligenti e istruiti. Rifiutano il populismo. Promettono un’enfasi sull’istruzione, sui valori occidentali e sull’economia della conoscenza.

In altre parole, le richieste dei loro attuali elettori tendono ad essere molto più alte di quelle degli attuali partiti di opposizione, o delle richieste degli elettori dei partiti del precedente governo. Non dico che questi partiti non possano eleggere persone intelligenti e istruite (devono essere tante), e viceversa. Ma i dati demografici degli elettori di partito, secondo me, sono abbastanza chiari e convincenti.

L’elettorato è più esigente nei confronti del governo Fial. Forse irrealistico. E la coalizione di governo deve difendersi dal “tiro amico” dei suoi elettori. Non è un segno di evasione o impazienza. Vogliamo solo avere politici che possiamo rispettare, non solo prenderli in giro (nonostante ciò, ovviamente).

L’anno scorso, quando l’ex ministro delle finanze ha sottolineato quanto sia divertente l’inglese, ha anche affrontato delle critiche. Ma l’elettorato si precipitò presto tra i ranghi della difesa e degli avvocati. Se riduciamo i membri del partito e il personale della segreteria del partito, questa volta non c’è nulla che impedisca al ministro di essere libero dal linguaggio. Le persone vogliono solo competenza oltre ad avere ottime foto scattate su Instagram.

Per evitare confusione, le richieste elevate vanno ovviamente bene. Solo per Fiala et al. non sarà facile e può farli sentire ingiusti. Ma non c’è altra scelta.

Quando qualcuno dice “Non so cosa stai criticando, il primo ministro del governo precedente non parla nemmeno ceco!” È un buon scherzo. Ma se qualcosa fosse grave, sarebbe una tragedia. Ciò significa che Babi, come politico, potrebbe perdere le elezioni, ma Babi continua a vincere come principio.

Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.