Google Stadia: ecco come puoi configurare i servizi di videogiochi sulla tua TV

file di foto. | Credito: GOOGLE

I giochi in cloud ti permettono di giocare da qualsiasi dispositivo senza (ovviamente) aver bisogno di una console, puoi accedervi dal tuo telefono, computer o tablet; Tuttavia, per quanto riguarda la televisione, fino ad ora non si poteva vivere un’esperienza completa.

Per giocare nel cloud dal televisore è necessaria una console direttamente o per collegare un computer al dispositivo, per utilizzare servizi come NVIDIA GeForce Now, Shield TV e Nel caso di Google Stadia, devi avere un Chromecast e un controller Stadia (o avere Android TV / Google TV).

Ora si è diffusa in tutto il mondo la notizia che Google Stadia ha annunciato ufficialmente l’arrivo dei suoi servizi per i televisori LG 2020 e 2021.

Il televisore deve avere WebOS 5.0 o superiore, basterà scaricare e ottenere l’applicazione Google Stadia originale e registrarsi, da qui si avrà accesso al catalogo del giocoovvero consentirà agli utenti di giocare direttamente dal televisore senza la necessità di una console o altro dispositivo.

Il vantaggio di questo nuovo servizio direttamente dal televisore è che non è necessario disporre di controlli Stadia ufficiali, basta avere il controllo o il controllo con Bluetooth e una buona connessione Internet.

Google Stadia è attualmente disponibile solo in 24 paesi; tuttavia, continuando a crescere, uno degli ultimi paesi ad essere aggiunti all’elenco è il primo paese dell’America Latina a poter usufruire di questo servizio; Portorico.

Per giocare a Google Stadia, devi solo scaricare l’app, accedere e connettere il controller tramite Wi-Fi, Bluetooth o USB (dato che alcuni televisori non dispongono di Bluetooth). Tieni presente che per giocare a Stadia l’app richiede una connessione minima (10 Mbps); tuttavia, per giocare in 4K (disponibile nella versione Pro), sono necessari almeno 35 Mbps.

L’interfaccia dell’app nativa della TV non è cambiata molto, poiché rimane intuitiva e facile da navigare nel catalogo dei giochi.

Questo servizio di videogiochi cloud è accessibile gratuitamente con un catalogo ridotto di titoli da giocare; tuttavia, se desideri accedere a un catalogo più solido, con videogiochi dei principali franchise e altro, dovrai pagare circa $ 10 al mese.

Con l’aggiunta di questo televisore, Google Stadia si posiziona come uno dei servizi di videogiochi cloud più completi perché non richiede altri dispositivi fuori controllo per giocare.

Secondo i documenti trapelati, Sony prevede di portare i servizi di cloud gaming sui telefoni

Il cloud gaming sta assumendo un ruolo sempre più dominante nel panorama odierno e di fronte a ciò, sembra che Playstation stia cercando di espandere i suoi servizi di cloud gaming e Apple ha le informazioni al riguardo.

L’informazione è trapelata dal media “The Verge”, perché i media specializzati in questa tecnologia hanno trovato documenti segreti del processo Epic vs Apple, perché lì è stato confermato che la società di Steve Jobs aveva sentito parlare “dell’estensione mobile della trasmissione del gioco servizio per utenti PlayStation con accesso a giochi PS3 e PS4″.

L’espansione del suo servizio cloud “PlayStation Now” sarà il più grande fino ad oggi, poiché la società di giochi trasmette in streaming titoli PS2 e PS3 su smart TV, lettori Blu-Ray e PS Vita; tuttavia, la società ha deciso di interrompere tutte quelle piattaforme per concentrarsi sulla ripresa del cloud gaming su PC e PS4, sebbene non abbia mai visto un punto positivo per i dispositivi mobili.

Apple menziona PlayStation in un documento scritto nel 2017 perché questo particolare documento contiene una spiegazione dei piani di Apple di lanciare il proprio servizio di abbonamento di giochi, ovvero “Apple Arcade”, annunciato nel 2019.

CONTINUA A LEGGERE:

Accedi ai tuoi generi preferiti su Netflix con questo codice segreto
Come la tecnologia sta aiutando la NASA a cercare pianeti dove esiste la vita
Celle autorigeneranti: il futuro della mobilità elettrica

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.