Grimaldi rileva l’attività marittima di Trasmediterránea nelle Isole Baleari | Economia

Il gruppo armatoriale italiano Grimaldi è entrato a pieno titolo nell’attività di trasporto passeggeri e merci tra la Penisola e le Isole Baleari con l’acquisto di beni da Naviera Armas, proprietaria di Trasmediterránea. Il gruppo napoletano è diventato, con le operazioni inaugurate questa settimana, il successore della compagnia spagnola sulle rotte con queste isole. Ha acquisito la nave, il terminal portuale e la licenza ad un prezzo che non è stato reso noto dalle parti. “Grimaldi potrà offrire servizi completi ai propri clienti, gestire al meglio la propria flotta e ottimizzare il proprio business”, spiega Miguel Pardo, direttore commerciale di Trasmed GLE, la nuova filiale del gruppo napoletano che gestirà la linea appena acquisita. .

L’accordo prevede l’acquisizione da parte di Trasmed, con sede a Valencia, di cinque traghetti per il trasporto di passeggeri e merci e un terminal di Valencia, oltre a vari magazzini, uffici e biglietterie a Valencia, Palma di Maiorca, Mahón e Ibiza. Ciò include anche l’acquisizione di diritti di sfruttamento delle linee marittime tra la Penisola e le Isole Baleari: da Barcellona e Valencia a Mahón (Minorca), Palma di Maiorca e Ibiza. Le navi acquisite sono Ciudad de Palma, Ciudad de Granada, Ciudad de Mahón, Volcán del Teide e Volcán de Tijarafe, alle quali si aggiungerà l’Euroferry Egnacia, già di proprietà della compagnia di navigazione italiana.

Ulteriori informazioni

Grimaldi si è tuffato 15 anni fa nei servizi di consegna a corto raggio per competere con i camion. A cominciare dalla tratta tra Barcellona e Civitavecchia (Roma), e un’altra tra Valencia, Barcellona, ​​​Livorno e Savona. Nel 2013 ha aperto il suo terminal a Barcellona per gestire la propria flotta e ne ha un secondo, altamente specializzato nel trasporto di veicoli, nel porto di Valencia. Con l’acquisto di asset da Armas Trasmediterránea, Grimaldi ha aggiunto un secondo terminal da dedicare al trasporto passeggeri con le isole vista l’elevata occupazione dell’area cargo.

READ  Disagio per lo spostamento a sud del consolato italiano a Santa Cruz

“Il servizio con le Isole Baleari ha una certa logica perché quando hai il tuo terminal, la rotta che attraversa è molto vicina alle Isole Baleari e una grande flotta di navi; inoltre più affari si hanno, più sinergie nascono”, ha aggiunto il manager riferendosi ad altre linee del Mediterraneo che collegano Barcellona con la Sardegna, Civitavecchia (Roma), Savona e Livorno; e collegamenti tra Valencia e la Sardegna, Salerno, Savona e Livorno. Grimaldi opera anche linee atlantiche con destinazioni in Africa occidentale, Nord Europa e Nord e Sud America, grazie a una flotta globale di 130 navi. “Emergono nuove possibilità per i clienti, sia di Trasmediterránea che Grimaldi, e un migliore utilizzo dell’intera struttura aziendale”, sottolinea Pardo.

Per la prima volta sono tre le compagnie che percorreranno la rotta marittima tra la Penisola e le Isole Baleari: la spagnola Baleària e le italiane Grimaldi e GNV. Ora Grimaldi sostituisce Naviera Armas, società che ha acquistato Trasmediterránea nel 2018, e gareggerà, oltre alla società presieduta da Adolfo Utor, con GNV Italia (Grandi Navi Veloci), del gruppo MSC, recentemente entrato a far parte della rotta. . . “E’ difficile avere spazio per tre operatori”, ha detto il direttore commerciale di Trasmed.

Conoscere a fondo tutti i lati della medaglia.

Cliente

Secondo i dati Grimaldi, nel 2019, 1.400.000 persone hanno effettuato viaggi in mare verso le Isole Baleari dalla Penisola (tutte compagnie di navigazione). E circa la metà, circa 700.000 viaggiatori lo fanno dai porti di Valencia, Gandía e Denia. Con la vendita delle attività, Armas Trasmediterránea ha ridotto i suoi livelli di indebitamento e si è concentrata sulla gestione delle rotte delle Isole Canarie e dell’Andalusia con il Nord Africa.

READ  L'Italia rivede al rialzo le previsioni e quest'anno prevede una crescita del 6% | Economia

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.