Guccio Gucci ha iniziato come addetto all’ascensore: il marchio è stato segnato da un omicidio

Il marchio di moda Gucci ha subito una serie di sfortunati controlli del destino durante la sua esistenza, ma continua a prosperare. Sono passati più di cento anni da quando il suo fondatore faceva il cameriere nell’ascensore di un hotel di Londra. Durante quel periodo, la famiglia ha incontrato scandali come l’omicidio dell’erede da parte della sua stessa ex moglie. Tuttavia, a quel tempo, Gucci non apparteneva più alla famiglia reale. Tuttavia, la maison non si è conclusa con l’ultimo direttore di famiglia dell’azienda, anzi.

Guccio Gucci è nato figlio di una sella fiorentina, ma all’inizio voleva andare per la sua strada. Dalla nativa Italia si trasferì a Parigi, poi a Londra, dove lavorò come addetto agli ascensori all’Hotel Savoy. Durante i suoi viaggi, si interessò alla moda, in particolare a quelle indossate dall’alta borghesia che viveva in Savoia. Era molto interessato all’artigianato dei bagagli di lusso. Così tornò nella sua città natale, Firenze, e iniziò a disegnare e produrre valigie e borsette.

Fondò il suo nuovo marchio Gucci nel 1921 – inizialmente produceva anche selle e focalizzava la sua collezione principalmente sulle esigenze dell’equitazione. Ma ha presto ampliato la sua attività: ha iniziato a lavorare con i suoi tre figli Rodolfo, Aldo e Vasco, ha aperto un negozio a Roma e ha scoperto altre opportunità che la moda ha da offrire.

Il padre di Liška Bystrouška salva un bambino congelato dalla morte: e poi crea una bellissima casetta per bambini e un costume natalizio

A poco a poco, la famiglia ha aperto più negozi, anche a New York. Alla morte di Guccio, l’azienda era di proprietà dei figli (tra cui Ugo adottato), l’unica figlia che si era tagliata i capelli. La lotta per il potere di gestire l’azienda in famiglia crea grossi problemi. Forse questo ha portato anche l’erede di Maurize, il figlio di Rodolfo, a vendere la società al gruppo di investimento del Bahrain Investicorp, che già possiede la società di gioielli Tiffany.

Il sanguinoso segreto dell'omicidio di Dian Fossey: guardie Gorilla uccise per impedire al governo di contrabbandare contrabbandieri
READ  Papa Giovanni Paolo I sarà beatificato il 4 settembre 2022 in Piazza San Pietro

Questo pose fine al coinvolgimento della famiglia nell’azienda. Quasi due anni dopo, Maurizio Gucci ha finito, con una pallottola in testa. L’assassino gli ha sparato da un’auto di passaggio tre volte alla schiena e alla spalla e una alla testa mentre entrava nel suo ufficio a Milano. Era morto sul colpo. Dopo una lunga indagine, la sua ex moglie, Patrizia Reggiani, si è costituita in tribunale. Non ha mai confessato, ma ha ottenuto 26 anni, di cui ha scontato 16 anni. L’uomo che una volta amava profondamente potrebbe essere assassinato per vendetta, per soldi e per un giovane amante.

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.