Guerra in Ucraina. Il dolore dei soldati Mariupol, degli aerei da guerra… Il punto è la notte

I nuovi bombardamenti russi e gli attacchi dall’inizio della settimana per conquistare il Donbass e l’Ucraina orientale hanno esaurito l’esercito di kyiv. A Mariupol, città martirizzata, i soldati temono di vivere i loro ultimi istanti e di non rivedere più i loro cari.

“Possiamo vivere i nostri ultimi giorni, anche le nostre ultime ore”ha detto un ufficiale ucraino sotto assedio a Mariupol, chiedendo alla comunità internazionale di attuarlo “estratto”in un messaggio pubblicato su Facebook nelle prime ore di mercoledì 20 aprile.

“Dieci volte più nemici di noi”ha detto Serguiy Volyna, comandante della 36a brigata della marina nazionale, che è trincerato nel vasto complesso siderurgico Azovstal a Mariupol (Ucraina sudorientale), assediato dalle truppe russe.

“Chiediamo e imploriamo tutti i leader mondiali di aiutarci. Abbiamo chiesto loro di utilizzare la procedura di estrazione e di portarci nel territorio di un Paese terzo”Ha aggiunto.

Secondo il comandante Volyna, l’esercito russo aveva “vantaggi nell’aria, nell’artiglieria, nelle truppe di terra, nell’equipaggiamento e nei carri armati”.

“Abbiamo difeso solo un punto – la fabbrica Azovstal – dove oltre all’esercito c’erano anche i civili che sono diventati vittime di questa guerra”Lui continuò.

La Russia martedì (19 aprile) ha chiesto agli ultimi difensori della città di Mariupol di interrompere le loro azioni “resistenza irragionevole”promettere “Salva Vita” per i combattenti ucraini trincerati nel complesso dell’Azovstal se si arrendono.

Aerei da caccia e artiglieria per l’Ucraina

L’Ucraina ha ricevuto aerei da combattimento e pezzi di ricambio per rafforzare la sua forza aerea, ha detto martedì il portavoce del Pentagono John Kirby, rifiutandosi di nominare il loro numero o il paese che ha fornito gli aerei.

Questo annuncio ha visto un cambiamento di atteggiamento da parte dell’Occidente, che per più di un mese ha rifiutato di fornire armi pesanti all’Ucraina, per evitare un’escalation del conflitto. “Oggi (Ucraina) ha più caccia rispetto a due settimane fa”ha detto il portavoce in conferenza stampa.

“Senza entrare nei dettagli su ciò che gli altri paesi stanno fornendo, direi che hanno ricevuto ulteriori aeromobili e pezzi di ricambio da aggiungere alla loro flotta”.Ha aggiunto.

Potrebbe trattarsi di un Mig-29 di fabbricazione russa, richiesto da Kiev dall’inizio del conflitto e di proprietà di una manciata di paesi dell’Europa orientale.

800 milioni di dollari in aiuti statunitensi

Gli Stati Uniti approveranno anche un nuovo pacchetto di aiuti militari da 800 milioni di dollari per l’Ucraina, meno di una settimana dopo il precedente annuncio dello stesso importo, riportato martedì 19 aprile, secondo quanto riferito da diversi media americani.

I dettagli del nuovo pacchetto sono ancora in fase di elaborazione, secondo la CNN, che ha citato tre alti funzionari dell’amministrazione Biden.

Secondo NBC News, la nuova puntata dovrebbe includere più artiglieria e decine di migliaia di proiettili per Kiev nella sua guerra contro la Russia, poiché l’Ucraina deve affrontare una serie di attacchi russi nell’est del paese.

La portavoce della Casa Bianca Jen Psaki ha dichiarato martedì pomeriggio che: “Il presidente Biden e i leader che hanno partecipato all’appello di questa mattina (hanno) discusso di fornire ulteriori munizioni e assistenza alla sicurezza all’Ucraina”.

Il 13 aprile, Joe Biden aveva annunciato al presidente ucraino Volodymyr Zelensky altri 800 milioni di dollari in assistenza militare statunitense, comprese attrezzature pesanti come veicoli corazzati, artiglieria ed elicotteri.

L’importo totale di questi aiuti militari, prima del previsto annuncio di questa nuova tranche, era di circa 3,2 miliardi di dollari.

Alleati pronti per “nuove sanzioni”

Gli Stati Uniti e l’Unione Europea ci sono riusciti “ampio consenso sulla necessità di aumentare la pressione sul Cremlino, in particolare attraverso l’attuazione di nuove sanzioni”ha detto il governo italiano martedì in ritardo.

Anche gli Alleati hanno concordato sulla necessità “per aumentare l’isolamento internazionale di Mosca”ha detto in una nota.

Questa posizione è stata presa durante un incontro virtuale dedicato all’attacco della Russia all’Ucraina tra il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e un alleato chiave degli Stati Uniti.

Putin è responsabile “crimini di guerra”disse Scholz

Al termine di questa videoconferenza, il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha stabilito che il presidente russo Vladimir Putin era responsabile di “crimini di guerra” in Ucraina che hanno ucciso migliaia di civili.

Guerra in Ucraina. Il dolore dei soldati Mariupol, degli aerei da guerra… Il punto è la notte

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.