Guerra in Ucraina: kyiv annuncia che è stato raggiunto un accordo sul corridoio di evacuazione dei civili da Mariupol

La linea del fronte è cambiata radicalmente da quando Vladimir Putin ha lanciato le “Operazioni militari speciali” il 24 febbraio 2022. Fino ai primi giorni di aprile, ha tracciato i contorni di un’invasione globale dell’Ucraina su tre fronti, nord, sud ed est.




catturare

In Oriente, la battaglia decisiva del Donbass

Nell’est del paese, le truppe russe mantengono la pressione alla periferia Charkov, la seconda città più grande dell’Ucraina con 1,5 milioni di abitanti, per riparare le truppe ucraine lì, ma interferire con i loro sforzi per accerchiarle, che per loro è fuori portata. Si sono anche ritirati da somma, più a nord. Quest’altra grande città è sulla strada per una svolta che porta a una linea retta Kiev.




cattura 6snQwTI

Nel sud, la svolta è stata interrotta oltre il Dnepr

La battaglia di Mariupol e più in generale la battaglia del Donbass non fu giocata solo sul fronte orientale. L’assedio della città e il tentativo di repressione del territorio non sarebbero stati possibili se, sul fronte meridionale, l’esercito russo non fosse avanzato dalla Crimea con l’obiettivo di stabilire un corridoio terrestre tra le penisole annesse nel 2014 da Mosca. ei separatisti di Donetsk e Lugansk. Prima di raggiungere le chiuse di Mariupol, i russi conquistarono la città Melitopol il 26 febbraio scorso porto Berdiansk 27.

Nel nord, la fine della battaglia di Kiev

Il principale capovolgimento, all’inizio di aprile, fu la fine – almeno temporaneamente – della battaglia Kiev. Di fronte a un contrattacco ucraino, i russi si sono ritirati dal nord del Paese quando erano a soli 30 km dal centro della capitale. La lotta per il luogo di nascita della Rus’ di Kiev del IX secolo – il primo grande stato slavo le cui origini storiche sono contese da ucraini e russi – e persino per la sede di una città di 2,8 milioni di persone è fuori dalla portata della Russia: dovrà tenersi zone circolari con una circonferenza da 100 a 150 km per circondarlo. Anche se non sono stati colpiti ufficialmente – dal momento che si sono ritirati dalla regione – suona come una sconfitta per il Cremlino perché, dal 24 febbraio, data la distribuzione geografica dell’esercito russo, il front du Nord risulta essere il più strategico. .




catturare

Il fallimento della strategia russa?

La strategia della Russia in Ucraina ha subito una battuta d’arresto. All’inizio faceva parte della tradizione sovietica “operazione profonda“Non riguarda.”Attacco di fulmineIl famoso tedesco, che ha fatto affidamento su scoperte iniziali molto veloci, ma piuttosto sul lancio in diverse ampie aree di manovra in profondità per creare “sorpreso” – IO'”ouda– combatti l’intero sistema nemico, mira a distruggerlo e distruggerlo. L'”opera d’arte» La Russia ha compiuto una mossa massiccia per accerchiare il nemico per ridurlo in grandi tasche, «calderone“-“cullain russo – un tentativo che può ancora essere osservato su scala ridotta nel movimento di bloccaggio delle truppe ucraine nel Donbass. Ma a Kiev, Kharkiv, Chernihiv o Mykolaiv, il passo è troppo alto.

> LEGGI ANCHE – La guerra in Ucraina e la battaglia del Donbass: tre mappe per seguire in tempo reale la situazione militare

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.