“Ha un certo simbolismo”, l’escursionista teso Nathan Paulin che si prepara alla “grande traversata” del lago di Annecy sulla slackline

Haut-Savoyard Nathan Paulin, il recente detentore del record mondiale di prima classe al Mont Saint-Michel, si sta già preparando per nuove esibizioni in tutta la Francia. Nel suo programma speciale: la “grande traversata” sul lago di Annecy, il 19 luglio. Ci racconta questo progetto “simbolico” e ci parla del suo ultimo disco.

A poche settimane dal record mondiale di massima serie al Mont Saint-Michel, Nathan Paulin si prepara al ritorno in patria, l’Alta Savoia. Il 19 luglio, alle 20:30, funamboli specializzati in slackline eseguiranno la “Grand Traversée du lac” ad Annecy. Uno spettacolo artistico che può riunire quasi 15.000 persone. Questo normale Spettacolare incrocio racconta di questo nuovo progetto:

Quali sono le caratteristiche di questa “grande traversata” del lago di Annecy?

Questo è un progetto di spettacolo avviato con il palcoscenico nazionale di Bonlieu. Questo è un lungo viaggio slackline di 850 metri che partirà da Le Pâquier e raggiungerà l’Imperial (un prestigioso hotel sulle rive del lago di Annecy). performance, immaginata dal coreografo Rachid Ouramdane, aprirà l’intera serie di eventi.

Pertanto, l’obiettivo è camminare sul lungomare, per stare abbastanza vicino alle persone. La mia voce verrà trasmessa dall’altoparlante insieme alla mia performance. Questo permetterà al pubblico di sapere cosa faccio e cosa vedo, ma anche di avere un contatto più intimo con chi mi osserva.

Sei originario di Le Reposoir, una cittadina vicino ad Annecy. Questo spettacolo ha una risonanza speciale per te?

Vivo ad Annecy, quindi conosco bene il posto. Questa passeggiata, che sto per fare, l’ho camminata molte volte in bicicletta per oziare sulla spiaggia di Albigny. Ha un simbolismo speciale, questo è certo.

Questo progetto è il succo di ciò che ho fatto finora.

Nathan Paulin, nel suo record al Mont Saint-Michel.

Quindi avere le autorizzazioni necessarie non è cosa da poco. Ho sempre avuto buoni contatti con il Teatro Bonlieu e Rachid Ouramdane. Abbiamo lavorato insieme durante la “grande passeggiata” su Semnoz.

Di recente hai battuto il record mondiale di linea alta al Mont Saint-Michel con una pista di 2.200 metri. Come hai vissuto questa registrazione altamente pubblicizzata?

Funziona bene. Questo progetto è il succo di ciò che ho fatto finora. Ho battuto dei record in passato e ho deciso di fermare questo aspetto dello slacklining. Non mi interessa più.

D’ora in poi preferisco lavorare su progetti con una certa estetica, in posti belli. Il progetto Mont Saint-Michel unisce questi due aspetti: l’estetica ma anche queste note. È un mix dei due ed è per questo che ho deciso di provarlo. Era il progetto più complicato che dovevo fare.

Non ti fermi qui, hai un’estate molto movimentata con tanti progetti…

Le estati saranno occupate, davvero. Ho fatto un piccolo “giro della Francia” partendo dalla cattedrale di Rouen, poi sono andato al Pont du Gard, il 9 luglio, per un altro spettacolo.

Ho poi viaggiato in Italia, sulle Dolomiti per uno spettacolo, prima di raggiungere Annecy per attraversare questo lago. Poi sono andato a Bonifacio e poi a Ginevra, per un corso sul lago di Ginevra, il 1° agosto. È davvero un’opportunità per essere convocati in un ambiente così bello”.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.