Ho il vaiolo delle scimmie. Un noto blogger descrive in rete i sintomi della sua malattia infettiva

PANORAMICA: Come viene causato, trasmesso e curato il vaiolo. Animali selvatici e scimmie

Il giorno dopo la pubblicazione di questo video, Sapozhnikov ha iniziato ad avere piaghe ed eruzioni cutanee su tutto il corpo. Condivide anche questo sintomo con i suoi seguaci. Ha usato il suo telefono per registrare i punti in cui aveva piccole bolle. “Ho notato, non so se puoi vederlo, ma ho anche i brufoli qui e qui.”

Cattive notizie

Sapozhnikov si sentì male per la prima volta il 19 giugno. Ventiquattro giorni dopo sviluppò una febbre che durò due giorni. Il 21 giugno ha notato due ferite simili al vaiolo: una sul dito e una sul petto. Quella stessa notte, è andato al pronto soccorso dell’ospedale locale per gli esami. È stato informato dei risultati il ​​23 giugno, quattro giorni dopo essersi sentito male per la prima volta.

Dopo una telefonata con il suo medico, a Maxim è stato detto di recarsi in un ospedale locale di Milano per gli esami. In ospedale, è stato messo in una scatola isolata e presto è venuto da lui un medico, coperto dalla testa ai piedi con indumenti protettivi. Si asciuga il brufolo.

Ha subito pubblicato sui social la conferma di un test positivo. “Ho una brutta notizia, ho il vaiolo delle scimmie. Onestamente non posso credere che mi stia succedendo e sono una delle tremila persone al mondo ad essere ufficialmente infettate”.

Lo ha detto Maxim Sapozhnikov, direttore di Fashiontomax Notizie del cielo, che dopo aver confermato i risultati del test si è sentito spaventato. Secondo lui, ciò è dovuto principalmente alla mancanza di informazioni sulla malattia negli spazi pubblici. Ecco perché ha iniziato a ricercare di più sulla malattia su Internet.

Società disinformata

“Sono andato su Internet e ho visto foto orribili di persone con lesioni. Vivo da solo e non c’è nessuno di cui mi possa fidare, non so davvero cosa fare in questa situazione”, ha lamentato la blogger.

Caso del vaiolo delle scimmie.  Immagine dell'illustrazione

Capo dell’OMS: Monkeypox non è ancora una minaccia per la salute globale

All’inizio, Maxim non era sicuro se pubblicare la sua storia, temendo lo stigma associato al virus. Fu anche avvertito dai suoi amici che dissero che sarebbe diventato famoso ed etichettato come quello con il vaiolo delle scimmie, era anche temuto per la sua carriera.

Tuttavia, ha superato questa paura e ha deciso di condividere la sua storia sui social media per aiutare a informare gli altri che potrebbero essere preoccupati di contrarre questa malattia infettiva.

Tutti coloro che sono malati hanno bisogno di aiuto e sostegno

Ha detto a Sky News: “Non bisogna vergognarsi, non c’è bisogno di aver paura dello stigma. Non importa dove o come una persona sia stata contagiata, l’unica cosa che conta è che in quel momento la persona in questione sia malata e abbia bisogno di aiuto. E se qualcuno è solo e senza aiuto in quel momento, sarà anche peggio”.

A Maxim Sapozhnikov è stato detto di autoisolarsi fino a quando le lesioni non si asciugano, ma il periodo di tempo può variare da persona a persona a seconda della risposta del sistema immunitario al virus. Questo di solito è di circa due settimane.

Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) ha espresso grave preoccupazione per il numero crescente di casi in Europa. Sebbene non sia stata ancora dichiarata un’emergenza sanitaria pubblica internazionale, la situazione potrebbe cambiare se il numero di casi continuasse a crescere.

È stato annunciato mercoledì scorso (22 giugno). 3.400 casi confermati vaiolo delle scimmie. Lunedì, l’OMS ha affermato che la maggior parte dei casi proveniva dall’Europa.

Negli ultimi dieci giorni è aumentato 1.310 nuovi casi vaiolo delle scimmie.

Secondo l’agenzia Reuters otto paesi hanno segnalato i loro primi casi di infezione.

Nella Repubblica Ceca, la malattia si diffonde molto lentamente. Alla fine della scorsa settimana, lo State Institute of Health ha segnalato il suo settimo caso confermato di vaiolo delle scimmie. La persona contagiata è un cittadino di 36 anni di uno dei paesi dell’Unione Europea che lavora a Praga. Il paziente è in isolamento domiciliare e in contatto con il medico curante.

Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.