“I diritti televisivi sul calcio non possono dare di più”

“Dopo aver giocato a calcio, non è facile iniziare un’altra carriera. Ho lavorato presso la banca svizzera Credit Suisse a Londra nel 2002 e nel 2003. Sono nel mondo della finanza da oltre 15 anni occupandomi di capitali privati, asset management… Questo non è la stessa cosa del calcio, ma ha anche un elemento di competizione perché devi vincere sempre, devi essere ben informato sui tuoi avversari e questo è qualcosa che hai già nel calcio”, ha commentato il calciatore svizzero spagnolo.

“I finanzieri vogliono essere nel calcio, vogliono comprare squadre. Invece io sono un calciatore che si avvicina alla finanza, parlo la stessa lingua, ne so più o meno la stessa cosa e a volte ti guardano un po’ strani chiedendosi cosa fanno i calciatori in questo mondo. All’inizio è difficile perché devi dimostrare di sapere lo stesso o anche di più, a volte anche più di quanto la parte tecnica del fondo non ti rispetti perché hai l’etichetta di calciatore. Non c’è bisogno di avere paura di questa etichetta”, ha detto nell’intervista.

Con la squadra di calcio svizzera, il difensore ha partecipato con la nazionale svizzera agli Europei del 1996 in Inghilterra. Vega ha debuttato come professionista al Grasshoppers e si è ritirato al Créteil francese. Ha segnato 27 gol in tutta la sua carriera.

A seguito della Brexit ha lasciato il suo fondo di investimento e ora Vega è entrata nel mondo delle criptovalute. In particolare, fornisce consulenza a club e federazioni calcistiche su fusioni e acquisizioni (M&A), ma anche su nuovi business dal lato dei tifosi, che è uno dei grandi asset dei club di oggi attraverso la gestione dei dati e la blockchain. La digitalizzazione del club è qualcosa che ha preso slancio negli ultimi due o tre anni, soprattutto dai fan più giovani, ha aggiunto.

“Devi guardare a lungo termine, se hai un prodotto che pensa a un anno o due, non vale ancora questa digitalizzazione, ma la pandemia ha forzato questa digitalizzazione perché le persone non possono guardare fisicamente le partite negli stadi e devono guardare la televisione e la comunicazione digitale”, sottolinea Vega.

“I ricavi del calcio sono cresciuti così tanto negli ultimi dieci anni, il valore dei diritti televisivi è cresciuto così tanto, a beneficio degli investitori… C’è un sacco di soldi che arrivano nel calcio, dall’Europa, dall’America e dal Medio Oriente e questo è naturale perché il calcio ha bisogno di soldi, ma non c’è equilibrio (in corso), ma vediamo una lotta tra Premier League, Lega spagnola o Ligue 1.

“I diritti televisivi sul calcio hanno raggiunto un punto in cui non possono più arrivare perché gli operatori che pagano per i diritti del calcio non possono più pagare di più, perché in campionati come La Liga o la Ligue 1 non riescono a rendere redditizio quell’investimento. Devi cambiare atteggiamento con i diritti televisivi, ma devi parlare di streaming, 5G… e se ciò non cambia, arriverà un punto in cui gli operatori non potranno pagare questo importo”, ha avvertito.

Ramon Vega ha passato in rassegna la situazione calcio attuale, discorsi sui club statali, sul fair play finanziario (FPF) e sul futuro della FIFA in questa ampia intervista a Investment Strategies.

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.