I fini non si rafforzano in Grecia – 2015 Peccati a lezione

Shutterstock

L’estremo risveglio in Europa, scosso dalla crisi energetica e dalle conseguenze della guerra di Putin, ha dato il tono a questa estate. Il trio Melon i – Salvini – Berlusconi in Italia e Le Pen e Melanchon in Francia lanciano un chiaro messaggio che il populismo si sta rafforzando come forza politica in Europa.

E la Grecia? La cupa prospettiva dell’inverno non ha posto le basi per uno tsunami anti-sistemico? Le tendenze anti-sistemiche stanno scivolando sotto il radar dei sondaggi?

La Grecia sembra essere un caso diverso. Aveva intrapreso un’avventura populista, fidandosi delle sirene, ma poi è arrivata la grande confutazione. E questo è un ostacolo all’emergere di questo fenomeno, come dimostra l’assenza di un simile andamento dei sondaggi.

“L’esperienza traumatica di cercare un salvatore con una soluzione facile e conveniente è molto fresca nella nostra storia politica recente. Il disegno di legge è pesante, crea una diga antipopulista nella società e per ora frena lo sviluppo di forze antisistemiche, nonostante il favorevole contesto internazionale”, come ha riflettuto sul tema anche l’amministratore delegato di Marc, Thomas Gerakis .

L’interpretazione è che gli anticorpi creati dal disastro del 2015 abbiano temporaneamente fatto la differenza tra la Grecia e le altre democrazie dell’Europa occidentale. Il fatto che in Francia, Italia e altrove non abbiano subito chiusure di banche, referendum e memorandum, li rende più inclini a cercare un’espressione politica che prometta soluzioni magiche e altamente populiste.

In Italia, il capo dei “Fratelli Italiani”, Giorgia Meloni, esprimendo tendenze di estrema destra, antieuropee e puramente nazionaliste, ha cercato di capitalizzare l’impasse e i problemi dell’Europa, insieme a Salvini e Berlusconi, accarezzando l’orecchio per italiani arrabbiati.

Il vero pericolo delle elezioni del 25 settembre è che vinca una coalizione più conservatrice di destra e di destra, offrendo una soluzione che non esiste e minando i già deboli sforzi dell’Europa contro il ricatto di Putin.

Tuttavia, i primi sondaggi dopo le dimissioni di Draghi mostrano un “derby” tra l’estrema destra (23,7% “Fratelli italiani”) e il centrosinistra (22,7% il partito di Leta). Quanto al movimento “Cinque Stelle”, responsabile del crollo del governo Draghi, per non aver espresso la fiducia, è sceso all’11,9% e “Forza Italia” di Berlusconi, 85 anni, al 7,6%.

In Francia sono stati anche Le Pen e Mélenchon – solitamente forze pro-Putin, come in Italia – ad adulare gli elettori con proposte prive di contenuto e sostanza, ma con una forte influenza personale come populisti. I timori di una paralisi politica diventano ancora più evidenti poiché Macron è destinato a spingere il suo programma di riforme, come l’innalzamento della soglia di pensionamento.

Nulla è certo se non che il governo dovrà lottare e continuare, con il più grande che arriverà al bilancio il prossimo autunno. In sostanza, dopo l’impossibilità di formare un sodalizio, il presidente francese si è pronunciato senza la maggioranza assoluta e ha proceduto per gradi, trovando caso per caso un’alleanza che gli sarebbe stata conveniente per far passare un disegno di legge che gli piacesse .

Nessuno dei paesi di cui sopra ha avuto un “salvatore” che ha preso il controllo negli ultimi anni. I greci, invece, vivevano con loro, disillusi da loro, motivo per cui i greci erano così diffidenti nei loro confronti. Per questo SYRIZA resta bloccata nel sondaggio (23,9% Marc, 26% Pulse). Perché questo è successo; Perché nel 2015 perseguita ancora gli istinti dei nostri cittadini e del nostro sistema politico. “Questa avventura è ancora molto fresca nella nostra memoria collettiva, mentre lo stesso vale per l’estrema destra”, ha aggiunto la testa di Marc.

In quest’area, qualsiasi tendenza al rialzo osservata (Soluzione Greca, Grecia per la Patria, ecc.), non ha una grande influenza sulle relazioni politiche, pur essendo un fattore limitante per lo sviluppo della prossima formazione forte – cosa che non si applica nel resto d’Europa. paese – è un fatto che il più forte potere politico di destra che è passato al parlamento greco nell’ultimo decennio ha caratteristiche naziste. In un momento in cui in Europa sorgeva il pericolo di un ritorno all’estrema destra, i membri della Golden Dawn erano in carcere. Dopo l’esperienza di AXA e la sua condanna, lo sviluppo dinamico di una formazione politica simile è caduto in disgrazia.

Questo non vuol dire che in ogni occasione segmenti significativi della società, dall’antivaccinazione all’antioccidentale e al filo-putinista, non cerchino l’irrazionalità. Ma questa dinamica non si è riflessa nei sondaggi d’opinione. Sembra che molti dei nostri cittadini di cui sopra preferiscano che nei momenti difficili sia bene avere mano ferma alla guida del Paese.

La verità è, ovviamente, che, nonostante la grande tentazione populista, la scena politica greca non ha nuovi volti indistruttibili che possano realizzarla. Socialmente e politicamente sembra esserci spazio. Lo dimostra la presenza di “Nessuno” nei sondaggi di opinione, che spesso precede Alexis Tsipras in molte domande su chi può gestire al meglio gli affari del Paese.

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.