I ghiacciai si sciolgono nelle Alpi e cambiano il confine tra Italia e Svizzera! [videos]

Un rifugio italiano che nessuno sa più se sia sul territorio italiano o svizzero… Screenshot via YouTube



Lo scioglimento dei ghiacciai nelle Alpi ha spostato i confini tra la Svizzera e l’Italia, mettendo in dubbio l’ubicazione dei rifugi alpini italiani, riporta il quotidiano britannico Sicurezza.

La linea di confine corre lungo il divisorio di drenaggio, il punto in cui l’acqua di disgelo scorre da entrambi i lati della montagna in un paese o nell’altro.

Ma il ritiro del ghiacciaio del Theodul significa che il pescato si è insinuato verso il Rifugio del Cervino, un santuario per i visitatori vicino ai 3.480 m della Testa Grigia, e si sta gradualmente infiltrando e estendendosi sotto l’edificio.

  • In una recente visita al ristorante della locanda, Frederick, un turista di 59 anni, ha chiesto: “Allora, siamo in Svizzera?”

Questa è una domanda che vale la pena porsi. La risposta è stata oggetto di negoziati diplomatici iniziati nel 2018 e conclusi con un compromesso lo scorso anno, ma i dettagli rimangono riservati.

Quando il santuario fu costruito su uno sperone roccioso nel 1984, i suoi 40 lunghi letti e tavoli in legno erano tutti su suolo italiano.

Ma ora due terzi dei cottage, compresa la maggior parte dei letti e dei ristoranti, sono tecnicamente arroccati nel sud della Svizzera!

Il problema è sollevato perché l’area turistica si trova in cima a una delle stazioni sciistiche più grandi del mondo, con importanti nuovi sviluppi, tra cui una stazione della funivia in costruzione a pochi metri di distanza.

L’accordo è stato firmato a Firenze nel novembre 2021, ma i risultati saranno svelati solo dopo la ratifica da parte del governo svizzero, che non avverrà prima del 2023.

  • “Abbiamo deciso di condividere queste differenze”, ha affermato Alain Wicht, chief border officer presso il servizio di cartografia nazionale svizzero Swisstopo.

I suoi compiti includevano la protezione di 7.000 valichi di frontiera lungo i 1.935 km di confine della Svizzera con Austria, Francia, Germania, Italia e Liechtenstein.

Wicht ha partecipato ai negoziati, in cui entrambe le parti hanno fatto concessioni per trovare una soluzione. “Anche se nessuna delle due squadre vince, almeno nessuno perde”, ha detto.

Laddove il confine italo-svizzero attraversa il ghiacciaio alpino, il confine segue la linea di spartiacque.

Ma il ghiacciaio Theodul ha perso quasi un quarto della sua massa tra il 1973 e il 2010. Ciò ha esposto la roccia sottostante al ghiaccio, modificando la divisione di drenaggio e costringendo i due vicini a ridisegnare una sezione di 100 m del loro confine.

Wicht ha affermato che tali adeguamenti sono comuni e generalmente vengono risolti confrontando le letture degli ispettori dei paesi confinanti, senza coinvolgere i politici.

“Stiamo discutendo aree che non valgono molto”, ha detto. Ma ha aggiunto che questo era “l’unico luogo in cui improvvisamente viene coinvolto un edificio”, dando al terreno “valore economico”.

I suoi omologhi italiani hanno rifiutato di commentare “a causa della complicata situazione internazionale”.

Jean-Philippe Amstein, ex capo di Swisstopo, ha affermato che tali controversie venivano generalmente risolte scambiando appezzamenti di terreno di uguale dimensione e valore. In questo caso, “la Svizzera non è interessata ad acquisire un pezzo del ghiacciaio”, ha detto, e “gli italiani non sono in grado di compensare la perdita di superficie svizzera”.

Mentre i risultati rimangono riservati, al custode del rifugio, Lucio Trucco, 51 anni, è stato detto che rimarrà sul suolo italiano.

  • “Il rifugio resta italiano perché siamo sempre stati italiani”, ha detto. Il menu è italiano, il vino è italiano e la tassa è italiana…

Anni di trattative hanno ritardato la ristrutturazione del rifugio: i villaggi su entrambi i lati del confine non possono rilasciare permessi di costruzione. Pertanto, i lavori non saranno completati in tempo per la prevista apertura di una nuova funivia sul versante italiano del Piccolo Cervino entro la fine del 2023. Le piste sono accessibili solo dal comprensorio sciistico svizzero di Zermatt.

Mentre alcune località dell’altopiano si preparano alla fine dello sci alpino a causa del riscaldamento globale, lo sci è possibile per tutta l’estate sulle piste di Zermatt-Cervinia, anche se l’attività contribuisce al ritiro del ghiacciaio.

  • “Ecco perché dobbiamo riparare l’area qui, perché l’ultimo deve morire”, ha detto Trucco.

Per ora, sulla mappa di Swisstopo, la zona rosa piena del confine svizzero rimane una linea tratteggiata mentre attraversa il rifugio.

Con informazioni da Sicurezza

Apollo 11: la giacca indossata da Buzz Aldrin mentre cammina sulla Luna è all’asta [photos, videos]

Segui HELLAS JOURNAL su GOOGLE NEWS






Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.