I RATTI sono così COMUNI qui che ti ci abitui! NO cani e gatti randagi (FOTO)

Sul social network Redit, c’è stata di recente una discussione sulle esperienze delle persone che si sono trasferite all’estero dalla Serbia, in particolare, qual è stato il loro più grande shock culturale dove sono andate. Gli utenti di Redit hanno avuto una serie di esperienze personali positive in tutto il mondo, ma anche negative di cui non leggerete sicuramente nelle brochure di viaggio e come le persone che vivono all’estero fanno parte della vita di tutti i giorni.

Tra le osservazioni più curiose c’era la testimonianza di un utente Redita che, come ha affermato, vive nelle Marche centro Italia, tra Bari e Bologna, e che ha affermato qualcosa che nessuno si aspettava: “I topi sono così comuni lì che si ottengono già abituato!”

– I topi sono così comuni che ti ci abitui! Nei luoghi pubblici, lungo i canali, nei parchi. Vivo in un edificio in riva al mare, quindi diverse volte mi è venuto in mente che un topo attraversava il sentiero attraverso il parco. Il pensiero che ci sia un’invasione di animali che trasmettono la peggiore malattia per le strade dello stato, la capitale della moda, è terrificante! – ha affermato nella sua esperienza in Italia e ha spiegato:

– Ero davvero arrabbiato con il topo, una notte è caduto sul mio terrazzo (il terrazzo taglia la collina su cui poggia l’edificio) e stava cercando pazzamente di entrare nell’appartamento attraverso la porta a vetri mentre ci dormiva un gatto. Per non parlare del fatto che non dormo più con la terrazza sulla statua.

Tuttavia, nonostante questi inconvenienti, a vantaggio di vivere in quella parte d’Italia, fa notare che “l’occasione di passeggiare in riva al mare ogni mattina vale la pena”.

foto: Profimedia

La cosa successiva che ha catturato l’attenzione di questo utente di Redita è stata che “nessuno conosce l’inglese. L’inferno per la comunicazione, anche nelle banche e nelle università”, così come “non funziona niente la domenica”.

Sorprendente, ma questa volta in senso positivo, per lui il funzionamento del trasporto pubblico cittadino è perché, come dice lui, “Premi un pulsante sull’autobus quando vuoi che l’autista si fermi, non si ferma sul suo possedere.” Allo stesso tempo, ha aggiunto, “il treno è divino, ricevo ancora le mail degli allenamenti, hanno sempre degli sconti, ad esempio quando c’è un concerto, quindi i biglietti per la città sono in vendita”.

Infine, questo utente di Redita, secondo lui, ha segnato la più grande differenza culturale nella vita di tutti i giorni in Serbia e in Italia.

– Il riciclaggio, un grande shock culturale per me, mi ci è voluto davvero un po’ per abituarmi. Inoltre, il contenitore è chiuso a chiave perché la multa è ingente se non viene riciclato correttamente in modo che le persone all’esterno dell’edificio non lo danneggino: il coperchio.

Un altro utente Redit arrivato in Italia dal Banato ha confermato “l’ignoranza dell’inglese e della geografia” tra gli italiani, aggiungendo di essere rimasto sorpreso dalle “vie a senso unico molto strette”, “il numero di edifici antichi/storici e quanto sono fiero di” , “merenda”…

– Italiani rumorosi anche per gli standard balcanici. Interrompono e interrompono nel mezzo di una conversazione, quindi devono essere fastidiosi e aggressivi o non sentiranno la tua posizione – ha scritto Banatian, ma non ha specificato di quale parte d’Italia stesse parlando.

Alla discussione si è unito anche un serbo residente a Milano, deliziato dalla bellezza e dallo stile di abbigliamento di donne e uomini nella capitale della moda. Ha anche affermato che gli italiani “conoscevano l’inglese così come noi conosciamo il bulgaro”, ma si è anche lamentato delle condizioni meteorologiche, ovvero delle onde di pioggia che possono durare 10 giorni senza pioggia.

– Non si può mangiare dalle due alle cinque, tutti pranzano verso le 12, l’una e poi chiudono il ristorante. Accidenti quando la paragoni a Belgrado dove si mangia 00-24 – ha scritto questo serbo di Milano e ha aggiunto che “è raro fare qualcosa la domenica, tipo dopo le 22”, e che “i sigari si possono comprare ai distributori automatici, ma solo con carta d’identità o impronta digitale”.

– Riciclaggio – ogni martedì vengono portati contenitori di vetro, grazie al cielo, i camion vengono a prenderli alle cinque del mattino, mettono secchi di vetro pieni nel camion così delicatamente che devi svegliarti ogni martedì per impostazione predefinita – dice questo utente di Redita e ha notato che gli automobilisti in Italia peggio che a Belgrado “i pedoni non si fermano, parcheggiano dove possono, guidano a tutta velocità da semaforo a semaforo”.

Tuttavia, la cosa principale che lo ha sorpreso di più, come ha detto, è stata che non c’erano cani e gatti randagi per le strade.

– Cani, gatti randagi non ci sono. Ero interessato a come hanno risolto il problema, sono rimasto sbalordito. C’è una legge a livello dell’UE (non credetemi sulla parola), che dice che se un animale da santuario non viene adottato entro un certo periodo di tempo, lo farà addormentare. Preferirei anche vedere un cane per strada piuttosto che vedere una “città pulita”. Non è consentito tenere il cane/gatto del proprietario di un animale domestico a meno che non venga chiesto il permesso – chiudi il racconto della sua esperienza in Italia.

Kurir.rs/ Mina Petrović


Corriere

Corrado Bellini

"Amichevole appassionato di Internet. Creatore. Appassionato di zombie impenitente. Imprenditore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.