“Il caro governo, il signor Melnyk, sta diventando insopportabile”

Davano l’impressione che alla fine si trattasse della prosperità tedesca.

Sono queste accuse che nego con forza. Poi hanno detto che facevo parte di un gruppo di persone agiate che davano consigli comodamente dal proprio divano perché avevano paura di perdere il loro culo caldo. Non ha senso. Si tratta di una posizione chiara sulla de-escalation, una posizione chiara che fondamentalmente dà loro lo spazio negoziale di cui hanno bisogno, e che non è successo adeguatamente in passato. Anche il primo ministro italiano è stato sospeso quando ha chiesto ulteriori negoziati durante la visita di Biden negli Stati Uniti.

Presumibilmente solo loro stessi sanno esattamente come sono andati i colloqui tra Mario Draghi e Joe Biden, ma forse questa impressione è data anche perché non è sempre saggio pretendere negoziati di pace dall’esterno se la controparte può interpretarlo come una debolezza.

Conosco anche questa catena di argomenti. Se vuoi negoziare, gioca a Putin. Rifiuto questo tipo di pensiero. Quindi, a pensarci bene, una totale privazione di ogni dibattito democratico.

Ranga Yogeshwar: Qui come ospite al primo “Anne Will”, ma i moderatori si lamentano della selezione degli ospiti nei servizi pubblici. (Fonte: IMAGO / Jürgen Heinrich)

Il dibattito democratico richiede due partiti democratici. Non ci sono dubbi su questo con Putin. Ecco perché dovrebbe essere trattato in modo diverso, giusto?

Attento. Sappiamo che il signor Putin non sta bene. Siamo così convinti di essere democratici che chiedo: cosa accadrebbe se qualcuno come Trump tornasse al potere negli Stati Uniti o forse peggio? A questo proposito, penso che sia importante che noi europei abbiamo una posizione indipendente, formuliamo obiettivi chiari e facciamo esattamente ciò che noi europei possiamo fare lì, ovvero negoziare o almeno gestire intensamente la situazione negoziale.

Il problema è che Putin ha parlato molte volte. E ha mentito pochi giorni prima dello scoppio della guerra. Capiva anche il linguaggio del compromesso diplomatico?

Mi affido al potere di una rete di interessi e voglio che altri paesi possano esercitare pressioni attraverso canali forse completamente diversi: questa è l’arte della negoziazione.

Non dovresti essere un sostenitore del Cancelliere Olaf Scholz, che sta adottando un approccio equilibrato e moderato in questa crisi? Ha aperto il canale della conversazione e ha dovuto accettare le critiche per non aver inviato armi su larga scala.

Dev’essere stato difficile: nessuno sapeva dove voleva andare. La comunicazione è il problema. Non voglio suggerire che potrebbe non fare la cosa giusta, ma come cancelliere devi dire alla gente per cosa lavori. Dove sono d’accordo con te: abbiamo sperimentato rapporti unilaterali quasi senza precedenti in Germania. Pistole, pistole, pistole, sempre la stessa richiesta. Il requisito di una comunicazione equa ed equilibrata è escluso anche nelle trasmissioni di servizio pubblico e devo onestamente dire che è improbabile che ciò accada.

Ma sei invitato a una trasmissione pubblica.

La leggera differenza è che mi siedo da solo da una parte e quattro o cinque con opinioni opposte dall’altra. Questa è una distorsione dei media che colgo come un’opportunità per non accettare più inviti a tali eventi fino a quando questo non cambierà.

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.