Il combattente per la libertà Heinrich Oberleiter torna a casa – Südtirol News

Cadipietra in Valle Aurina – Il 29 luglio 2022 il Battaglione di fucilieri della Valle Aurina ha celebrato il giusto ritorno del combattente per la libertà Heinrich Oberleiter con molti rappresentanti da tutto il Tirolo. Allo stesso tempo, l’Associazione Alto Adige Fucilieri ha rinnovato la richiesta che i combattenti per la libertà degli anni ’60 abbiano finalmente il loro giusto posto nella storia dell’Alto Adige.

© Associazione Alto Adige Fucilieri / Richard Andergassen

“Con tatuaggi regali austriaci e un’occasione di festa con i saluti e i ringraziamenti del comandante di battaglione Wolfgang Kofler, del comandante di stato Roland Seppi e del capitano della compagnia di fucilieri della Steinhaus, Benjamin Rauchenbichler, i tiratori e la comunità della Steinhaus accolgono il loro figlio “perduto” Heinrich Oberleiter, che morto dopo 60 anni di esilio ha permesso di tornare nella sua terra ancestrale. In questo contesto viene presentata l’autobiografia di Heinrich Oberleiter, “C’è sempre una via”. Nel 2018 i figli di Heinrich Oberleiter hanno chiesto la grazia, che il Presidente della Repubblica italiana ha concesso in dicembre 2021″, ha affermato nella sua trasmissione la Federazione Tiro a segno dell’Alto Adige.

© Associazione Alto Adige Fucilieri / Richard Andergassen

“All’età di 20 anni Heinrich Oberleiter decise di prendere parte alla lotta per la libertà altoatesina per porre fine alla politica di italianizzazione radicale in Alto Adige. Insieme a Sepp Forer, Heinrich Oberlechner e Siegfried Steger, Heinrich Oberleiter ha effettuato vari attacchi ai pali della potenza. “Puschtra Buibm” è stato accusato ingiustamente di aver ucciso un funzionario dei Carabinieri. Heinrich Oberleiter riuscì a fuggire oltre confine dopo essere stato arrestato nel 1968 e condannato a due ergastoli in contumacia. Da allora, Oberleiter ha vissuto in esilio nella Bassa Franconia”, ha affermato l’Associazione fucilieri altoatesina.

© Associazione Alto Adige Fucilieri / Richard Andergassen

“Con un evento celebrativo, l’Associazione Alto Adige Fucilieri sottolinea l’importanza della lotta per la libertà dell’Alto Adige oggi per l’Alto Adige. L’Italia è sul punto di permettere ai sudtirolesi di entrare a far parte della popolazione del Paese. È stato solo attraverso attacchi mirati che l’Italia è stata costretta a negoziare e garantire i diritti fondamentali delle minoranze. È tempo di apprezzare l’importanza della lotta per la libertà dell’Alto Adige nella storia dell’Alto Adige. È con rammarico che si deve affermare che questo capitolo della storia altoatesina è stato volutamente omesso oggi”, ha proseguito l’Associazione tirocinante altoatesina.

© Associazione Alto Adige Fucilieri / Richard Andergassen

“Non un atto di generosità da parte dell’Italia, come lo chiamano i politici altoatesini, ma un atto di giustizia storica e un incoraggiamento a lavorare attraverso il vero background, che nel caso di “Puschtra Buibm” rimane ancora nascosto nell’italiano archivi. Allo stesso tempo, Il ritorno di Heinrich Oberleiter è anche una spinta alla politica dello Stato altoatesino, per dare ai combattenti per la libertà degli anni ’60 il posto d’onore che meritano. Senza il loro impegno per la libertà e la vita, vorremmo essere una provincia ordinaria in Italia oggi”, ha detto il maggiore Roland Seppi, comandante regionale dell’Associazione Alto Adige Fucilieri.

Da: ka

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.