Il deficit della Francia è superiore a quello dell’Italia, ma non dovrebbe rischiare la PDE. Perché? – Europa

“La situazione è completamente diversa. La frase appartiene a Pierre Moscovici, commissario europeo per gli Affari economici, che ha subito tracciato un confine tra la situazione di bilancio di Francia e Italia. Ma qual è questa differenza? I due paesi hanno punti di partenza diversi, ma crescono i dubbi sul diverso trattamento. Soprattutto da quando Jean Claude Juncker lo ha detto nel 2016: La Commissione ha fatto concessioni al deficit francese “perché è la Francia”.

L’annuncio di Emmanuel Macron di nuove misure che costano 10 miliardi di euro, riducendo il deficit dal 2,8% al 3,4%, arriva in un momento in cui la Commissione europea è ai ferri corti con l’Italia. Il conflitto ha raggiunto un punto in cui Bruxelles raccomanda l’apertura di procedure per i disavanzi eccessivi, un processo che potrebbe portare a sanzioni. Il governo italiano ha rifiutato di cedere a Bruxelles, nonostante abbia recentemente aperto le porte a un obiettivo di disavanzo rivisto se non significa rimuovere le misure iconiche dal bilancio del prossimo anno.

In Europa, il peggioramento del deficit francese è stato interpretato come un “regalo” ai populisti italiani rafforzando la loro argomentazione contro il dominio europeo imposto in Italia. Ne ha parlato il vicepremier italiano Di Maio, citato dal Financial Times, dicendo che “se le regole valgono per tutti”, la Francia dovrebbe essere bersaglio delle stesse minacce. Matteo Salvini, vicepremier italiano anche lui, ha provocato Parigi dicendo, secondo Politico, che avrebbe fatto “tutto il possibile” per rilanciare l’asse Roma-Berlino ora che la Francia era “nei guai”.
Qual è la differenza?
“Il confronto con l’Italia è allettante, ma non è vero perché la situazione è completamente diversa”, ha assicurato Moscovici in un’intervista al quotidiano francese Le Parisien. pubblicato questo mercoledì12 dicembre Il commissario europeo ha confermato questa discrepanza con il livello del debito pubblico: la Francia ha un debito pubblico del 99% del PIL, mentre il debito dell’Italia supera il 130% – il secondo più alto dell’Unione europea -, la Commissione dovrebbe quindi pretendere maggiori sforzi per il risanamento del bilancio per l’Italia.

Bruxelles prevede di tenere conto della dichiarazione del governo francese secondo cui la riduzione del disavanzo nel 2019 – dopo che la Francia è uscita dalla procedura per i disavanzi eccessivi (EDP) nel 2017 – è una situazione “temporanea” e “straordinaria”. A differenza del governo italiano, il governo francese è impegnato a ridurre sensibilmente il deficit nei prossimi anni (1,4% nel 2020). Moscovici ha addirittura tracciato una linea rossa: Macron non ha potuto infrangere la regola del 3% né superare il 3,5% per due anni consecutivi.

Il commissario europeo ha sottolineato che se la Francia fosse autorizzata a superare il 3% del disavanzo, non si tratterebbe di “indulgenza”. “Questa è la nostra regola, ecco tutto”, ha detto. Per Moscovici non c’è un doppio standard nella valutazione degli obiettivi di bilancio di Roma e Parigi, perché “la Commissione europea monitora da anni il debito dell’Italia e questo non è mai successo alla Francia”. Deve essere con il pretesto dell’alto debito pubblico che la PDE può essere aperta all’Italia.

Inoltre, il deficit della Francia il prossimo anno ha una misura una tantum di 0,9 punti percentuali che, secondo la stampa francese, Bruxelles accetterà, poiché l’effetto sarà molto dannoso nel 2019, ma poi dovrebbe diminuire. Senza questo effetto temporaneo, il deficit sarebbe del 2,5%. Ricordiamo che il deficit del Portogallo calcolato da Eurostat era del 3% lo scorso anno a causa della ricapitalizzazione di Caixa Geral de Depósitos, descritta come un’azione una tantum, che non ha creato problemi a Bruxelles.

Per quanto riguarda l’Italia, la posizione delle istituzioni europee è stata rigida, ma aperta al dialogo. In una conferenza sul futuro dell’Europa tenutasi a Francoforte, Moscovici ha rivelato di essersi recato ancora oggi a Bruxelles per incontrare il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte in un altro tentativo di trovare una soluzione che tenesse conto dello stallo causato dal rifiuto delle proposte di bilancio da parte della Commissione Ue Espansione romana. Secondo Reuters Conte presenterà nuovi obiettivi di budget, anche se questo crea problemi alla coalizione di governo.

Tuttavia, Moscovici ha insistito sull’importanza di seguire le regole, sostenendo che rispettare le stesse “non significa parsimonia”. Il commissario ha osservato che Bruxelles è rimasta “flessibile” nel dialogo con Roma e ha ricordato di aver accettato che il bilancio 2019 dell’Italia prevede un aumento della spesa di 30 miliardi di euro, ovvero circa l’1,5% del PIL – “Non è un taglio”, ha disse. esci.



I numeri mostrano questa differenza?
I dati economici dei due paesi mostrano due realtà diverse in termini di finanze pubbliche. In primis il debito pubblico: nonostante sia aumentato notevolmente durante la crisi, il debito pubblico francese – il quinto nell’Unione Europea – è ancora lontano dal livello italiano. Mentre la Francia ha raggiunto la crisi del 2008 con il 70% di debito, l’Italia ha più del 100% di debito almeno dal 2000, secondo i dati Eurostat. Diversa è la storia del deficit di bilancio. Per ora, l’Italia può vantare un record migliore. Dal 2007 l’Italia registra regolarmente un disavanzo inferiore alla Francia. Nell’anno peggiore di crisi per entrambi i Paesi – il 2009 – il deficit della Francia si è attestato al 7,2%, mentre quello dell’Italia al 5,2%. Solo nel 2017 il governo francese è riuscito a far uscire il suo Paese dalla procedura per i disavanzi eccessivi, con un disavanzo del 2,7% del PIL. L’Italia ha avuto un disavanzo del 3% o meno dal 2012.

Ma perché l’Italia, che da anni ha un deficit più basso, ha un debito pubblico più alto? La giustificazione sta nella crescita economica, la scusa data dall’attuale governo italiano per aumentare la spesa pubblica. Come mostra il grafico, la Francia ha avuto un tasso di crescita del PIL più elevato dell’Italia almeno dal 1996. Pertanto, la crescita economica francese ha (parzialmente) compensato gli effetti di un crescente disavanzo. In altre parole, nonostante il disavanzo francese sia aumentato più di quello italiano, anche il PIL francese è aumentato più di quello italiano, il che ha permesso di fermare l’evoluzione del rapporto debito/PIL. Inoltre, come già accennato, il punto di partenza è molto diverso: nel 2000 il debito pubblico francese era il 60% del PIL, mentre quello italiano era già al 109%.

Salvini prova ad approfittarne e chiede mandato per affrontare Bruxelles
Con l’annuncio di Macron e l’apparente approvazione di Bruxelles, il governo populista controllato dai vicepremier Matteo Salvini (Lega) e Di Maio (5 Stelle) vede una nuova apertura all’attacco all’Unione Europea e alla retorica internamente euroscettica. Di Maio è venuto ieri a chiedere alla Commissione di seguire l’esempio di quanto fatto con la Roma e anche a proporre l’apertura di una procedura per i disavanzi eccessivi nei confronti della Francia.

Questo mercoledì, è stato il turno di Salvini di accendere la batteria a Bruxelles, criticando la “decima” e la “potente” burocrazia, in chiara allusione a quelle che percepisce come differenze di trattamento tra due delle tre maggiori economie mondiali. zona euro. .

In alto nei sondaggi di opinione, il leader della Lega ha riaffermato la sua alleanza con il sistema anti-5 stelle e si è rifiutato di indire elezioni anticipate per cogliere il momento giusto nelle intenzioni di voto. Salvini, però, ha colto l’occasione per chiedere all’Italia un “mandato per negoziare con l’Ue senza compromessi”, aprendo la possibilità di un voto anticipato se il confronto con Bruxelles dovesse finire con una sconfitta per l’attuale esecutivo.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.