Il G7 vuole vietare “gradualmente” il petrolio russo

Abbastanza simboli. Questo è l’anniversario della resa dei nazisti da parte dell’Occidente, l’8 maggio 1945, di cui i leader del G7 (Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Italia, Canada, Giappone e Germania) hanno scelto di discutere in teleconferenza. risposta all’invasione russa dell’Ucraina.

La riunione del G7, la terza dall’inizio dell’anno, ha invitato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

“L’intero G7 oggi si è impegnato a vietare o eliminare le importazioni di petrolio russo”, ha affermato domenica la Casa Bianca in una dichiarazione, senza approfondire gli impegni di ciascuna parte. E per una buona ragione: l’Unione europea non ha ancora raggiunto un accordo su questo tema.

Nuove sanzioni statunitensi

Gli Stati Uniti hanno anche annunciato nuove sanzioni, privando le società russe dell’accesso ai servizi di consulenza e contabilità offerti dalle società americane e inserendo nella lista nera tre canali televisivi russi Pervy Kanal, Rossiïa-1 e NTV. , nella sua lista nera. “Nessuna compagnia americana dovrebbe partecipare al finanziamento della propaganda russa”, ha detto un alto funzionario della Casa Bianca, che ha chiesto l’anonimato.

Questo lunedì Vladimir Poutine dovrà pronunciare, dopo la tradizionale parata militare sulla Piazza Rossa a Mosca, un discorso che probabilmente farà parallelismi tra i nazisti e il modo ucraino, anche occidentale. Ha anche dato il tono alla domenica, annunciando che “come nel 1945, la vittoria sarà nostra” per “la liberazione della nostra patria dalla sporcizia dei nazisti”. Si attende una decisione storica del Cremlino, anche se nei giorni scorsi si sono sgonfiate le voci di una mobilitazione generale.

Mosca accusa Washington

In un’altra escalation verbale da Mosca, un leader del partito al potere Russia Unita ha annunciato venerdì per la prima volta che Kherson, l’unica grande città che l’esercito russo ha catturato finora, è ora parte del territorio russo “per sempre”. Dmitry Peskov, portavoce del presidente russo, ha previsto poco dopo che la Polonia potrebbe “rappresentare una minaccia”, mentre il portavoce del Parlamento, Vyacheslav Volodin, sabato ha accusato Washington di “coordinare e sviluppare operazioni militari, partecipando così direttamente all’azione militare contro il nostro paese”.

È la prima volta che un leader russo a questo livello accusa gli Stati Uniti di avvicinarsi alla guerra. La Casa Bianca presume, come i suoi partner della NATO, di consegnare armi pesanti all’Ucraina e di addestrare soldati ucraini sul suolo americano o tedesco. Ma nega qualsiasi coinvolgimento più significativo, e in particolare ha fornito a kyiv l’ubicazione del generale russo ucciso nelle ultime settimane da un drone ucraino.

Gli aiuti militari americani, del valore di 3,5 miliardi di dollari dall’inizio dell’invasione russa il 24 febbraio, dovrebbero tradursi in una nuova tranche da 150 milioni di dollari, annunciata venerdì dal presidente Joe Biden, e che includerà artiglieria e munizioni radar. La Casa Bianca stima che i fondi stanziati per le armi a Kiev siano ormai “quasi esauriti”. Pertanto, sarà urgente una proroga.

Visita a sorpresa di Justin Trudeau, Jill Biden e Bono in Ucraina

La First Lady degli Stati Uniti Jill Biden, in visita in Slovacchia, domenica ha visitato una scuola nell’Ucraina occidentale con la sua compagna, Olena Zelenska, la cui prima apparizione pubblica dal 24 febbraio. “Penso sia importante mostrare all’Ucraina che questa guerra deve finire, che è brutale e che il popolo americano sostiene il popolo ucraino”, ha detto Jill Biden, secondo un giornalista di accompagnamento del Washington Post.

Il primo ministro canadese Justin Trudeau si è recato a Irpin, alla periferia di Kiev, una città devastata dall’occupazione a marzo da parte della Russia. Dan Bono, cantante della band irlandese U2, ha tenuto un “concerto per la libertà” di 40 minuti nella metropolitana di Kiev.

Attacco e contrattacco

Militarmente, le truppe russe continuarono ad avanzare lentamente intorno alle città di Lyman, Popasnyansky, Severodonetsk e Avdiivka nella regione orientale del Donbass. Mosca afferma di aver distrutto “una grande quantità di armi e attrezzature militari inviate in Ucraina dagli Stati Uniti e da altri paesi occidentali” a Krasnograd e Karlovka. Il bombardamento di una scuola farà, sabato, una sessantina di vittime, secondo kyiv.

D’altra parte, a Kharkiv, secondo il sito web di riferimento dell’Istituto per lo studio della guerra (ISW), si è sviluppata una controffensiva ucraina per mettere la seconda città dell’Ucraina fuori dalla portata dell’artiglieria nemica. Quest’ultimo, che si aspetta che le forze ucraine respingano le loro controparti russe al confine vicino a Belgorod nei prossimi giorni, ha osservato che l’esercito ucraino “ha dimostrato la capacità di lanciare operazioni offensive su scala più ampia rispetto ad ora”.

kyiv ha anche affermato di aver distrutto a cento chilometri da Odessa, vicino alla piccola isola di Snakes, due mezzi da sbarco russi Serna da un attacco di droni. Il destino della fregata russa Admiral Makarov, che Kiev ha affermato giovedì essere stata distrutta da un attacco missilistico, è rimasta sconosciuta domenica.

Gli ucraini hanno ancora tenuto sotto assedio per due mesi il sito siderurgico Azovstal, nello strategico porto di Mariupol, per due mesi. kyiv ha annunciato sabato in ritardo che tutte le donne, i bambini e gli anziani che si erano rifugiati nell’acciaieria sotterranea, progettata come santuario antiatomico durante l’era sovietica, erano state evacuate sotto gli auspici delle Nazioni Unite e dell’Internazionale Comitato della Croce Rossa. . Mosca, invece, resistette all’esfiltrazione di 1.600 soldati del reggimento Azov, che temevano l’esecuzione se fossero diventati prigionieri.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.