Il gol più famoso per la Spagna è stato segnato da un insegnante di Trnava. Lo chiamano Vasil

La squadra di calcio spagnola all’epoca governava il mondo, il Real Madrid vinse i primi cinque anni della nuova Coppa dei Campioni (1956-1960), il Barcellona perse nella finale del Benfice Lisbona nel 1961, l’Atlético Madrid vinse la Coppa delle Coppe nel 1962, e Valencia ha vinto l’Exhibition Trade.

Ecco perché gli spagnoli sono partiti per la Coppa del Mondo in Cile e volevano con sicurezza vincere il titolo. Sono passati esattamente 60 anni da quando la squadra cecoslovacca ha battuto la Spagna 1-0 in apertura di un torneo così famoso. L’unico gol a Viña del Mar è stato segnato dall’insegnante di Trnava Jozef tibrányi, soprannominato Vasil.

Sette giocatori del Barcellona

La Spagna era governata dalla rigida dittatura del generale Francis Frank, che la isolò da tutti gli stimoli inappropriati provenienti dall’estero dopo la guerra civile. Tuttavia, il periodo di isolamento più difficile (1945-1953) è stato evitato e la Spagna si è aperta al mondo, senza dubbio sul campo di calcio. Nessun altro sport può promuovere un regime tanto quanto il calcio. I successi a livello di club si sono accumulati, ora tocca alla nazionale.

È guidato dal mago argentino Helenio Herrera ed è libero di fare la sua scelta. Potrebbe anche convocare i giocatori del Barcellona, ​​perché non è un segreto che Franco odia i catalani per il loro atteggiamento patriottico e le continue tendenze separatiste.

Sono sette i giocatori del Barcellona nella selezione: il portiere Sadurni, il difensore Segarra (anche il capitano), Rodri e Gracia, il centrocampista Garay, gli attaccanti Martínez e Vergés. Ci sono anche baschi e galiziani, le questioni nazionali sono state soppresse dopo così tanti anni. L’allenatore Herrera può contare anche sui legionari, staff decorato dal famoso Luis Suárez, detentore del Pallone d’Oro per il miglior calciatore d’Europa nel 1960, che ha lavorato all’Inter in Italia.

Stranieri naturalizzati

Tuttavia, la professione del miglior calciatore di origine spagnola non garantisce il successo. Lo staff è rafforzato anche dagli stranieri che acquisiscono la cittadinanza in Spagna e possono, secondo le regole del tempo, rappresentare anche la loro nuova patria – questa possibilità è caduta al Congresso FIFA nel giugno 1962 a Santiago del Cile.

La cattura più grande è senza dubbio la punta di freccia bionda di Alfredo di Stéfano, i Palloni d’Oro del 1957 e del 1959, che provengono da Buenos Aires. Dopo essersi iscritto alle nazionali di Argentina e Colombia, decorerà anche la squadra spagnola.

Un’altra grande figura del Real Madrid è stato Ferenc Puskás “il principale soffocante”, la più grande star della leggendaria squadra ungherese, vice campione del mondo nel 1954. Dopo che l’esercito sovietico ha represso gli sforzi per porre fine al terrore comunista nel 1956, come molti altri calciatori ungheresi (Czibor, Kocsis, Hidegkuti) si recò all’estero, dove si stabilì e acquisì una nuova cittadinanza.

Il centro della difesa è stato sigillato dallo stuntman ben costruito José Santamaria, nato in Uruguay e ha perso l’oro ai Mondiali del 1950 in Brasile solo perché il suo club Nacional Montevideo non lo ha rilasciato. Partì per l’Europa e iniziò a rappresentare la Spagna nel 1957.

L’umile Cecoslovacchia, a cui i tifosi consigliano di non disfare le valigie prima di lasciare il mare, non dovrebbe essere il minimo ostacolo per questa squadra stellare.

Di Stéfano in tribuna

Ma l’ultimo giorno di maggio all’Estadio Sausalito, nella località balneare di Viña del Mar, sulla costa del Pacifico, le cose sono andate molto diversamente da come aveva programmato l’allenatore Herrera.

Era una pioggia leggera, mi stava perfettamente bene, come il fango. La palla è caduta davanti a noi e ci è saltata sopra. A quel punto, mi sono girato e ho iniziato. Quando hanno risposto, ero a un metro e mezzo di distanza. Non avevano alcuna possibilità, ero veloce.

Jozef Tibrány

Di Stéfano non era pronto per il via per problemi di salute, si è limitato a guardare la partita sugli spalti. Prima grande perdita. Il 35enne Puskás ha avuto i suoi anni migliori, la sua mano sinistra è ancora buona, ma prima deve usarla.

E, soprattutto, la squadra cecoslovacca era ben preparata per un famoso avversario, un grande psicologo e stratega, l’allenatore Rudolf Vytlačil, ha spiegato alle sue accuse che i nomi famosi non dovrebbero aver paura di essere bravi come sono. Il terzino destro di seconda lega Jan Lála (allora Slavia con il nome comunista Dynamo Prague giocava nella competizione inferiore) ha rimosso il più grande pericolo dall’ensemble spagnolo, l’ala Francisco Gent.

ripresa dal vivo

E poi è arrivato. A dieci minuti dalla fine cade un gol, ma finisce nei grandi favoriti. “Gli spagnoli hanno scavato un angolo e io mi trovavo in mezzo al cerchio”, ricorda lo scopo della sua vita. “Io ero l’unico rimasto solo, a guardare il nostro cancello. Accanto a Reij, dall’altra parte Santamaria. Non potevano lasciarmi solo, ma c’era anche Santamaria, sono rimasto sorpreso, era alto, che non lo faceva t girare l’angolo”, ha descritto la situazione iniziale. “Non so chi lo abbia preso a calci, ma all’improvviso c’è stato un contrattacco”, ha ricordato mentre la situazione andava avanti.

Molto promettente per la squadra cecoslovacca. “La pioggia era leggera, mi andava molto bene, era molto fangoso”, ha ricordato tibrányi. “La palla è caduta davanti a noi e ci è saltata sopra. In quel momento mi sono girato e sono partito. Prima che loro reagissero ero a cinque metri di distanza, loro non avevano possibilità, ero veloce”, ha sottolineato il suo vantaggio.

Programma della Società delle Nazioni

  • Si gioca domenica 12 giugno alle 20:45.
  • Stadio La Rosaleda (Málaga).

Va alla porta dell’avversario. “Stavo conducendo il pallone in uno sprint di 50 metri e dovevo calciarlo. Quando il portiere, un gigante di due metri, ha corso quasi sedici, gli ho tirato un calcio e lui pensava che avessi tirato, quindi è tornato sul dischetto ”, ricorda come si è comportato il portiere Carmelo Cedrún. “Poi quando ho tirato. È andato in porta abbastanza lentamente, stavo ancora correndo verso la porta e l’ho aggirato e poi Jelen (Josef Jelínek) è corso, l’ha calciato di nuovo in porta “, ha concluso il suo tiro.

Non è stata una coincidenza o una scoperta diretta. “Immagina che giochiamo allo Sparta prima di partire, abbiamo vinto 4:1 e ho segnato due gol dopo la fuga di notizie”, ha detto l’attaccante dello Spartak Trnava.

La squadra cecoslovacca ha poi vinto solo una medaglia d’argento, quando in finale ha difeso il campione in carica del Brasile 1:3.

Il volto della campagna di Meciar

È stato il gol più famoso della carriera di Tibrányi. Un anno dopo, si arruolò a Dukla Praga per il servizio militare di base a tempo pieno, ma non riuscì a farcela in una squadra forte e lasciò la squadra nazionale. Ha chiuso il suo conto in nove presenze e un gol – contro la Spagna nel campionato del 1962 in Cile.

Di professione insegnante, medaglia d’argento, dopo i cambiamenti sociali nel 1989, ha intrapreso una strada politica ed è diventato – per il famoso gol del Campionato Sudamericano – molto interessante – la campagna di Vladimir Meciar, che ha contribuito molto allo scioglimento della federazione . “Niente di cui essere orgogliosi”, si rese conto, la sua reputazione era stata abusata.

A ottantadue anni era ancora agile ed estremamente vitale. Non dimenticherà mai il gol di sessant’anni fa nella squadra di punta della Spagna, ha descritto con sgomento. Ma non era stanco.

Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.