Il monumento è in pericolo. Tra le perle dell’Ucraina c’è un edificio di architetti cechi

La capitale di Kiev, la Crimea occupata, è stata bombardata da Chernihiv e Kharkov, fortificando Odessa e Lviv, da cui erano fuggiti centinaia di migliaia di rifugiati. Ci sono monumenti ovunque e altrove in Ucraina che attraversano le linee di valore. Sono straordinari per età, ricca di storia, bellezza e originalità architettonica. Ecco perché si sono guadagnati una lista dell’UNESCO o stanno cercando di farlo. La maggior parte di loro si trova nella parte occidentale del paese, in Crimea ea Kiev. E puoi tracciare un significativo sentiero ceco tra di loro.

Kiev-Pechersk Lavra e Cattedrale di Santa. Sofia

Il Kiev-Pechersk Lavra come centro di apprendimento e centro di stampa ha contribuito allo sviluppo della letteratura russa.

Arrivare a Kiev e non vedere la Kiev-Pechersk Lavra è come visitare Parigi e perdere la Torre Eiffel. Questo monastero, così come S. Sophia – entrambe con una storia millenaria – divenne un punto di riferimento della città grazie alla danza barocca dorata. La Kiev-Pechersk Lavra, oggi sede della Chiesa ortodossa ucraina, è stata un importante centro culturale nel Medioevo. Cattedrale di Santa Sophia, oggi museo, ha 19 torri e prima della ricostruzione barocca ne aveva addirittura 30.

A Kiev, ci sono altri due candidati per la registrazione all’UNESCO: la Chiesa di S. Andrea e il convento con la Chiesa di Sant’Andrea. Cirillo.

Rovine dell’antica città di Chersonésos

Foto: Pixabay, Elenco notizie

Nelle rovine della città di Chersonésa sono conservate parti di un tempio greco e di un anfiteatro romano.

Grazie alla sua posizione strategica, la penisola di Crimea ha una storia colorata che risale ai tempi antichi. Gli antichi greci la chiamavano Taurica e come colonia fondarono la città di Chersonésos, i cui resti si possono vedere a Sebastopoli. Tra il V secolo aC e il XIV secolo dC fu un importante centro del Mar Nero settentrionale. Resistette all’assalto degli invasori, sopravvisse alla dominazione romana o janoviana, finché fu finalmente distrutto dalle forze dell’Impero dell’Orda d’Oro.

Complesso universitario a ernovice

Nel 1867, l’architetto Hlávka ricevette un premio all’Esposizione Universale di Parigi per il suo complesso ecclesiastico originale.

Josef Hlávka è stato un importante costruttore, architetto, politico e mecenate ceco del XIX secolo. La fondazione da lui fondata è ancora funzionante oggi, il suo nome porta il Ponte di Praga. A Praga progettò l’ospedale di maternità di Apolinář, a Vienna costruì un’opera. Tuttavia, la sua opera più importante è l’area residenziale originale dei metropoliti della Bucovina e della Dalmazia a Chernivtsi, in Ucraina, che ora è la sede dell’Università di Chernivtsi.

Centro di Leopoli e Cattedrale di Santa Giorgio

Cattedrale greco-cattolica di S. George è stato progettato dall’architetto tedesco Bernard Meretyn.

Fondata nel Medioevo, Leopoli, nell’Ucraina occidentale, è stata un centro importante per diversi secoli. La sua struttura medievale è stata ben conservata, arricchita da edifici di epoche successive. Oltre ai resti del castello di Vysoky, la cattedrale armena del XIV secolo, la chiesa medievale di S. Paraskeva o ex monastero bernardino con la chiesa di S. Andrea è degno di nota. Sulla collina a sud-ovest del centro, il complesso protetto è completato dal complesso barocco di S. Giorgio.

Chiesa di legno dei Carpazi

La Chiesa della Natività della Vergine Maria nel villaggio di Nizhny Verbiz in stile Hutsul, la facciata è stagnata.

La regione dei Carpazi al confine tra Ucraina e Polonia è decorata in molti luoghi con storiche chiese ortodosse in legno, chiamate chiese. Un totale di 16 di loro sono nell’elenco dell’UNESCO, la metà dei quali si trova in Ucraina. Le planimetrie e le torri corrispondono alla liturgia orientale, differiscono per regione e si suddividono in più tipologie. Tutto è in legno, il tetto e le pareti sono per lo più ricoperte di scandole. Alcuni hanno campanili o recinti separati con cancelli.

Castelli rupestri e città rupestri in Crimea

La città rupestre e il castello di Eski Kermen hanno una superficie di 1.000 × 200 metri e sono state conservate 400 stanze rupestri.

All’interno della Crimea ci sono tre castelli in pietra collegati da un complesso di grotte, che potrebbe risalire al V-VI secolo. Due, Mangup ed Eski Kermen, erano originariamente la sede degli Ostrogoti. Il terzo, Chufut-Kale, fu probabilmente opera della tribù Alan Sarmatian e in seguito divenne il centro dei Caraiti ebrei.

Tempio del Millennio a Chernihiv

La Chiesa della Trasfigurazione o Tempio del Salvatore si trova nella parte più antica di Chernihiv ed è famosa per la sua acustica.

Ci sono due templi ortodossi nel Parco Ditinsky nel centro di Chernihiv: la Cattedrale di Borisogleb e la Cattedrale della Trasfigurazione. Il parco è situato sul sito di un insediamento dal VII all’VIII secolo. La Cattedrale della Trasfigurazione in tre parti è una delle più antiche strutture in pietra sopravvissute in Ucraina – la costruzione iniziò nel 1030. La Cattedrale di Boris e Gleb ha una storia che risale all’inizio del XII secolo, il suo aspetto odierno è il risultato di diverse ricostruzioni, anche dopo il bombardamento del 1941.

Castello di Genova sulle rive del Mar Nero

Il muro di Sudak è alto sei metri, spesso due metri e lungo circa due chilometri.

Nell’alto medioevo, Genova, in Italia, si sviluppò in una nazione che controllava un certo numero di isole e aree costiere del Mediterraneo e del Mar Nero, grazie alle grandi flotte navali mercantili e alle crociate. Questi includono la penisola di Crimea, sulla sua costa, dopo i Janov, sono rimasti diversi castelli – un centro commerciale fortificato del XIII-XV secolo. secolo. Il più grande è il Forte Sudak, la maggior parte degli edifici sopravvissuti risalgono al periodo genovese, ma furono costruiti dai Bizantini tra il VI e il VII secolo.

Fortezza di Bilhorod-Dnistr e rovine di Tyras

Fort Bilhorod-Dnistr e i resti di Tyras si trovano sopra il lago Dniester Liman alla foce del mare di Dniester.

La città greca di Tyrás, colonia di Mileto, probabilmente sorgeva su un promontorio roccioso alla foce del fiume Dniester fino al Mar Nero dal 600 a.C. Nel I secolo dC fu devastata dai Daci e da allora diversi paesi hanno cambiato territorio. Tra le sue rovine, alcune delle quali ancora visibili, sorge il castello, che gli storici attribuiscono il più delle volte ai Janovan e databile al XIII o XIV secolo. Il forte che ha 34 torri fu in seguito governato da lituani, moldavi e turchi.

Castello e centro sopra la gola a Kamenec Podolský

Il castello di Kamenec Podolský mantiene l’accesso alla città tramite ponti su un costone roccioso e funge anche da prigione.

Kamenec Podolský, tra l’altro, la città partner di Kutná Hora, si trova nelle vicinanze del canyon del fiume Smotryč. Il centro storico è adagiato su un costone roccioso ovale, ricoperto da gole su tutti i lati. L’unico accesso alla roccia era un tempo lungo lo stretto crinale che separava i due meandri del fiume. Dove il crinale si apre sul crinale, c’è un castello costruito probabilmente dai lituani nel XIV secolo, che protegge l’accesso alla città. Ebbe anche una funzione difensiva sul confine dell’Unione polacco-lituana, che protesse dai cosacchi, dai turchi e dai tartari.

Palazzo Bakhchisarai del Khan di Crimea

Foto: Pixabay, Elenco notizie

Il palazzo di Bakhchisaray risale al XVI secolo, quando i Khan di Crimea trasferirono le loro sedi in città.

La Fontana Bakhchisaray di Pushkin si occupa della Fontana delle Lacrime in un palazzo del XVI secolo, che ospitava i khan di Crimea. Erano i governanti dello stato tartaro di Crimea, emerso dopo il crollo del suddetto impero dell’Orda d’oro ed esisteva nel 1441-1783. Uno dei palazzi musulmani più famosi d’Europa fu costruito da architetti ottomani, persiani e italiani.

Centro di Odessa con teatro dell’opera

Il monumento più famoso di Odessa, che è cresciuto sul sito di un ex forte turco, è il teatro dell’opera.

La regione di Odessa ha una lunga storia, ma la città stessa ha poco più di 200 anni. Dopo la vittoria nella guerra russo-turca, fu fondata nel 1794 dall’imperatrice Caterina II. Grande. La città multiculturale con un porto è attraente per la sua costruzione completa, per lo più del 19° secolo, in un mix di stili di ispirazione francese e italiana.

I monumenti più impressionanti includono la monumentale Scala Potemkin e il Teatro Nazionale dell’Opera e del Balletto neorinascimentale. Gli autori sono i rinomati architetti viennesi Fellner e Helmer, che hanno anche progettato il Grandhotel Pupp e l’Imperial Spa a Karlovy Vary, nonché diversi teatri cechi, tra cui l’Opera di Stato di Praga e il Teatro Mahen di Brno.

Costruttivisti di Derzprom a Kharkov

Il grande complesso costruttivista semicircolare Děržprom non può essere trascurato nel record centrale di Kharkov. Il nome di questo edificio modernista di tredici piani del 1928 può essere tradotto come Palazzo Industriale.

Al momento del suo completamento, si diceva che il Kharkov Derzprom fosse l’edificio indipendente più spazioso del mondo.

Gli architetti Sergei Serafimov, Mark Felger e Samuil Kravec l’hanno progettata come una struttura simmetrica e orientata verticalmente. Invece, inseriscono due ponti orizzontali, che sono i cancelli d’ingresso a Piazza Merdeka.

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.