Il motivo dietro l’operazione di Marc Marquez – GP Inside

La stagione 2022 di Marc Marquez sarà posticipata dopo il Gran Premio d’Italia. Il pilota Honda sarà operato al braccio destro all’inizio di giugno presso la Clinica Mayo di Rochester, Minnesota, per la sua quinta operazione da novembre 2019. È stata la decisione migliore che potesse prendere, ha spiegato al Mugello, durante l’Annuncio. Ecco perché, riassunto in quattro punti.

Perché i risultati non erano quelli che volevano… e non sarebbe andata meglio

Cinque gare disputate nel 2022 – due pacchetti a Mandalika e Termas de Río Hondo – solo una prima fila, non un podio, segnando 54 punti, nono posto in campionato… “I miei risultati non sono stati male, ma non è quello che aspiravo ad essere”, conclude Marc Marquez al Mugello. Sei volte campione del mondo MotoGP in sette stagioni, dal 2013 al 2019, non è stato lì a lottare per la top 10, e nemmeno per la top 5. Tuttavia, questo risultato è stato in gran parte dovuto alle difficoltà fisiche inflittegli dal suo braccio destro.

Certo, questo non gli ha impedito di vincere tre Gran Premi nel 2021, ma non è bastato. E gli elementi che ha suggeriscono che questo non cambierà nei prossimi mesi. “Ho fatto di tutto per evitare questa operazione”, ha assicurato. Ma i limiti imposti dal suo declino fisico non andranno via senza un intervento chirurgico. In altre parole: Marc Marquez sarà candidato alla top-5 del campionato, ai podi nelle gare, ma non più ai titoli.

Solo perché sta soffrendo

“Non mi sto divertendo, sto soffrendo. Ogni fine settimana è un incubo. » Difficile spiegare più chiaramente di quello che ha fatto l’otto volte iridato nella conferenza stampa di sabato.

Perché non ha davvero scelta

Stringere i denti, lottare per il podio in circuito, rinunciare alla corsa al titolo e cercare lo status di miglior pilota Honda? Anche se Marc Marquez accetta, ci saranno momenti in cui dovrà fermarsi perché si verificano altri disturbi fisici. Gli adattamenti richiesti dalla ferita al braccio destro hanno danneggiato altre parti del suo corpo, che ha costretto di più. In particolare la spalla sinistra, che ha ferito. Prendersi cura del proprio braccio destro è quindi anche prevenzione prima di dover curare più problemi. Per non parlare delle potenziali ricadute che questa nuova debolezza potrebbe causare.

Perché continuare sarebbe una rottura nel 2023

Perché sottoporsi a un intervento chirurgico ora e non finire il 2022 e poi aspettare la pausa invernale? Da un lato, perché considera perdente la stagione in corso: come notato sopra, non è lì per inseguire i primi 10, e nemmeno i primi 5, ma per vincere. Ma l’operazione punta anche a prepararsi al meglio per il futuro, lui è sotto contratto con la Honda fino a fine 2024.

Rinviando le operazioni a novembre, Marc Marquez salterà i test pre-stagionali 2023, forse anche il primo Gran Premio dell’anno, e soprattutto lo sviluppo della nuova Honda RC213V. Quest’ultimo punto è molto importante e non può essere ignorato, date le difficoltà che attualmente devono affrontare i piloti HRC. Pertanto deve essere fatto il prima possibile. Decollerà quindi per gli Stati Uniti martedì 31 maggio. Quando tornerà in pista? Nessuna risposta. “Ci vorrà molto”, ha avvertito. Prima di promettere che la sua assenza sarebbe stata solo temporanea.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.