Il Natale sarà “dovča”, trasformeranno Gesù in Joska non binaria. La Commissione Europea è rimasta senza fiato

Il commissario europeo ha pubblicato un manuale in cui raccomanda di smettere di augurare il Natale per loro conto. Si dice che aiuti i non cristiani a sentirsi meglio. Le istruzioni suggeriscono che il termine “Natale” potrebbe suonare simile a qualcuno in Europa, come la parola N in America – un insulto razzista che è vietato per gli afroamericani.

sembra in Commissione europea c’è una sezione speciale per la produzione di pittori o schifezze super vere. O forse alcuni membri della KPU non hanno la capacità di pensare. Pertanto, alla fine di novembre, è scoppiato uno scandalo con giorno di Natale, che non è più Natale per i funzionari della Commissione, ma… solo qualcosa che è senza forma, implicante, globalmente o forse cosmopolitamente innocuo.

Alla fine di ottobre, il commissario per l’uguaglianza dell’Unione europea Helena Dalli (Malta) ha sfoggiato un manuale di 30 pagine su come utilizzare un linguaggio LGBTQ+ più neutrale rispetto al genere nella commissione. Il 26 ottobre, ha twittato: “Il mainstreaming di genere significa che tutti i prodotti devono tenere conto delle dimensioni dell’uguaglianza, compresa la comunicazione. Poiché il nostro obiettivo è portare a #UnionOfEquality, sono orgogliosa di poter applicare le linee guida della @EU_Commission per l’inclusione comunicazione.”

(Il linguaggio utilizzato dalla commissione è un “respiro d’ufficio”. Comunicazione inclusiva può voler dire cercare di integrare religioni, culture diverse, non dare fastidio a nessuno, cancellare le differenze che costituiscono la cosa più bella, ovvero la diversità.) Documenti interni della Commissione giornale, scriveva su di lui un diario politico e l’avaro è nel mondo.

Questo si basa sul piano del presidente della Commissione Ursula von der Leyen per raggiungere gradualmente un'”Unità di uguaglianza”, in cui tutti sono rispettati e riconosciuti in tutti i nostri materiali, indipendentemente da genere, razza o origine etnica, religione o credo, disabilità, età o genere . orientamento”. Ovviamente, anche soft ch.

Il manuale del commissario Dalli richiede ai funzionari di “non riferirsi mai al pubblico come ‘signore e signori’, ma usare termini come ‘cari colleghi'”. Il personale della Commissione vuole che si astengano dall’usare il termine “Signorina o Signora a meno che il destinatario non preferisca esplicitamente” (“Salve, gente, dovrei chiamarvi signorina o signora o qualcosa del genere?”) e utilizzare solo “Signora generale”. La parte più controversa del suo consiglio è “non dare per scontato che tutti i cristiani”.

Ad esempio, nella Repubblica Ceca, quest’ultimo avrebbe più senso; nel nostro paese, la maggior parte delle persone non abbraccia il cristianesimo. Parlare a un pubblico come “sorelle e fratelli” o “seguaci” o “santo in Cristo” potrebbe sembrare un po’ stupido, come dire “festa benedetta” o “godersi il Bambino Gesù” (ma probabilmente non offenderà nessuno). straniero). chiunque, solo la persona interessata penserà che sei un po’ più stravagante o “squallido”).

Hai caramelle per le vacanze inferno/inferno/inferno?

La parte di Natale ha causato molto indignazione. “Non tutti celebrano una festa cristiana e non tutti i cristiani la celebrano nello stesso giorno”, il manuale sottolinea il superfluo e consiglia ai dipendenti (non prenotarli) di evitare frasi come “Il periodo natalizio può essere stressante” e utilizzare” vacanze.” può essere stressante.” E ha continuato con un altro consiglio che non suonava così bene in ceco.

Piccoli capezzoli, immagino un impiegato della commissione che chiede “donne” (non “donne”), certo, ma cosa succede se una persona non binaria, un genderqueer, si innamora di un mostro, l’indirizzo non farebbe loro appello? ? “: “Hai cotto / cotto / cotto le torte delle feste?” Come mostrargli che questa è una “caramella” associata a “nascita” “Quello in questione” che non riguarda “Lui”, cioè, in modo che i non credenti non sono spazzati via da un turbinio di odio ardente, o forse anche di tristezza?

E come dovrebbe divertirsi un commissario con qualcuno che pensa sia un musulmano in attesa del Ramadan: cibo e liquidi?” Il presunto musulmano potrebbe pensare che un funzionario della commissione lo abbia confuso con qualcuno che ha una cistifellea ed è a dieta…

La Commissione ha ricevuto critiche principalmente dalla destra, dall’Italia e da altri. Hanno parlato anche i vertici vaticani e dopo il mio tempo Papa Francesco“Questo è qualcosa che non ha funzionato in passato. Molte dittature hanno cercato di introdurre queste cose. Intendo Napoleone, i nazisti oi comunisti”, ha detto a bordo dell’aereo in viaggio dalla Grecia. “L’Unione Europea deve stare attenta a non intraprendere un percorso di colonizzazione ideologica. Questa potrebbe finire nella divisione del Paese e nel suo collasso”, ha avvertito il Papa.

Natale come N-word

Critiche piuttosto dure: la Commissione europea come dittatura? Ricorda il server di disinfezione ceco. Naturalmente, il commissario Dalli allude al “tema cristiano sovrano”, il Natale, e suggerisce, come spiegheremo di seguito, assurdità. Ma non è un dettato, ma una semplice raccomandazione, apparentemente guidata dal desiderio di aiutare le persone che credono in modo diverso e di sentire e vivere in modo diverso persone di diversa estrazione culturale che vivono o vengono a vivere in Europa. Le sue intenzioni erano chiaramente buone, ma la sua esecuzione era priva di significato. Il manuale è stato ritirato dopo lo scandalo. Il dossier “Dalli persona” mostra che alcuni commissari non pensano molto, non hanno una vera base culturale su cui basarsi, e vogliono fare cose positive senza capire come e dove e perché vivono.

Sembrava aver dimenticato il fondamento assoluto della civiltà europea, cioè la libertà, compresa la libertà di religione. Diventare cristiani e professare (non con una frusta, un pugnale o un mitra) il cristianesimo non può interferire con un ebreo, confuciano, buddista, indù, giainista, sciamano o musulmano che vive in Europa. E forse al contrario, una persona che aderisce pacificamente al buddismo o all’islam, infatti, non può pensare a un cristiano quando uno dei fondamenti del nostro mondo è essere la religione.

Nel suo manuale, la commissione si basa in realtà sulla possibilità che dire “Natale” possa suonare come la parola N (una parola razzista proibita per gli afroamericani) nelle scuole degli Stati Uniti. Tuttavia, la parola Natale non significa questo, non insulta, castra o maledice nessuno. Come un cristiano, se è cristiano, non può offendere, insultare le festività ebraiche di Hanukkah (festa delle luci) o il Ramadan islamico (il nono mese del calendario musulmano in cui un adoratore di Allah digiuna, il mese più importante per i musulmani in loro anno di vita religiosa).

Felici e gioiosi, Heleno e Ursulo

È esattamente lo stesso di un albero di Natale o di un candelabro a sette braccia. Oppure con il presepe, il presepe è anche un classico simbolo cristiano della nascita di Gesù;

Immaginate un bel presepe Leyen-Dallian-neutro (meglio “casa delle torte”, non hanno pane dappertutto): colline, pecore, cammelli, maternità, dove mamme di tutte le razze sbirciano dalle finestre e tre persone non binarie calpestato la porta fuori dalla porta con un pacco di DHL. Invece dei canti di Natale, un gioco “musicale” elettronico neutro progettato con intelligenza artificiale, nessun rischio letale, ha diviso il mondo jingle bell, inoltre Dio è nato lì. – È triste che il Commissario Helena Dalli non sembri conoscere o pensare a questi dettagli.

Dove sono andate a finire le buone intenzioni del funzionario è abbastanza chiaro. Dopo un po’, consiglieranno di non usare le parole “Gesù” o “Cristo” e suggeriranno invece, ad esempio, “Joska” o “Mazak”, o “uomo” (Figlio di Dio sarebbe superfluo), “Pasqua” chiamarsi “punizione”.”. “crocifissione” o “esecuzione”, non siate sciocchi) forse anche “pomlázka”, la parola molto pericolosa “chiesa” può trasformarsi in “casa con una torre” e tale “battesimo” in “bagnare la testa con acqua” o “bagno”, Ultima “Eucaristia” in “merenda” (l’evangelista “dieta con lacrime rosse),” Natale “in” piatti a lievitazione naturale usati soprattutto d’inverno (non azzarderò il solstizio, per non offendere i Mitristi superstiti e seguaci di Sol Invictus).

In conclusione, vorrei congratularmi con Ursula ed Helena e l’intera commissione “happy & merry” del Bacino ateo ceco di alta qualità, perché è completamente laico, neutrale e idealmente suggestivo di consumo.

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.