Il programma Young Talent è ancora in fase di sviluppo, con Belgio e Polonia

Parry è magico!“. “Questo è Parry!“. Durante la prima settimana del Roland-Garros, giornalisti e giochi di parole possono godersi una giornata campale. Diane Parry, 19 anni primaverile e protagonista del Team Jeunes Talents – senza dimenticare Elsa Jacquemot, che ha brillato anche aprendo il suo bancone sul circuito principale – è una delle più belle diradamenti azzurri. Come uno dei cinque tricolori, uomini e donne, presenti al terzo round, ha raggiunto questa fase della competizione per la prima volta in un Grande Slam. Offrendosi una vittoria 1/6 6/2 6/3 mentre entra nella lotta contro Barbora Krejčíková, numero 2 del mondo e campionessa in carica. Certo, i cechi non giocano da tre mesi, ma il nativo del Nizza sa gestire la pressione in modo superbo. In campo, ma anche fuori.

Calma, calma, il campione del mondo juniores 2019 non si è lasciato travolgere dal vortice mediatico. “Sono davvero felice di vedere come gestisce bene la pressione, l’inglese, i mediaha affermato Bertrand Cizeau, direttore delle comunicazioni di BNP Paribas. Perché ha partecipato all’intero programma del BNP Paribas Muda Talent Team.“Oltre al sostegno economico fornito ai candidati le cui famiglie non possono sostenere integralmente le esigenze economiche del circuito giovanile, quindi l’adesione ad un livello elevato, il progetto consente la formazione in attività extra-sportive. Grazie ai moduli di formazione linguistica, marketing, storia del tennis, social media e media. “Questo programma ci aiuta in tutte le aree, finanziariamente, mentalmente e portando molte virtù. ci ha detto Astrid Lew Yan Foon, 16 anni. Incontrare questi grandi giocatori è stato incredibile. Siamo davvero molto fortunati.

Un successo oltre i limiti. Se, oltre alla Francia, Tim esiste già negli Stati Uniti e in Italia, ne sono comparsi due nuovi: in Belgio e in Polonia. “È difficile per alcuni genitori, quindi è un aiuto inestimabile poter sostenere un progetto di alto livello in Belgioha spiegato Justine Henin, tra cui 40 giovani della sua accademia situata vicino a Bruxelles che ora sono supportati dal programma Young Talent. È anche un segno di forte fiducia in se stessi, dire ai giovani: ‘Siamo qui, abbiamo le spalle’. E non è solo finanziario. Ciò che ci unisce (l’accademia e il programma Young Talent) è l’amore per il tennis. Questo è ciò che vogliamo condividere, con i giovani che condividono lo stesso amore. L’obiettivo è lavorare sui valori che ci sembrano importanti, per riportarlo a una maggiore semplicità anche se il mondo è sempre più professionale..”

“Quello che non vogliamo vedere sono ragazzi con molto talento che finiscono sotto pressione” – John McEnroe

Il tennis polacco è al suo meglio in questo momento, con Hubert Hurkacz e Iga wiątekha detto Mariusz Fyrstenberg – padrino del Team Poland e capitano della nazionale di Coppa Davis – durante una conferenza stampa tenutasi nella sala d’attesa con vista sul campo di Philippe-Chatrier, mentre il n. Penso che sia solo questione di tempo prima che arrivi una nuova ondata nel circuito professionistico (dopo wiątek e Hurkacz). Questo programma (Young Talents) è molto importante, oltre alle finanze, per i viaggi, gli allenatori, i fisioterapisti, anche per poter trovare grandi stadi (come il Roland-Garros quel giorno) e incontrare grandi campioni come Jo, Justine, John… Tutto ciò è molto importante, ci permette di andare nella giusta direzione.

Il carismatico mentore del Team BNP Paribas Mac 1, composto da 12 giovani presso la sua accademia di New York, John McEnroe ha concentrato la sua trasmissione di conoscenze sull’aspetto mentale. “Quando sono arrivato per la prima volta in Europa avevo 18 annilui dice. Sono arrivato senza allenatore, fisioterapista, allenatore fisico o mentale per sette settimane. Sono stato espulso dicendo “Dai, buona fortuna”, e basta. Ora capisci perché sono un po’ matto. Questo tipo di supporto (programma Young Talent) è molto importante nel mondo sempre più specializzato del tennis. Il mio ruolo è dare a questi ragazzi la voglia di stare in campo, godere di quello che stanno facendo e divertirsi a farlo, per dare il 100%. Ovviamente insegniamo loro a suonare, ma dobbiamo anche vedere se hanno un cuore, un fuoco interiore.

Se non ce l’hanno, non hanno alcuna possibilitàaggiunto “Big Mac”. Quello che non vogliamo vedere sono ragazzi che hanno molto talento ma finiscono per essere vittime di bullismo. L’abbiamo visto con Osaka o Simon Biles, la salute mentale è importante. Simona Halep ha avuto un attacco di panico (contro Zheng Qinweng nel secondo round del Roland-Garros) dopo essere stata in circuito per una dozzina di anni. Il Padrino del Blue Team, lanciato nel 2018, Jo-Wilfried Tsonga è diventato il fratello maggiore. “Ora che ho terminato la mia carriera da giocatore, potrò essere più presente con i giovani”, esulta. Sì, certo, possono chiedermelo individualmente, la mia porta è aperta. Ma questo accade molto raramente (sorride).

“La mia porta è aperta” – Jo-Wilfried Tsonga

Sì, come hai detto, non sempre osanoHa aggiunto. E capisco, perché metto al loro posto. Quando avevo la loro età, mi dicevo: “Davvero ho intenzione di chiamare Yannick Noah, Cédric Pioline o qualcun altro, così mi possono aiutare quando non li conosco?”. C’è molta umiltà, ed è normale. E da parte mia, comunque, c’è umiltà, per paura di metterli a disagio contattandomi io stesso quando non mi chiedono nulla. Può essere un po’ di linguaggio sordo, come in una coppia (sorride). Ecco perché questo programma è interessante, ti permette di creare connessioni con questi giovani.L’impressione confermata di Astrid Lew Yan Foon:All’inizio ho davvero lottato, ero così intimidito nel vederlo di fronte a me.”

Ma la cosa fantastica è che ci mette a nostro agioLui continuò. Anche se rimaniamo un po’ imbarazzati. Ho avuto l’opportunità di scrivere con lui su Central, ed è anche venuto al Quimper Open dove abbiamo potuto chattare con lui. Anche se, è vero, non osiamo davvero. Possiamo avvicinarci un po’ a lui.In campo invece non c’è problema vergogna. A novembre, Astrid, nervosamente, aveva fatto scivolare il pad della vittoria ai campioni. “È diverso sul campo‘, ha riso, poche ore prima di entrare nel torneo junior di Roland, come altri sette giovani talenti francesi: Sarah Iliev, Mathilde Ngijol Carré, Ophélie Boullay, Jenny Lim, Loan Lestir, Arthur Géa e Gabriel Debru, uno dei favoriti tra i ragazzi. – uomo. Guilhem Laget, grande speranza del tennis in carrozzina, partecipa per la prima volta nella sua carriera al tabellone principale.

E tutti loro, insieme agli altri 23 membri del Team, hanno deciso di giocare anche per qualcun altro. Da soli, sul progetto modello #FAAPointsForChange con Félix Auger-Aliassime, hanno avuto l’idea di donare un euro alla Fondazione Apprentis d’Auteuil per ogni punto vinto in una partita. “Questo è fantastico, ci permette anche di essere più responsabili, commenta Arthur Cazaux, 19 anni e 344° nel mondo. Quando saremo in campo ci darà anche quella voglia in più di fare bene. Non giocheremo più solo per noi stessi, ma con pensieri per questi bambini meno fortunati”. Che, in situazioni complicate in campo, vogliono regalarsi per restituire all’avversario. E metterne da parte alcuni per una buona causa. Nessun gioco di parole, ovviamente.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.