Il prossimo premier britannico dovrà affrontare l’islamofobia “sistemica”.

MOSCA: L’avversario della Russia Andrei Pivovarov è stato condannato a quattro anni di carcere venerdì, più di un anno dopo il suo arresto, una magistratura che nelle ultime settimane ha portato via le ultime figure dell’opposizione russa.

Il sig. Pivovarov è stato condannato, sulla base di un post su Facebook, per aver condotto una campagna per un’organizzazione vietata.

“Andrei Pivovarov è stato condannato a quattro anni di carcere con il divieto di attività sociali e politiche per otto anni”, ha scritto il suo team su Twitter a suo nome.

Parlando dalla sua gabbia di metallo in tribunale, Pivovarov ha insistito sul fatto che il cambiamento in Russia sarebbe arrivato, prima o poi.

“E anche se ora coloro che si battono per il futuro sono calpestati e imprigionati, so che il progresso non può essere fermato, il cambiamento in meglio è inevitabile e non sono lontani”, ha detto.

“Ne usciremo!”, ha lanciato, affermando che la sua critica aveva un carattere politico. Il suo avvocato Sergei Badamchin ha detto che avrebbero presentato ricorso.

decisione vergognosa

“L’ingiusto procedimento giudiziario e la dura condanna al carcere inflitta a Pivovarov fanno parte di una campagna delle autorità russe per utilizzare il codice penale contro chiunque osi esercitare il proprio diritto alla libertà di espressione”, ha affermato Marie Struthers, direttrice di Amnesty International per l’Europa orientale e Asia centrale.

“Il verdetto di oggi e gli articoli penali che ne sono la fonte sono vergognosi”, ha aggiunto.

Il 31 maggio 2021 la polizia ha rilasciato il sig. Pivovarov da un aereo pronto a decollare da San Pietroburgo a Varsavia.

Pochi giorni prima aveva annunciato lo scioglimento della sua organizzazione Otkrita Rossia Rossia (Open Russia), legata al suo ex oligarca ed avversario esiliato, Mikhail Khodorkovsky, che aveva passato anni in prigione in Russia.

Pivovarov ha annunciato che scioglierà il suo movimento perché si aspetta che venga classificato come “indesiderato”, esponendo i suoi attivisti, membri e dipendenti a procedimenti legali.

Dopo il suo arresto, è stato trasferito in una prigione nel sud-ovest della Russia, a Krasnodar, dove è stato processato.

Candidato ammanettato

Dalla sua cella ha fatto campagna per le elezioni legislative di settembre 2021, con lo slogan “più forte della paura”, la sua squadra lo ha presentato come un “candidato in manette”.

Il suo arresto arriva in mezzo a un’ondata di repressione contro le organizzazioni dell’opposizione prima di queste elezioni. Poco dopo la sua prigionia, tutte le strutture dell’avversario numero 1 del Cremlino, Alexeï Navalny, furono bandite per estremismo.

Il signor Navalny è già in prigione e molti dei suoi dirigenti hanno successivamente optato per l’esilio di fronte a una molteplicità di azioni legali contro di loro.

Questa repressione è stata enfatizzata dal 24 febbraio, quando la Russia di Vladimir Putin ha lanciato la sua offensiva contro l’Ucraina.

Presto furono inflitte severe pene detentive per qualsiasi critica all’esercito russo. Di conseguenza, noti oppositori e cittadini comuni sono stati arrestati e incarcerati per aver condannato gli attacchi della Russia ai suoi vicini o le violazioni da parte delle truppe russe.

Gli oppositori di Ilia Iachine e Vladimir Kara-Mourza, ma anche cittadini comuni, sono stati incarcerati per questo motivo in attesa del processo.

Un funzionario eletto di Mosca, Alexei Gorinov, è stato condannato la scorsa settimana a sette anni di carcere per aver condannato l’attacco all’Ucraina.

Anche i più grandi social network e numerosi media russi e stranieri sono stati bloccati in Russia.

Venerdì, di nuovo, le autorità russe hanno classificato i siti investigativi Bellingcat e The Insider come “indesiderabili”, ritenendoli “una minaccia per l’ordine costituzionale e la sicurezza della Federazione Russa”.

Questi siti hanno pubblicato indagini che accusavano l’agente russo, che hanno identificato, di aver avvelenato Alexei Navalny nell’agosto 2020. Quest’ultimo è sfuggito alla morte ed è stato successivamente arrestato al suo ritorno all’inizio del 2021 dal recupero dalla Germania.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.