Il ragazzo si sveglia dal coma e cerca i suoi genitori

RTL>notizia>

Dopo un incidente in funivia, Aya B. è una futura sopravvissuta di cinque anni

“Dove sono? Dove sono i miei genitori?” – Si dice che Eitan (5) abbia aperto gli occhi con queste parole strazianti quando si è svegliato dal coma in seguito al disastro della funivia a ovest del Lago Maggiore, nel nord Italia. Secondo “La Stampa”, la zia Aya B. era con lui quando ha ripreso conoscenza al terzo piano dell’ospedale Regina Margherita di Torino. Un bambino israeliano di cinque anni l’ha vista e ha detto “Ciao zia”. Con lui c’era anche sua nonna.

Il sopravvissuto Eitan, 5 anni, si lamenta di mal di gola

I medici continuano a valutare le condizioni di Eitan come critiche. Il piccolo è dovuto rimanere nel reparto di terapia intensiva perché non poteva mangiare a causa delle ferite riportate. Al risveglio, secondo quanto riferito, si è lamentato di un mal di gola, il risultato di un tubo di respirazione nella sua gola.

Apparentemente il ragazzo coraggioso non sapeva che i suoi genitori e la sorella erano morti. Sono morti insieme al bisnonno di Eitan e ad altre nove persone il 23 maggio, quando un cavo del treno si è rotto durante il tragitto da Stresa al Monte Mottarone poco prima di arrivare alla stazione a monte. Gli occupanti della cabina tre sono caduti a una velocità di 100 km/h, la gondola è caduta a terra, ribaltata più volte, solo Eitan è sopravvissuto grazie all’amore dei suoi genitori.

Insegnargli una situazione insopportabile è “una strada lunga e complicata”, affermano gli psicologi secondo “La Stampa”. Ogni tanto chiede dei suoi genitori, ma il rischio di traumi è alto. “Prima di tutto, è importante che i ragazzi abbiano intorno volti familiari”, afferma la psicologa Marina B., secondo il portale di notizie. A questo punto gli è stato detto che era in ospedale e che dormiva da alcuni giorni. Nonostante il grave infortunio, i medici ritengono che presto potrà lasciare il reparto di terapia intensiva. La famiglia Eitan è stata sepolta giovedì ad Aviel, nel nord di Israele.

Zia Eitan non sa ancora come stanno le cose dopo l’incidente della funivia

Il bambino di cinque anni vive in Italia con la sua famiglia da quattro anni. La famiglia israeliana è venuta a Pavia perché suo padre Amit Biran († 30) voleva terminare lì gli studi di medicina. Anche un minuto di silenzio per le vittime dello schianto di venerdì alle 12.

Nella città lombarda vive anche la zia Aya B., molto vicina alla nipote di cinque anni. Ora tutta la responsabilità è su di lui. Quando gli è stato chiesto come sta ora, su “ilcorriere.it” ha detto: “È ancora presto, non lo so. Ho perso mio fratello Amit, mio ​​cognato Tal e Tom, una persona meravigliosa bambino, ha appena compiuto due anni. E i miei nonni. Erano appena stati vaccinati in Israele, volevano passare del tempo con i loro pronipoti. Hanno anche detto, cosa succederà in Italia?” Ora sono morti – capo gondola Luigi N Si dice che abbia riaperto i treni impiccati il ​​24 aprile per problemi di denaro, anche se sapeva che i freni della cabinovia caduta erano difettosi.

(SM)

La zia ha saputo dell’incidente in funivia via SMS

Aya B. lavora come medico in un carcere italiano. Ora tutto cambierà per loro. D’ora in poi, lui e i nonni di Eitan si prenderanno cura del bambino di cinque anni. Non sanno ancora se rimarranno in Italia o torneranno in Israele. “Non è facile, sono anche molto preoccupato per i miei genitori. È un grande shock per loro. Ho paura che il dolore li distruggerà. È una grande tragedia”.

La zia è venuta a conoscenza della disgrazia attraverso un’espressione di cordoglio via sms, ha detto “ilcorriere.it”. “All’inizio ho pensato che un conoscente fosse morto in Israele. Ho provato a chiamare mio fratello e mia cognata, ma nessuno ha risposto”. Poi si è accorto che qualcosa non andava. Gli amici li illuminano. “Poi sono andato sul luogo dell’incidente. Lì ho letto i nomi dei morti sulla lista. Compresi mio fratello, mia cognata e mio nipote di due anni. Solo Eitan non c’era… È stato solo allora So che può sopravvivere”.

Ora la zia ha davanti a sé una strada lunga e difficile. Da un lato deve far fronte alla perdita del fratello, della cognata, del nipote e dei nonni e dall’altro deve essere forte per Eitan di cinque anni. Perché lui e i suoi nonni erano gli unici nella sua famiglia che aveva ancora.

(MCA)

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.