Il riconoscimento facciale in tutta Europa sarà concentrato in un unico database | Tecnologia

La Commissione Europea vuole creare un gigantesco database di riconoscimento facciale che sarà condiviso con le forze dell’ordine in diversi paesi. È un grande passo avanti in questa tecnologia che sta suscitando molto scalpore.

La polizia europea ha portato 15 anni di condivisione di dettagli come impronte digitali e DNA nelle indagini penali, secondo la politica di Prüm II, e ora i legislatori stanno cercando di espanderlo per includere il riconoscimento facciale. Questo è il prossimo passo per l’UE.

L’ultimo documento, visto da Wired, mostra quanto sia grande questo database. Lo stato cattura tutti i tipi di immagini dei suoi cittadini (dove la sfida è riuscire a riconoscere i volti mentre invecchiano).

Ad esempio, l’Ungheria ha 30 milioni di foto, l’Italia 17 milioni, la Francia 6 milioni e la Germania 5,5 milioni. Queste foto ufficiali vanno da sospetti criminali a richiedenti asilo (o college). Gli esperti sono sempre più contrari alle proposte lanciate alla fine dello scorso anno.

Ciò che viene creata è la più vasta infrastruttura di sorveglianza biometrica che penso che il mondo abbia mai visto.“, dice Ella Jakubowskaconsigliere politico della ONG per i diritti civili Digital Rights Europe.

Tuttavia, il portavoce dell’UE ha affermato che, come parte di Prüm IIPossono essere scambiate solo immagini di volti di sospettati o condannati. Non ci sarà corrispondenza delle immagini facciali con la popolazione generale”.

Perché il riconoscimento facciale non funziona con gli occhiali da sole?

Il riconoscimento facciale è una delle tecnologie più controverse dell’ultimo decennio. Negli Stati Uniti abbiamo visto come le aziende (Microsoft o Amazon) smettono di investire denaro in esso dopo molti scandali di polizia.

Questa sfiducia è dovuta al fatto che mangiare le facce di base ha un pregiudizio razzista, come confermato da tutte le indagini indipendenti. Questa è la grande sfida della tecnologia che è chiamata a rivoluzionare il mondo della tecnologia.

Gerardo Consoli

"Studente professionista di alcol. Drogato di bacon. Evangelista del web. Pensatore per tutta la vita. Appassionato di caffè. Appassionato di tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.