Il ristorante Angolo di Trastevere festeggia 10 anni al ‘Pinto’

È una delle cucine europee preferite. Lo dice il sondaggio annuale di viaggi e gastronomia. E non meno. La cucina italiana ha spazzato il mondo e Vitoria ha uno dei migliori rappresentanti della sua gastronomia. Chi non ama gustare la pizza o avvolgersi in vari tipi di pasta italiana? Ebbene, la gente di Gasteiz ha potuto gustare tutti questi piatti per anni grazie a L’angolo di Trastevere.

Il ristorante, situato in Calle Pintorería 62, festeggia i dieci anni questo giovedì nella capitale Alava e lo celebrerà con tutti coloro che vorranno avvicinarsi allo stabilimento. Dalle 19:30 ci sarà un concerto di un’ora e mezza di un quartetto acustico di musica soul funk dal sapore italiano, oltre a poter gustare un aperitivo e un pintxo molto speciale, suppli. Crocchette di risotto con pomodori e mozzarella, un antipasto italiano.

Un decennio dopo Angolo in Trastevere è atterrato sulla strada simbolica Casco Viejo gasteiztarrariconoscendo da casa che è stato “molto difficile, ma allo stesso tempo divertente”, avendo fin dall’inizio un obiettivo chiaro di poter costruire in città l’autentica cucina italiana.

Le cucine, come ci racconta la storia, sono state influenzate da altri paesi, come la Grecia, i paesi asiatici e continenti come l’Africa. È tutto sistemato all’avvio portano il loro cibo e il modo in cui cucinano. Al ristorante Gasteiz sono più orientati verso la gastronomia tipica del sud del paese transalpino.

In questi dieci anni, le imprese hanno attraversato crisi economiche e pandemie che, come la maggior parte degli albergatori del Paese, hanno avuto effetti estremi. Il caos sanitario ha portato alla perdita di quasi 200.000 posti di lavoro e alla chiusura di circa 10.000 bar e ristoranti in tutto lo Stato. Anche così Angolo è avanzato, mostra di che pasta è fatta.

I responsabili del ristorante Angolo di Trastevere Giosuè Chavarri


Come loro stessi ammettono, devono “ha sacrificato molto, tutta la squadra”, per questi due lunghi anni, ma grazie a loro oggi hanno potuto festeggiare un decennio alla guida della rappresentanza della cucina italiana nel capoluogo Alava.

Riferimento

La pizzeria di Gasteiz ha ricevuto recensioni molto positive da clienti locali e internazionali oltre che dalla stessa Italia, cosa che l’ha affermata come un vero punto di riferimento della gastronomia italiana in una regione storica. Pizza cotta nel forno a legna, come la margherita, quattro formaggi o porcini e tartufo fanno la differenza. E questo tipo di forno, poco diffuso in Spagna, ottiene ottimi risultati nel prodotto finale. La chiave sta nel materiale e nella forma.

I mattoni o le pietre sono realizzati in materiale refrattario, che consente di immagazzinare e distribuire uniformemente il calore nel forno per una cottura più rapida. Inoltre, la combinazione di elementi quali legno, temperatura, umidità e tecnica permette di ottenere una pizza croccante, arricchendone anche l’aroma e il gusto che la permeerà.

Pasta 100% italiana, invece prodotto in officinaè uno dei vantaggi, ma essendo della casa stessa consigliano “Non si può partire senza aver provato l’autentica pasta alla carbonara, fatta con pecorino romano e guanciale o il nostro tiramisù”.

Angolo in Trastevere compie 10 anni


Storia

Pasta, pasta italiana, che nonostante quello che dice la leggenda Marco Polo non portava con sé dai suoi viaggi in Cina. Ricerche recenti suggeriscono che questa origine risalga al mondo islamico medievale, anche se l’opzione non è esclusa che viene dalla Persia. Esistono infatti ipotesi che parlano di una possibile esistenza ad Al Andalus, perché la parola fideo deriva dall’arabo fidawh.

Le teorie sono tante, ma quello che è chiaro è che gli italiani le hanno rese popolari e globalizzate. In effetti, costituiscono un esempio quotidiano per il resto del mondo, poiché i paesi transalpini guidano il consumo di pasta pro capite mondiale. Secondo i dati, gli italiani mangiano 28 chili a persona all’anno, il che significa una media di quasi 29 porzioni da 80 grammi al mese. Cioè, diventa praticamente un piatto di tutti i giorni. Rispetto alla Spagna, ad esempio, il dato è ancora più grande, e qui si mangia la pasta un po’ più di una volta alla settimana.

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.