Il tribunale olandese libera due prigionieri ucraini per combattere la Russia – EURACTIV.cz

Le capitali offrono una panoramica unica degli eventi dei paesi europei.


HAAG

Un tribunale olandese ha rilasciato due prigionieri ucraini per combattere la Russia. Un tribunale di Breda ha ordinato il rilascio anticipato di due ucraini in modo che potessero resistere all’invasione russa dell’Ucraina.

I due ucraini, di 27 e 29 anni, sono stati detenuti per sei mesi con l’accusa di traffico di persone.

Gli avvocati che difendono gli uomini hanno chiesto alla corte di rilasciarli in modo che possano tornare a casa, difendere il loro paese dall’invasione e riunirsi alle loro famiglie. Il tribunale ha concesso il loro rilascio sulla base del fatto che si trattava di “circostanze speciali e gravi”. (Sofia Stuart Leeson | EURACTIV.com)


ROMA MADRID | LISBONA | ATENA

I paesi dell’Europa meridionale hanno in programma di affrontare la crisi energetica. Al prossimo Consiglio europeo, i Primi Ministri di Italia, Spagna, Portogallo e Grecia solleciteranno l’Unione Europea ad agire con decisione contro la crisi energetica. Si sono accordati su questo durante un incontro a Roma venerdì.

Funzionari dell’Europa meridionale hanno presentato piani per diverse misure, tra cui la separazione dei prezzi dell’elettricità dai prezzi del gas, la regolamentazione dei prezzi, la diversificazione delle fonti energetiche e anche il lavoro sull’interconnessione delle infrastrutture energetiche. I leader mediterranei temono che l’impatto economico della guerra in Ucraina possa essere devastante. (Simona Zecchi | EURACTIV.it)


VARSAVIA

I diritti polacchi vogliono dare ai cittadini del paese l’accesso alle armi. In risposta alla guerra in Ucraina, la destra polacca ha proposto di semplificare le regole per il possesso e l’acquisizione di armi da fuoco. Il ministro dell’Istruzione Przemysław Czarnek ha annunciato che da settembre le scuole forniranno agli studenti addestramento alla difesa e esercitazioni di tiro.

Attualmente, la Polonia è il paese meno armato d’Europa in termini di numero di armi detenute dai civili. Ci sono solo 2,5 armi da fuoco ogni 100 abitanti. (Bartosz Sieniawski | EURACTIV.pl)


SOFIA

L’ex primo ministro Borisov è stato rilasciato dalla custodia. L’ex primo ministro bulgaro Boyko Borissov è stato rilasciato dopo aver trascorso 24 ore in prigione. L’ufficio del pubblico ministero bulgaro ha rifiutato di perseguirlo, nonostante le sollecitazioni della polizia.

Borisov è stato arrestato giovedì (17 marzo) con l’accusa di aver ricattato il magnate del gioco d’azzardo bulgaro Vasily Bozhkov, rinchiuso a Dubai. Venerdì (18 marzo), più di 1.000 sostenitori del partito Boris hanno organizzato una protesta nel centro di Sofia, accusando il governo di repressione politica. (Krassen Nicolov EURACTIV.bg)


VILNIUS

Il ministro della Salute lituano ha lasciato la riunione dell’OMS. Il ministro della salute Arūnas Dulkys stava lasciando la riunione dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) a Istanbul quando il vice ministro della salute russo ha iniziato a parlare. Voleva esprimere solidarietà all’Ucraina.

Si è tenuto un incontro ad alto livello su salute e migrazione per discutere le priorità strategiche in materia di salute e migrazione oltre il 2022, secondo un comunicato stampa dell’OMS. Secondo il ministero lituano, il ritiro della Russia non è stato incluso nell’ordine del giorno ufficiale della riunione. (Giedre Peseckyte | EURACTIV.com)


Su di noi puoi trovare altre sezioni di notizie da tutta Europa Sito partner di EURACTIV.com.


Vuoi ricevere regolarmente The Capitals nella tua casella di posta elettronica? Cliente.

Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.