Il vetro è rotto, ma Roberto Mancini lo rimetterà a posto

La rinascita della “Squadra azzurra” dalle stesse ceneri, il futuro staff e il giovane Totti – il “ignorato” Del Piero.

QUELLO nazionalità italiana a mille pezzi a Palermo, ma Roberto Mancini può rimetterli insieme. La pagina più oscura della storia della Rosa Azzurri sembra raddoppiata in cinque anni.

La cordata 2017 della nazionale svedese al “Giuseppe Meazza” non solo è entrata nelle liste del calcio come un grave fallimento, ma il destino ne ha fatto anche un agonizzante copia-incolla su “Renzo Barbera”.

La Macedonia del Nord, la cui dimensione sta per essere trascinata verso un altro crocevia con la bestia nazionale, rivela una verità infausta e amara sulla Nazionale italiana: nessuno stipula contratti perpetui con successo.

Lo shock si trasformò in un mix esplosivo di frustrazione e rabbia. A proposito, per le superpotenze di quattro mondiali (1934, 1938, 1982, 2006) e due d’Europa (1968, 2020), la seconda esclusione consecutiva dalle fasi finali dei Mondiali non è stata “digerita”.

Tuttavia, dopo una serie di errori sulla federazione (FIGC), staff tecnico e giocatori dei tifosi e dei media italiani, una giornata di attenta riflessione e pianificazione per i prossimi passi è stata fatale.

Perché gli organismi devono alzare la testa e ritirarsi nel glorioso regno della gloria. Per farlo, ovviamente, dovrebbero ignorare le decisioni superficiali. E uno di questi ha a che fare con la sopravvivenza di Roberto Mancini.

Nazionale italiana: fiduciosa, stomaco forte e in ripresa

Forse l’unica persona che non dovrebbe essere al comando è l’allenatore italiano.

Dal punto di vista calcistico, Mancini ha fatto il possibile per evitare che l’Italia si raffreddasse in qualificazione.

Ha scelto giocatori senza ossessioni personali che lo hanno trovato utile sia agli ultimi Europei che nelle precedenti qualificazioni (Imobile, Insigne, Donaruma, Berardi, Bonucci, Zorginio, ecc.). È anche molto fastidioso quando il gioco va storto. I cambi di faccia, le formazioni e le prese sono inclusi nel menu normale.

Tuttavia, la sua fortuna è cambiata e alla fine la porcellana di marmo che ha realizzato insieme alla sua bacchetta, si è rotta dopo 32 (!) ultimi tentativi.

Era rotto, ma non poteva essere riparato. Tuttavia, sia il presidente della Federazione italiana che il pubblico calcistico hanno voluto Mancini come caposquadra per correggere gli errori di ortografia della squadra.

La nuova “Squadra Azzurri”

Il tecnico italiano è stato chiamato a condurre nuovamente il suo connazionale alla finale di un grande evento, ma ora serve qualche cambio di organico.

Il 4-3-3 o 3-5-2 con cui “vestirà” il suo gioco di squadra avrà diversi giocatori della squadra che ha alzato il trofeo a Wembley, ma anche nuove inserimenti.

Donaruma, Meret e Cranio saranno i primi tre pali con la difesa che avrà i seguenti pilastri. QUELLO Leonardo Bonucci sarà anche a EURO 2024, anche se all’epoca avrà 36 anni. Accanto a lui Bastoni o Biraghi e al termine del “kamikaze” Di Lorenzo e Spinazola, subito dopo rientrato dall’infortunio all’Achille.

Sull’asse Mancini deve dare molto peso. Lì, con i canadesi residenti a Insigne, Locatelli, Tonali e Pellegrini dovrebbe esserci il nuovo sangue che prenderà l’iniziativa e più tempo di Zorginio e Verratti.

Nazionale italiana: grande distacco in attacco

Ma dove è davvero necessario aprire nuovi file è l’attacco. QUELLO Ciro Imobile sembra essere (di più) cresciuto fino a diventare il numero 1 nella linea di sciopero. Ci sono alternative (Chiesa, Gianniolo, Jaccani, Raspadori, Skamaka), ma non bastano.

Il leader della nazionale italiana, suona ossimoro, dovrebbe essere una dozzina con “nove” virtù. Tuttavia, questa stampa “spezzata” dopo il duo Totti – Del Piero, che era una continuazione di Baggio.

Questo stile di giocatore, che gli italiani vedono da più di 10 anni e secondo l’ex presidente della Federazione italiana “un giovane attaccante si misura sul dito di una mano”.

“Il calcio ha perso la nostra credibilità e manca il valore calcistico. Dobbiamo investire in calciatori più autoctoni, che devono imparare le basi fin dalla tenera età. Ora arriva l'”introduzione” in Serie A di giocatori di altre nazioni.

“Questo è l’unico modo per risolvere i problemi del nostro calcio”, ha sottolineato anche il presidente Tavekio, rilevando i problemi strutturali dello sport nei paesi vicini.

Pertanto, l’esclusione da gruppi etnici nettamente più deboli è la punta dell’iceberg che ha molteplici agenti patogeni cronicamente radicati.

È Mancini quello che può finirlo?

Solo il tempo lo dirà, ma sicuramente con quelli in panchina, che attaccano i tifosi di calcio, i suoi sforzi saranno più che sufficienti.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.