Imposta DF | Estonia, il miglior sistema digitale e fiscale al mondo. Cile, dobbiamo copiare il bene

Magdalena Brzovic, capo coordinatore del programma per José Antonio Kast.

Magdalena Brzovic

L’Estonia potrebbe essere un paese sconosciuto a molti. Lo ricordiamo solo probabilmente come parte di exURSS.

Paese di soli 1,3 milioni di abitanti, da prima della sua indipendenza dall’Unione Sovietica nel 1990, il suo reddito pro capite era di 15.370 dollari, meno della metà del reddito pro capite della Spagna e inferiore a quello di Portogallo e Grecia (che oscilla tra 25.600 dollari e US$ 25.600). $ 25.800). Attualmente, l’indice estone è più che raddoppiato, raggiungendo i 31.200 dollari statunitensi, il 17% in più rispetto alla Grecia, il 7,5% in più rispetto al Portogallo e il 12% al di sotto della Spagna.

Come è successo? Tra l’altro grazie al sistema fiscale. Lo ha evidenziato la stessa Fondazione Fiscale nel suo Rapporto 2019 sulla Competitività Fiscale, che è stato dimostrato negli ultimi sei anni.

Dov’è la magia? I politici attraverso importanti riforme fiscali, frutto di accordi politici intersettoriali, hanno convenuto che le società siano soggette all’imposta di prima categoria con un’aliquota del 20%. Ma non si tratta solo di abbassare le aliquote dell’imposta sulle società, ma quando la società non distribuisce i profitti, queste tasse non vengono pagate. In questo modo il 20% resta in azienda come capitale circolante per generare nuovo business, che in termini economici significa anche reinvestimento.

Quando l’azienda distribuisce i suoi profitti ai soci, come il nostro vecchio sistema chiamato 100% integrato, consente ai proprietari di accreditare le tasse pagate dall’azienda nel suo insieme come consentito dal nostro sistema fiscale fino alla riforma fiscale del presidente Bachelet.

READ  Le gomme Red Bull hanno persino toccato il casco

Un altro vantaggio di questo sistema è che la società può compensare l’imposta dovuta sugli utili condivisi nel presente, sia con le sue perdite pregresse (se la società ha subito perdite in passato, la base imponibile corrente positiva viene compensata con l’imponibile passato negativo base imponibile. ) e a fronte di perdite future (se l’impresa subisce una perdita futura e paga imposte sui suoi utili passati, l’imposta pagata viene rimborsata fino a compensare la base imponibile negativa). Questo è anche il nostro sistema fiscale fino a prima della riforma fiscale del 2020.

Proseguendo con il Paese, l’imposta sul reddito per i lavoratori è del 20%; In altre parole, tutti i lavoratori del paese pagano le stesse tasse, il che non significa che tutti i lavoratori paghino le stesse perché le basi imponibili sono diverse e ci sono anche agevolazioni e sconti fiscali che vanno a beneficio soprattutto dei redditi più bassi.

Include anche le tasse sugli immobili, i nostri contributi agli immobili, ma quelle tasse tassano solo i terreni e non le costruzioni.

L’Estonia è una regione fiscalmente favorevole al risparmio e agli investimenti: il tasso di risparmio nazionale è stato in media del 25,2% del PIL negli ultimi due decenni, rispetto al 22,7% in Francia, al 21,6% in Spagna, al 19,5% in Italia, al 14,7% in Portogallo e 12,4% dalla Grecia; E, a sua volta, anche l’Estonia ha goduto negli ultimi 20 anni di investimenti interni nettamente superiori agli altri paesi europei: 29,2% del PIL, contro il 24,6% della Spagna, il 22,5% della Francia, il 20,7% del Portogallo, il 19,6% del Italia o il 18,8% dalla Grecia. Anche la Germania, che ha un tasso di risparmio interno più alto dell’Estonia (25,5% del PIL), è insignificante in termini di investimenti rispetto ai paesi baltici (20,1% del PIL).

READ  Un giovane di Bariloche muore durante un'escursione in Italia

Più risparmio si è tradotto in più investimenti e più investimenti in una maggiore crescita economica. La logica deduzione è che questa politica, contrariamente a quanto ampiamente riportato, è positiva per la crescita, non perché si aumentano le tasse ci saranno più risorse e l’Estonia lo dimostra empiricamente.

Il reddito pubblico estone è superiore a quello spagnolo: 40,1% del PIL rispetto al 38,8%. L’indice di Gini estone è sceso da 36 nel 2000 a 30,6 oggi, dietro a Italia, Spagna, Grecia, Portogallo e Germania.

L’Estonia è anche il primo Paese digitale al mondo, dove ad esempio il 99% delle procedure ufficiali – 1.789 in totale – può essere svolto in qualsiasi momento su un portale governativo aperto 24 ore su 24, sette giorni su sette. Solo transazioni immobiliari, matrimoni o divorzi richiedono una presenza fisica.

Gli estoni hanno solo bisogno di una connessione Internet per votare, rinnovare la patente, consultare una prescrizione medica, presentare un reclamo fino a 2.000 euro, presentare una dichiarazione dei redditi, seguire una multa, cambiare indirizzo di casa. , registra un’azienda, firma documenti, visualizza i voti di tuo figlio e comunica con gli insegnanti, accedi alla tua cartella clinica …

E i suoi dirigenti hanno dato l’esempio: il giornale è scomparso da un Consiglio dei ministri del 2000 e il presidente del Consiglio ha messo la sua firma digitale sullo schermo perché la legge entrasse in vigore. I vantaggi di godere di e-Estonia, un ecosistema efficiente, trasparente e sicuro che è diventato un esempio globale. Il 70% del PIL è fornito dal settore dei servizi, e quelli legati alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione sono quelli che più contribuiscono alla crescita della ricchezza nazionale nel 2016. Inoltre, questa digitalizzazione, secondo loro, rappresenta un risparmio del 2%. PIL annuo in salari e spese. E non si stancano mai di ripeterlo: se hanno costruito una società digitale, chiunque può farlo. È il messaggio che hanno lanciato durante la recente presidenza del Consiglio dell’Unione europea.

READ  32 notizie tecnologiche per iniziare la giornata con le ultime informazioni | Tecnologia

L’innovazione non può essere di proprietà esclusiva del settore privato, il governo non può essere lasciato indietro, quindi una ragione sufficiente. Questo non è un problema di risorse. Nessuna taglia. Serve solo la volontà politica.

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.