In Italia si indaga sul rapimento di un ragazzo sopravvissuto a un incidente in funivia a maggio

Eitan Biran, i cui genitori e il fratello di due anni sono morti in un incidente in funivia sulla tratta Stresa-Mottarone il 23 maggio, è diventato il centro di una battaglia per la custodia tra parenti in Italia e Israele.

I genitori di Eitan, cittadini israeliani, vivono in Italia. Prima del presunto rapimento di sabato, Eitan viveva con la zia paterna Ayi Biran-Nirkova a Pavia. Biran-Nirková si è preso cura del bambino dopo che è stato dimesso dall’ospedale di Torino a giugno.

La zia della madre di Eitan a Tel Aviv, Gali Peleg, ha iniziato il processo di adozione il mese scorso. L’avvocato secondo il sito Sicurezza sostenendo che Biran-Nirk è tenuto in ostaggio.

“Non abbiamo portato Eitan e non useremo quella parola. Stiamo portando Eitan a casa. Abbiamo dovuto, non abbiamo ottenuto alcuna informazione sulla sua salute o stato mentale. Se il giudice non ha programmato un appuntamento, non l’avremmo visto”, ha detto Pelegová alla radio israeliana 103FM. .

Il nonno materno di Eitan, Smulik Peleg, si è trasferito da Tel Aviv in Italia dopo l’incidente. Secondo quanto riportato dalla stampa italiana, sabato mattina Peleg ha portato fuori il bambino. Non tornò a casa con il ragazzo fino alle sei e mezza di sera, come concordato.

Dopo l’allarme, la polizia italiana ha scoperto che Eitan aveva lasciato l’Italia su un aereo privato con suo nonno Peleg, che ha un passaporto infantile israeliano. Fonti diplomatiche hanno poi confermato il loro arrivo in Israele.

I media italiani hanno riferito che Biran-Nirk ha ripetutamente inviato messaggi a Peleg, che presumibilmente alla fine ha risposto: “Eitan è tornato a casa”.

“Era solo una nostra preoccupazione in quel momento. Eitana era separata dalla famiglia in cui è cresciuta, ma anche dai medici che stanno ancora affrontando il suo trauma”, ha detto al Corriere l’avvocato Armando Simbari, che rappresenta la zia di Eitan, Biran-Nirkova. della Sera.

L’incidente, in cui sono morti anche i nonni di Eitan, potrebbe essere avvenuto quando la linea elettrica si è interrotta, causando il crollo della cabina in una zona boschiva. Al momento dell’incidente, la cabina si trovava a un’altitudine di circa 20 metri.

La funivia si trovava a pochi metri dalla meta del Monte Mottarone al momento della caduta. Quindici persone prendono la funivia a Stresa sul Lago Maggiore e partono in 20 minuti di auto. Otto delle quattordici persone uccise provenivano dall’Italia.

Gli inquirenti continuano a spiegare le cause dell’incidente. Sul sito è stata recentemente scoperta una “scatola nera”. Si stima che ci vorranno tre mesi per valutare se le informazioni provenienti dagli armadietti aiuteranno a rilevare eventuali anomalie nel sistema della funivia.

La linea Stresa-Mottarone è stata rilanciata a fine aprile, quando l’Italia ha allentato le restrizioni sul coronavirus.

A giugno, la televisione pubblica italiana Rai è diventata oggetto di critiche per aver trasmesso le riprese trapelate delle telecamere dell’incidente. Questo è stato il peggior disastro in Italia negli ultimi 20 anni in termini di cadute di funivia.

Nel febbraio 1998, venti persone sono rimaste uccise quando un aereo militare americano, volando troppo basso, ha tagliato le cinghie della cabina nei pressi della stazione sciistica di Cavalese nelle Dolomiti.

Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.