Incidente in funivia sul Lago Maggiore: il ragazzo sopravvissuto sarebbe dovuto tornare in Italia

Stato: 25/10/2021 17:22

14 persone sono morte in un incidente in funivia in Italia – solo Eitan di sei anni è sopravvissuto. Scoppiò una disputa tra parenti su con chi avrebbe dovuto vivere e suo nonno lo portò segretamente in Israele. Ora la corte ha deciso – per ora.

Nel presunto rapimento del piccolo Eitan, unico sopravvissuto al disastro della funivia sul Lago Maggiore, un tribunale di famiglia di Tel Aviv ha ordinato al ragazzo di rientrare in Italia. Eitan deve tornare “al suo luogo di residenza abituale, che è l’Italia”, ha affermato in uno stralcio della sentenza. Anche il nonno, che vive in Israele, deve pagare le spese processuali di circa 19.000 euro.

Il ragazzo, che ha perso i suoi genitori, il fratello minore e due bisnonni in un incidente la domenica di Pentecoste di quell’anno, è stato trasportato in aereo in Israele a metà settembre dal nonno materno, contro un ordine del tribunale.

Durante il processo, la zia paterna, Aya B., ha chiesto che la bambina di sei anni fosse riportata in Italia con lei. In precedenza era stato nominato tutore del ragazzo.

Il giudice chiama la famiglia per la riconciliazione

La sentenza del tribunale di Tel Aviv è solo una decisione sull’attuale ubicazione del ragazzo. Questa non è una decisione su chi avrà la tutela su di lui a lungo termine. Il relativo procedimento è attualmente pendente a Milano e riprenderà il 1° dicembre.

Il giudice israeliano Iris Ilotowich-Segal ha chiesto ai membri della famiglia di riconciliarsi. “È molto importante concentrarsi sulle condizioni mediche ed emotive del minore e dargli il supporto, le cure e gli abbracci di cui ha bisogno dopo la tragedia che ha colpito lui e la sua famiglia”.

Si dice che i genitori abbiano pianificato di trasferirsi in Israele

Eitan è nato in Israele, secondo i media, ma si è trasferito in Italia con i suoi genitori poco dopo la nascita. Pertanto, ha passaporti israeliani e italiani. La zia aveva parlato del procedimento secondo cui Pavia di Lombardia era la casa di un ragazzo che avrebbe dovuto iniziare la scuola in Italia a settembre.

Secondo i rapporti, la famiglia di sua madre che vive in Israele crede che i suoi genitori stiano pianificando specificamente di tornare in Israele. Hanno cercato una scuola per il ragazzo e hanno cercato di acquistare un appartamento con i sussidi del governo. Il ragazzo deve crescere in Israele.

Nella sua sentenza, la corte ha scritto che poco dopo l’incidente di maggio, il nonno ha acconsentito che sua zia sarebbe stata la tutrice del bambino. Si sono poi sviluppate controversie sulla questione se questa dovesse essere una soluzione temporanea oa lungo termine. Il nonno fa causa in Italia contro la tutela di Aya B.

La Corte fa riferimento al Trattato dell’Aia sulla sottrazione di minori

La sentenza ha affermato che la corte non ha accettato l’argomentazione del nonno secondo cui la residenza regolare del ragazzo era Israele, né che avesse due residenze permanenti, Israele e Italia. Ha inoltre respinto l’argomento secondo cui il ritorno del ragazzo in Italia gli sarebbe costato.

Nella sua sentenza, la corte ha fatto riferimento alla Convenzione dell’Aia sulla sottrazione di minori, un trattato internazionale firmato da Israele e Italia. Il trattato ha lo scopo di proteggere i bambini dal rapimento o dal rapimento in altri paesi. Dispone inoltre che i bambini vengano restituiti allo stato in cui si trovavano e a cui erano abituati il ​​prima possibile. Quando ciò accadrebbe nel caso Eitan minore non è indicato nei documenti del tribunale.

La procura della città italiana di Pavia ha aperto un’inchiesta sul nonno per il rapimento di un bambino a settembre. Sospettati anche la nonna di Eitan e, secondo quanto riferito, altri uomini. L’uomo ha guidato il nonno e il bambino in un’auto a noleggio da Pavia alla Svizzera, da dove sono volati a Tel Aviv, secondo il quotidiano Corriere della Sera.

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.