Infermiera dall’Italia: il personale è sotto pressione, i casi di coronavirus stanno aumentando rapidamente. Abbigliamento protettivo perso iROZHLAS

“Il personale è sottoposto a una pressione tremenda, lavora per lunghe ore. La realtà è molto difficile. Sono costantemente sotto stress se non sono infettati e l’afflusso di nuovi pazienti è così rapido che è molto difficile soddisfare le loro esigenze “. ha detto Kateřina Kutálková – un’infermiera del centro di Bolzano, nel nord Italia. Cosa mancano agli operatori sanitari locali nella lotta al coronavirus, e quale situazione viene definita “difficile da respirare”?




Conversazione
Bolzano

Condividi su Facebook




Condividi su Twitter


Condividi su LinkedIn


Stampa



Copia l’indirizzo URL




Indirizzo abbreviato





Chiudere




In Italia c’è una quarantena nazionale a causa del coronavirus Fonte: Reuters

La Repubblica Ceca ha ricevuto informazioni sull’assalto che alcuni ospedali italiani stanno affrontando a causa della lotta al coronavirus, in particolare nella regione più colpita della Lombardia. giornale di Wall Street scrisse che qui venivano aggiunte le unità di terapia intensiva, i reparti venivano riorganizzati e le unità create frettolosamente venivano allestite fuori dall’ospedale. Tuttavia, nonostante tutti gli sforzi, i posti letto in terapia intensiva sono quasi pieni e in alcuni ospedali non ce ne sono ancora a sufficienza. Dal suo punto di vista, come sta gestendo il sistema sanitario italiano la lotta al coronavirus?
Parlando dell’Alto Adige, dove lavoro, negli ultimi due giorni la macchina organizzativa sembra essere al lavoro. Gli ospedali stanno cercando di rispondere all’elevata domanda di posti letto dividendo i pazienti in ospedali periferici in base alla gravità dei loro sintomi. Hanno fornito letti dove isolano coloro che sono positivi ma non hanno sintomi. Quindi abbiamo ancora posti letto per la terapia intensiva.



Chi è Katerina Kutalkova?

È un’infermiera di un centro medico a Bolzano, nel nord Italia. “Questo non è assolutamente panico, ma è molto importante che le persone si rendano conto di avere una responsabilità nei confronti dei loro cari”, ha detto in un’intervista.

Tuttavia, il numero di pazienti positivi continua a crescere ogni giorno. Sono circa 127 in Alto Adige, dove circa 50 sono ricoverati in ospedale, e il numero dei casi aumenta di circa 20 ogni giorno. Il personale è sottoposto a forti pressioni poiché la domanda sta crescendo relativamente rapidamente, quindi devono agire in fretta. E se un giorno qualcosa funziona, il giorno dopo non basta. La situazione è complicata.

I medici degli ospedali di Milano, Bergamo o Cremona hanno dato le loro testimonianze anche ai media stranieri, secondo i quali la situazione era così grave che a volte hanno dovuto affrontare scelte difficili. Non disponendo di adeguate apparecchiature di supporto respiratorio, devono scegliere il paziente che preferiscono. Chi ha la priorità in questi momenti?
Questa è una domanda molto difficile: riguarda l’etica e devo stare molto attento. Voglio rassicurare le persone che non siamo noi a non ricevere cure. Senza significato. Ma gli specialisti non possono clonare e non possono trovarsi in più di una posizione alla volta. Quindi non significa che qualcuno non riceverà affatto il trattamento, lo riceverà un po’ più tardi. Qual è la situazione in zona rossa, preferisco non entrarci, perché non sono in questa realtà.

E hai qualche informazione su com’è nelle aree più colpite: le zone rosse?
Sì, ma ci sono anche quelle che vengono chiamate fake news ed è molto difficile giudicare cosa è vero e cosa non lo è. Ma il personale deve sicuramente affrontare molte pressioni, lavora per lunghe ore e in effetti è molto duro. Sono sotto stress costante se non vengono infettati a loro volta e l’afflusso di nuovi pazienti è così rapido che è molto difficile soddisfare i loro bisogni.

Le tende chirurgiche non ci proteggeranno

Cosa manca di più all’ospedale in questa situazione?
Se parlo della nostra situazione in termini di numero di tifosi che respirano, dovremmo essere senza problemi. Finora abbiamo pezzi di ricambio e l’ospedale sta cercando di evitare carenze ordinandone di nuovi. Ma ci mancavano davvero gli indumenti protettivi – per esempio, non avevamo abbastanza teli nel nostro centro, quindi abbiamo usato teli chirurgici. L’importo che abbiamo non sarà sufficiente per una persona. Nonostante l’abbiamo ordinato per alcune settimane, lo stock non è arrivato.


Non facciamo test privati ​​per il coronavirus, sembra dai laboratori che Vojtěch e Babiš consigliano alle persone

Leggi gli articoli


Ma per essere onesti, nessuno costringe nessuno ad avvicinarsi a un paziente ad alto rischio senza indumenti protettivi, ma a volte la situazione è molto stressante e gli operatori sanitari devono prendere decisioni rapide da soli.

Hai affrontato personalmente una situazione del genere?
Quando si preleva il sangue, una distanza di almeno un metro non è realistica. Ci sono situazioni in cui il paziente ti tossisce in faccia, ma non abbiamo materiale sufficiente per proteggerci durante questa procedura. Ci abbiamo provato, ma il sipario chirurgico non ci ha protetto dal paziente.

Cerchiamo inoltre di ridurre questo rischio riducendo radicalmente l’offerta di pazienti nelle sale d’attesa. Quindi abbiamo lasciato la porta chiusa a chiave e abbiamo lasciato che le persone entrassero gradualmente nella sala d’attesa. Li esortiamo a disinfettarsi immediatamente le mani e a girarsi dall’altra parte al momento della raccolta del sangue. Sono piccole cose che cerchiamo di rischiare, ma non abbiamo un’indicazione uniforme da parte del management.

Hai dei colleghi in giro che sono anche infetti? L’ospedale sta affrontando una carenza di personale a causa di ciò?
Alcuni medici distrettuali erano positivi, ma questo valeva anche per i medici ospedalieri e altro personale medico. Anche presso il centro attiguo, che si trova nel secondo trimestre, i nostri colleghi sono stati in contatto con pazienti attualmente ricoverati in ospedale e sono in attesa dei risultati dei test. Pertanto, i rischi sono reali. Alcuni dei miei colleghi escono per i pazienti sul campo – sono anche pazienti palliativi e persone con altri problemi di salute – e non si sa mai se anche loro sono contagiati.


Von der Leyen: Invece di chiudere le frontiere, dovremmo effettuare controlli sanitari

Leggi gli articoli


Anche alcuni specialisti vengono infettati in questo modo. Ad esempio, le persone non rispettano le regole di non uscire di casa e di contattare telefonicamente il medico se compaiono i sintomi. Il riempimento della capacità del personale può essere un grosso problema, quindi ora stanno cercando di mantenere in servizio il maggior numero possibile di dipendenti.

L’operatore sanitario o il medico che è entrato in contatto con un paziente a cui è stato diagnosticato il coronavirus continuerà a lavorare, a meno che, ovviamente, non presenti sintomi. I campioni sono stati prelevati e ripetuti altre tre volte in 14 giorni. Se l’esito del tampone è negativo (i campioni vengono prelevati dal collo e dal naso – prestare attenzione. staff editoriale) continuare a lavorare. Quindi non è in quarantena come una volta. Ci sono così tanti paramedici che nessuno dovrebbe essere in servizio. La stessa cosa è successa in una clinica privata locale, dove un reparto ha dovuto essere chiuso e 20 infermieri sono stati messi in quarantena.

Quindi anche un medico che è infetto ma finora non ha sintomi può prescrivere…
Non sono un virologo, ma la possibilità sembra esistere.

Facile farsi prendere dal panico

In che modo il governo italiano sta cercando di far fronte alla carenza di personale medico? Ha anche chiamato i medici?
Se parlo della nostra zona, sì. Possono partecipare sia i giovani medici che gli infermieri che attualmente lavoravano nelle scuole locali, ma al momento sono chiusi. Come dicevo all’inizio, il motore organizzativo ha iniziato a funzionare meglio negli ultimi due giorni.

Questa è una situazione davvero straordinaria in cui affronti problemi ogni giorno e il personale sta cercando dove puoi. Ad esempio, i reparti di malattie infettive ora dispongono di reparti di riabilitazione, dai quali i pazienti sono stati trasferiti in altri luoghi per liberare la capacità dei pazienti infetti. E altri dipartimenti hanno iniziato a lasciare il posto e il personale è completamente a disposizione del dipartimento di malattie infettive.


“Non è l’influenza, impariamo mentre camminiamo”. Gli esperti rispondono alle tue domande sul coronavirus

Leggi gli articoli


I gruppi più minacciati di estinzione sono gli anziani ei malati cronici. Le persone anziane si presentano di più in ospedale con un decorso grave della malattia o compaiono anche punteggi più giovani tra i pazienti?
Il nostro centro trae sangue dal nostro centro, quindi tutte le generazioni ci vanno. Tuttavia, stiamo attualmente cercando di ridurre al minimo l’arrivo di persone. Rifiutiamo coloro i cui abbonamenti non sono richiesti. Anche gli ospedali fanno la stessa cosa, eliminando gli esami non urgenti, ad esempio per ridurre al minimo la circolazione delle persone negli ospedali. Da pochi giorni è stata introdotta anche una misura in cui è stata misurata la temperatura a tutti prima di entrare in ospedale e l’orario di visita è stato drasticamente ridotto.

In questa situazione, è molto facile farsi prendere dal panico. Fino a poco tempo, le informazioni erano ambigue, quindi logicamente c’era paura. Uno era anche arrabbiato quando i parchi erano pieni di gente martedì – il giorno dopo l’annuncio della quarantena totale, quando le persone dovevano andarsene solo nei casi più urgenti. Tempi del genere sono davvero difficili da respirare quando si guarda alla realtà negli ospedali e a ciò che il personale affronta quotidianamente.

Quindi vuoi che le persone prestino più attenzione…
Per essere premuroso e responsabile. Sicuramente non si tratta di farsi prendere dal panico, ma è molto importante che le persone si rendano conto di avere una responsabilità nei confronti dei propri cari. Mentre alcuni non hanno paura di ammalarsi o hanno solo sintomi lievi, i tuoi nonni potrebbero essere colpiti molto peggio.

Non si tratta solo di anziani e malati cronici. Riguarda tutti e la sua capacità è illimitata. Se la domanda continua ad aumentare, sarà molto difficile rispondere. Sarà molto veloce.

Eliska Kubatova

Condividi su Facebook




Condividi su Twitter


Condividi su LinkedIn


Stampa



Copia l’indirizzo URL




Indirizzo abbreviato





Chiudere




Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.