Institute of Health: i medici dovrebbero anche prendere in considerazione il vaiolo nelle persone con sintomi

“Attualmente, gli operatori sanitari dovrebbero considerare l’infezione da vaiolo delle scimmie in individui con segni clinici appropriati come parte della diagnosi differenziale”, ha affermato. sul sito Istituto statale di sanità pubblica.

Monkeypox è una rara infezione virale. Prendono il nome dalle scimmie scimmia dove il virus fu scoperto per la prima volta alla fine degli anni ’50. La malattia umana è stata segnalata per la prima volta negli anni ’70 e il numero di casi in Africa occidentale è aumentato negli ultimi decenni.

Gli esperti considerano basse le possibilità di trasmissione senza contatto sessuale. “C’è la necessità di informare i professionisti e il pubblico in generale sui potenziali rischi di contrarre il vaiolo, specialmente negli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini o persone che hanno rapporti sessuali occasionali o hanno più partner”.

L’agenzia sanitaria ha affermato che nell’uomo i sintomi del vaiolo delle scimmie sono simili ma più lievi della varicella.

“Iniziano con febbre, mal di testa, muscoli, schiena e affaticamento e ingrossamento dei linfonodi (linfoadenopatia). Entro uno o tre giorni (a volte più a lungo) dopo l’inizio della febbre, i pazienti sviluppano una caratteristica eruzione cutanea (varicella), che spesso inizia sul viso e poi diffondersi in altre parti del corpo.

La malattia stessa dura dalle due alle quattro settimane, protetta dalla stessa vaccinazione contro il vaiolo.

Secondo TK, la mortalità del vaiolo delle scimmie varia ampiamente, ma non supera il dieci percento di quelli infetti. In passato, la vaccinazione contro il vaiolo ha dimostrato di essere efficace all’85% per il vaiolo.

Circa una settimana fa, il Regno Unito ha segnalato i suoi primi casi, con sette finora sospetti, la Spagna otto e il Portogallo 25. Anche l’Italia ha segnalato pazienti.

Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.