Italia: Berlusconi pronto per le elezioni presidenziali

Silvio Berlusconi davvero adesso? Sì, l’ex Presidente del Consiglio italiano, che è stato coinvolto in molti scandali e procedimenti giudiziari, vuole riprovare. All’età di 85 anni, correva per la più alta carica. Vuole essere il Presidente dell’Italia.

“Penso che Silvio Berlusconi possa essere utile al Paese”, ha detto di sé il vecchio politico conservatore, noto anche come Cavaliere (“cavaliere”). All’inizio di dicembre, Berlusconi ha inviato ai legislatori una sua foto aggiornata dopo un intervento di chirurgia plastica, nonché una raccolta dei suoi migliori discorsi.

In Italia, questo è visto come l’inizio della sua campagna presidenziale. Molti osservatori, tuttavia, gli hanno dato poche possibilità. Ma Berlusconi, sostenuto dai populisti di destra Matteo Salvini e Giorgia Meloni Meloni, che guida i “Fratelli d’Italia” di estrema destra, ha preso una posizione chiara prima di Natale, dicendo: “Vogliamo un patriota. Berlusconi, non Draghi”.

Draghi rispettato in Ue

Tuttavia, l’attuale Presidente del Consiglio Mario Draghi, che guida un governo tecnocratico stabile e di successo, è molto rispettato in Italia e in Europa. Il 74enne ex presidente della Banca centrale europea ha delle ambizioni, ma senza di lui alla guida il governo crollerebbe presto. In parlamento, il governo è sostenuto da una coalizione informale di unità nazionale, che comprende tutti i partiti tranne il partito di estrema destra Meloni.

“Questa maggioranza potrebbe crollare”, ritiene Lutz Klinkhammer, esperto di affari italiani all’Istituto di storia tedesca di Roma. Il governo ha distribuito principalmente 200 miliardi di euro dal Fondo per la ricostruzione dell’UE per far fronte alla pandemia di coronavirus. “Senza i soldi di Bruxelles, questa grande coalizione non sarebbe avvenuta… Non credo nella stabilità di questo governo, se Draghi fosse eletto presidente”, ha detto.

Nuove elezioni potrebbero portare populisti di destra, governi euroscettici, e se la ripresa economica dell’Italia vacilla dopo la pandemia, il resto dell’Unione Europea ne risentirà sicuramente.

E due signore come suggerimento…

Enrico Letta, capo dei socialdemocratici italiani, ritiene che sarebbe molto meglio se Mario Draghi rimanesse capo del governo fino al termine della sua legislatura nella primavera del 2023 e mettesse in atto il suo programma di riforme. “L’Italia rimane l’anello più debole dell’Eurozona, il che significa che la politica italiana è fondamentale per la sopravvivenza e la prosperità dell’UE negli anni a venire”, ha scritto l’economista Nouriel Roubini.

A differenza del Presidente Federale della Germania, il Presidente della Repubblica Italiana ha un’influenza decisiva quando c’è una crisi politica. Può nominare il capo del governo e deve approvare le liste dei gabinetti. Potrebbe anche sciogliere il parlamento. Con questo potere, il presidente uscente Sergio Mattarella ha nominato Presidente del Consiglio un anno fa l’amico Mario Draghi e ha posto fine alla crisi di governo. Forse Draghi vuole prendere quella posizione. Tuttavia, la maggioranza dei 1.009 elettori che eleggeranno un nuovo presidente il 24 gennaio non è chiara e il sistema elettorale è molto complicato.

Lo scorso fine settimana persone del campo culturale hanno pubblicamente chiesto la fine della contrattazione tra i due vecchi. Hanno nominato due donne come candidate. Il ministro della Giustizia Marta Cartabia e la sua ex collega Paola Severino. Come ha scritto la rivista britannica The Economist: “È impossibile, ma sono successe cose strane”.

Sorgente DW

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.