Italia: i retroscena delle dimissioni di Draghi

L’ambientazione ricorda un film sulla mafia, in Italia. I grandi capi si riuniscono intorno al tavolo e prendono grandi decisioni. E quando tutte le teste grosse, “capi” si radunano intorno al tavolo, l’incontro può riguardare solo due cose. Ridistribuiscono la torta o eleggono un nuovo grande leader. Capo sul cappuccio.

Di Thodoris G. Kanellos

Tale è stato l’incontro avvenuto martedì scorso, nella lussuosa villa di Berlusconi, Villa Grande nel quartiere più costoso di Roma. Capi ridistribuisce il mazzo, avendo prima “ucciso” Capo nel precedente Capi. Il Presidente del Consiglio Mario Draghi. Hanno convenuto che non si sarebbero dimessi dalla posizione che avevano dichiarato a “Super Mario” e non gli hanno dato altra scelta che dimettersi.

Questa sarà la prima elezione nazionale che si terrà in autunno in Italia. Un momento delicato, non solo perché il caldo estivo colpisce il Paese e tutti pensano al fresco e al mare, ma anche perché subito dopo i rastoni estivi, in Parlamento inizia la votazione del bilancio.

Il Paese sarà in pieno caldo e siccità per le elezioni anticipate, con un periodo pre-elettorale, un po’ spasmodico, con pensieri e pensieri frammentati nel… bagno. Il banchiere domestico e ora primo ministro ad interim potrebbe aver trasformato il suo cuore in pietra e sorriso, ma stava dicendo la verità. “Dobbiamo fare i conti con gravi problemi ed emergenze, come la pandemia, la guerra in Ucraina, l’inflazione e i costi energetici”.

Guerra

Draghi è diventata l’orchestra della dura risposta dell’Europa alla Russia. Giorgia Meloni, capo del partito Fratellanza e ampiamente considerata come il prossimo primo ministro italiano, si è affrettata a dire che non ci sarebbe stato alcun cambiamento nella politica statale sulla questione.

Fondo di recupero

Tuttavia, questa non è l’unica questione in sospeso che la nuova amministrazione ha dovuto affrontare. L’Italia riceverà più di 200 miliardi di euro dal Recovery Fund, ma i soldi non arriveranno “gratuiti”. Il paese ha bisogno di passare attraverso una serie di riforme graduali per garantire che i flussi di cassa alle sue casse siano fluidi.
Il governo ospite di Draghi ha finora assicurato quasi 67 miliardi di euro in fondi dell’UE. La Roma dovrà ora raggiungere 55 nuovi obiettivi entro la seconda metà del 2022 per ricevere ulteriori 19 miliardi di euro in tranche, che secondo gli analisti potrebbero rivelarsi più difficili senza Draghi al timone.

Bilancio

Il Parlamento uscito dalle elezioni di settembre deve votare sul bilancio 2023. Se non lo fa a dicembre, la spesa per i primi quattro mesi del prossimo anno viene automaticamente ripartita mese per mese sulla base del progetto di bilancio descritto dal ministero delle Finanze.

E ci sono ancora altri in sospeso, come la cessione di ITA AIRWAYS, la ricapitolazione della banca statale MONTE DEI PASCHI DI SIENA, 2,5 miliardi da incassare entro metà novembre, la riforma della magistratura e altri.

Capi non ha mostrato alcuna preoccupazione. Hanno mangiato pesce spada alla griglia con insalata e sono passati al passaggio successivo. Hanno estorto l’uomo che ha cercato di ospitare uno dei più grandi paesi d’Europa, con i suoi enormi debiti. E ci sono riusciti.

Villa Grande

Villa Grande

Nella villa di lusso dove abita Zeffirelli è presente Matteo Salvini della Lega di estrema destra, con i rappresentanti di altri gruppi e i loro compagni. C’era anche Giorgia Meloni, ma al telefono.
“Ora, l’Italia sta affrontando mesi di caos. Ci vorranno probabilmente diverse settimane dopo le elezioni del 25 settembre prima che si possa formare una nuova coalizione. La crisi politica in Italia è anche un problema per l’Unione Europea. La banca centrale sta cercando di prevenire una recessione minacciosa e al tempo stesso equilibrio con misure per allentare l’inflazione, ma il rischio di una nuova crisi del debito è sempre in agguato”, scriveva qualche giorno fa il quotidiano Poltico.

Super Mario sta dormendo profondamente

“Mentre infuria la guerra in Ucraina e le riserve energetiche diminuiscono, alcuni nella scena politica italiana ora si chiedono se i diritti sappiano davvero cosa hanno fatto. Per il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, i partiti della coalizione di destra “giocano con il futuro del popolo italiano. I risultati di questa tragica scelta rimarranno nella nostra storia”, ha affermato.

La storia, però, è scritta sull’Appia Antica, la via più glamour di Roma, ricca di monumenti e catacombe. Strada storica, con residenti storici. Tra loro ci sono star del cinema come Gina Lollobridgeta e Valentino, uno stilista di 90 anni.

Secondo quanto riferito, Villa Grande è stata acquistata da Berlusconi alcuni anni fa e ceduta in prestito al defunto regista Franco Zeffirelli. Ora regna una nuova regina. La nuova fidanzata di Berlusconi da 32 anni, Marta Fascina. Tutti gli occhi erano puntati su di lui. Accendono il sangue e succede quello che succede.

Berlusconi e Mata Fasina

Il padrone di casa, Meloni, 45 anni, e… il caldo ha messo tutto sottosopra. Ora la destra teme di essere accusata del rovesciamento del padrone di casa Mario Draghi. Ma probabilmente stava dormendo profondamente.

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.