Italia – Muore Calisto Tanzi – Dall’ascesa dell’impero lattiero-caseario nella Parmalat .scandalo

Calisto Tanzi, noto in Italia come fondatore e proprietario del colosso caseario Parmalat, è morto la notte di Capodanno all’età di 83 anni, ma anche a causa dell’omonimo scandalo finanziario.

Originario di Parma, nel nord Italia, Tanzi ha fondato il suo impero caseario all’età di 22 anni, iniziando l’azienda di famiglia di suo nonno e trasformandola in una multinazionale. In pochi anni le multinazionali contavano circa 130 stabilimenti in tutto il mondo.

Inventore del latte a lunga conservazione, è presente nei settori dell’alimentazione (Parmalat), del turismo (Parmatour), della televisione (Odeon TV) e del calcio (Parma Calcio). Fu generoso con la città di Parma, dove donò una grossa somma di denaro per un importante restauro.

Nonostante il suo successo, Calisto Tanzi si è trovato nel bel mezzo di una tempesta quando il colosso Parmalat è crollato nel 2003 e si è scoperto che aveva fondato la più grande fabbrica di debiti nella storia del capitalismo europeo.

È entrata in borsa negli anni ’90 e, grazie a una serie di prestiti a migliaia di piccoli risparmiatori, ha compiuto una delle più grandi truffe della storia italiana, creando un tracollo di circa 14 miliardi di euro.

Nel 2010 Tanzi è stato condannato a quasi 18 anni di carcere, mentre Parmalat (o ciò che resta dell’ex colosso) è entrato a far parte della francese Lactalis.

Calisto Tanzi perse infatti, a causa di un grave scandalo finanziario, il titolo onorifico di “Cavaliere del Lavoro”, che gli fu conferito nel 1984 dall’ex Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.